Giugno 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un generale ucraino spiega come si è preparato il suo paese: “Il nemico ha dovuto sanguinare bianco per rifiutarsi di avanzare ulteriormente”

Un generale ucraino spiega come si è preparato il suo paese: “Il nemico ha dovuto sanguinare bianco per rifiutarsi di avanzare ulteriormente”

Soprannominato il “Generale di ferro”, Valery Zaluzhnyj non ha dedicato molto tempo ai media dall’inizio dell’invasione russa. In un’intervista inedita con il giornalista e documentarista Dmytro Komarov, ha rilasciato alcune informazioni che fino ad ora erano state tenute segrete. Ha spiegato la strategia adottata dal suo paese per resistere all’invasione della Russia, un paese molto più grande.

Il generale spiega che l’Ucraina si stava preparando meticolosamente all’invasione russa. Poiché l’attacco russo era atteso da tempo, le unità dell’esercito sono state spostate e sono state condotte esercitazioni sul campo e anche il dispiegamento delle difese aeree è stato ridisegnato. Zaluzhnyj spiega che l’Ucraina è stata in grado di spostare persone e risorse inosservata. Si tratta di “informazioni riservate” ha precisato prima di rifiutarsi di parlare di più di queste manovre.

“Abbiamo dovuto dissanguare i bianchi del nemico”

Quando la Russia ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio, la strategia per le prime settimane di guerra era molto chiara. “Avevamo solo un’opzione realistica per rispondere. Si trattava di infliggere le maggiori perdite possibili al nemico – che era più grande e più forte di noi – nel più breve tempo possibile “, spiega il generale. “Dovevi sanguinare il nemico in modo che si rifiutasse di avanzare ulteriormente. E ha funzionato.”

L’Ucraina ha preso di mira le colonne russe sulle strade e nelle città quando ha esaurito il carburante ed era in attesa di rifornimenti. Colpì anche le unità logistiche russe nella parte posteriore di queste colonne.

Lentamente, la battaglia più sanguinosa e più lunga dall’inizio della guerra: Ucraina e Russia rivendicano il successo

READ  Almeno due persone sono rimaste ferite in violenti disordini nei Paesi Bassi venerdì sera per protestare contro le misure sanitarie! (video)

“Sono una persona con dei sentimenti”

L’uomo parla poco delle sue emozioni. Sul campo di battaglia, non li mostrano. Di fronte a Komarov, si è preso qualche secondo per ricordare l’orrore di questa guerra. Ha detto: “Sono un essere umano con sentimenti, proprio come tutti gli altri”. “Solo perché non mostro il dolore non significa che non ci sia. Di tanto in tanto controllo i miei contatti sul telefono e vedo i nomi delle persone che non ci sono più. Non ho il coraggio per eliminarli. Potrebbe venire fuori, ma non credo di essere ancora pronto a farlo. “In ogni caso, saranno sempre con me, nella mia testa e nel mio cuore.”

Guarda anche su LaLibre.be