Giugno 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Un enorme messaggio di speranza”: il neurologo crede nel possibile ritorno di Celine Dion

“Un enorme messaggio di speranza”: il neurologo crede nel possibile ritorno di Celine Dion

Un neurologo inizia a credere che il ritorno sulla scena di Celine Dion sia possibile grazie alla sua tenacia, che potrebbe offrire un messaggio di speranza ai pazienti affetti dalla stessa malattia.

Ha aggiunto: “Quando è stata annunciata questa diagnosi, ero molto scettico, e più le cose andavano avanti, più vedevamo la sua determinazione, più cominciavamo a crederci”. Il dottor Julian J. ha detto: “Spero davvero che questa sia una dimostrazione di forza e volontà che sarà assolutamente straordinaria”, ha affermato Kavanagh, assistente professore di neuroscienze presso l’Emory University Hospital.

Tuttavia, il neurologo spiega che l’accesso alle cure di cui sicuramente il cantante trarrebbe beneficio potrebbe giocare un ruolo importante, se un ritorno diventasse possibile.

“Anche questo va riconosciuto [elle est] “Nelle condizioni di accesso alle cure con un’équipe che le è senza dubbio vicina, in condizioni a cui la maggior parte dei pazienti non può accedere, questo è senza dubbio ciò che giocherà un ruolo”, ha spiegato al programma “Le Belan”.

Tuttavia, il dottor Kavanagh, che è anche un fan di Celine, vede motivi di ottimismo: “Sarà un enorme messaggio di speranza per tutti i pazienti affetti da questa malattia le cui vite sono state gravemente colpite”.

Il documentario, che uscirà su Prime il 25 giugno, ripercorre la battaglia della cantante e mette in luce la malattia che l’ha tenuta lontana dalle scene per diversi anni: la sindrome della persona rigida.

«È una malattia del sistema nervoso centrale, dove le istruzioni che permettono ai muscoli di rilassarsi non arrivano a livello del cervello. […] Lo specialista ci spiegò che se i muscoli che si rilassavano non riescono più a rilassarsi, diventiamo completamente irrigiditi.

READ  Questa scoperta potrebbe portare a un vaccino

Per vedere l’intervista completa, guarda il video qui sopra.