Luglio 5, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un fenomeno eccezionale nel cielo: il prossimo accadrà dopo 102 anni

Per diversi giorni, i sette pianeti principali che ruotano attorno al Sole e alla Luna saranno visibili dalla Terra nella stessa regione del cielo. Queste sono le condizioni per partecipare a questo raro evento.

Tempo di lettura: 3 minuti

cA giugno si verificherà un evento insolito nel cielo, riferisce Le Parisien. Dalla Terra, se le condizioni saranno soddisfatte, potremo osservare gli altri sette pianeti del sistema solare. Almeno quattro di loro (Venere, Marte, Giove e Saturno) e la Luna possono essere goduti ad occhio nudo nel cielo notturno. Il binocolo dovrebbe essere sufficiente per completare il quadro con Mercurio, Urano e Nettuno.

Lo spettacolo durerà circa due settimane. Secondo i calcoli Istituto di Meccanica Celeste e Calcolo delle Effemeridi (IMCCE), i pianeti e la Luna formeranno una linea che sarà completamente visibile al termine della notte tra il 14 giugno e il 27 giugno. Il massimo inasprimento avverrà il 22 giugno. L’ultima volta che questo fenomeno si è verificato è stato nel dicembre 1997. La prossima opportunità per vedere questa linea di pianeti, nel frattempo, sarà nel novembre 2124, entro 102 anni …

Come ci accorgiamo del fenomeno?

Dovresti essere pronto molto presto, intorno alle 4:30 o anche alle 4 del mattino se scegli una delle ultime date di questo periodo. È importante trovare un luogo dove l’orizzonte sia sereno, condizione indispensabile per vedere Mercurio, che apparirà molto presto prima dell’alba. “Dobbiamo stare all’erta, perché non durerà per ore. Dirò circa 15 minuti da quando Mercurio sarà abbastanza alto da essere visibile fino alla fine del crepuscolo. Non saremo più al buio “, spiega Pascal Decamps, responsabile dei calcoli astronomici e del servizio informazioni presso IMCCE ai nostri colleghi. .

Venere mostrerà uno splendore sfacciato, che non può mancare. Non ci sarà inoltre alcuna difficoltà a localizzare il rosso Marte alla sua destra, poi i due giganti Giove e Saturno, e perché no indovinare gli anelli di quest’ultimo con un binocolo o un telescopio. Mercurio, può presentare una certa sfida.



Occhiali e binocoli verranno utilizzati principalmente per individuare due piccoli punti bluastri. All’estrema sinistra, Urano, tra Venere e Marte. Quanto a Nettuno, sarà posto tra Giove e Saturno. “Questo è uno degli interessi di questa convergenza: usare i pianeti grandi e luminosi per trovare quelli più piccoli che non lo sono”, spiega Pascal Decamps. “La difficoltà è trovare sempre un appoggio molto stabile. Anche per osservare un oggetto luminoso è necessario essere ben fissato. Meglio usare il telescopio su un treppiede”.

READ  È il primo del suo genere al mondo per i ricercatori dell'Università della California a Louvain che hanno scoperto un farmaco contro il Covid