Giugno 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un BMI molto alto è dannoso per la salute del cervello

Un BMI molto alto è dannoso per la salute del cervello

Il peso può influire sulla salute del cervello secondo uno studio pubblicato su salute Scienza dei datiUn BMI elevato è associato a una cattiva salute del cervello. È definita come la preservazione dell’integrità cerebrale, delle funzioni mentali e cognitive e l’assenza di evidenti disturbi neurologici. L’indice di massa corporea si calcola dividendo il peso per il quadrato dell’altezza. Quando il numero ottenuto è superiore a 25, si è in sovrappeso e l’obesità supera 30.

Quali sono i collegamenti tra BMI e salute del cervello?

Il gruppo di ricerca del Beigjing Friendship Hospital in Cina si è basato su dati medici e imaging cerebrale di oltre 1.000 persone, di età compresa tra 25 e 83 anni, che sono state seguite per più di 16 anni. Utilizzando tecniche di modellazione, sono stati in grado di analizzare la relazione tra BMI e salute del cervello. Gli scienziati hanno scoperto che un BMI più elevato è associato a una dimensione del cervello più piccola, soprattutto negli adulti sotto i 45 anni e in quelli sopra i 60 anni. Hanno notato anche maggiori danni alla sostanza bianca, ad alcuni tessuti del sistema nervoso centrale e difetti nell’integrità microstrutturale. “Un BMI cumulativo elevato è dannoso per la salute del cervello, soprattutto nei giovani di età inferiore ai 45 anni, poiché corrisponde a circa 12 anni di invecchiamento cerebrale. Ha commentato il professor Han Luff. Mantenere un indice di massa corporea inferiore a 26,2 kg/m3; Si raccomanda per garantire una migliore salute del cervello“.

Una migliore prevenzione del sovrappeso e dell’obesità per migliorare la salute del cervello

Nell’introduzione al loro lavoro, gli autori affermano che “Il peso del sovrappeso e dell’obesità è aumentato significativamente negli ultimi due decenni.. Questa affermazione è confermata dai dati diOrganizzazione sanitaria globale : “Dal 1990 al 2022, la percentuale di bambini e adolescenti obesi di età compresa tra 5 e 19 anni è quadruplicata, dal 2% all’8% a livello globale, mentre la percentuale di adulti (18 anni e oltre) obesi è più che raddoppiata, passando dal 7% all’8%. 16%”annuncia. Di fronte a questi numeri, gli scienziati cinesi ritengono che la loro analisi fornisca “Informazioni importanti sulla relazione tra indice di massa corporea e salute del cervello.. Per loro, questo è una confermaLa necessità di strategie di sanità pubblica Versare”Controllare il BMI per migliori risultati neurologici”..

READ  Salute: come si può ridurre la quota residua per i pensionati?