Febbraio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Ulteriori indagini” da Hanouna: Bubba è invitato alla fine dello spettacolo

“Ulteriori indagini” da Hanouna: Bubba è invitato alla fine dello spettacolo

Per decifrare il dietro le quinte di “Touche pas à mon poste” (TPMP), il programma di punta del conduttore, la giornalista Virginie Vilar ha intervistato una trentina di collaboratori diretti, 15 dei quali hanno denunciato il “clima difficile”, la maggior parte dei quali a condizioni dell’anonimato.

Cyril Hanouna è stato presentato da una fonte anonima in particolare come un “guru” che “ti fa capire che sei insignificante” e che ha il potere di togliere dall’aria i suoi editorialisti “proprio così, all’improvviso”.

L’uomo forte del C8 è stato anche accusato di aver “informato” le sue forze prima di diffondere un notiziario contro un bambino in modo che almeno “due di loro” affermassero di chiedere la pena di morte.

Il documentario non sorprende che ritorni allo stile “allegro e ampolloso” del conduttore, oltre a diverse polemiche che sono valse al C8 una raffica di ammonizioni e sanzioni da parte di Arcom – per un totale di 7,5 milioni di euro – comprese quelle relative agli ospiti erroneamente rappresentati come Brav. -M agenti di polizia.

“Non un giornalista”

In particolare, scopriamo che nome, recapiti e tessera professionale sono stati inviati dalla produzione sulla base di una “richiesta giudiziaria”, nonostante la promessa di anonimato. “Non siamo giornalisti, non siamo un’agenzia di stampa”, risponde nel documentario Lionel Stan, braccio destro di Cyril Hanouneh e amministratore delegato della sua società di produzione H20.

Cyril Hanouna “voleva essere considerato un giornalista nel senso nobile del termine”, attesta il suo difensore Arnaud Lagardère, il cui gruppo omonimo è stato acquistato da Vivendi, la società madre di C8, controllata dal miliardario Vincent Bolloré.

READ  MI:7, c'est vraiment Mission Impossible per Tom Cruise !

Lo scopo del documentario non è “abbattere e abbattere” Cyril Hanouna, ha sottolineato mercoledì Virginie Villar davanti a un gruppo di giornalisti, tra cui l’AFP. Ma invece di “analizzare i meccanismi dello spettacolo”, ha aggiunto il presentatore di Complément d’Enquête Tristan Wallix.

Questa trasmissione di giovedì alle 23 è il culmine di una lunga disputa tra la rivista France 2 e il potente conduttore e produttore 49enne, che si è rifiutato di rilasciare un’intervista, a differenza del rapper Booba, critico di Cyril Hanouna , che prenderà posto alla fine dello spettacolo.

A maggio, Hanouneh, al TPMP, aveva promesso che questo caso avrebbe segnato la “fine” del “completamento delle indagini”, prima di chiedere poi una “valvola”.

Lunedì al TPMP ha trasmesso in modo satirico il trailer dello spettacolo e ha letto il comunicato stampa di France Télé, che gli attribuisce una fortuna “stimata in 85 milioni di euro”. “Numero non valido”, ha detto. “Per il resto il resto non è male”, ha commentato.

“Vendette”

Tuttavia, l’esperta Virginie Villar ha confermato a Télérama che si è trattato “dell’indagine più complessa di tutta la sua carriera”, tra manovre intimidatorie e accuse di aver pagato falsi testimoni.

La stessa Télérama ha indagato sull’ospite e ha riferito di “timore di ritorsioni” da fonti anonime.

Il settimanale constata una sorta di silenzio mediatico nell’impero Bolloré riguardo a Cyril Hanouna, il cui spettacolo ha fruttato la metà degli introiti pubblicitari di C8 (“7,5 milioni a settembre”), secondo “Complément d’Investigation”.

Lanciato nel 2010 su France 4 e trasferito nel 2012 su D8, oggi C8, TPMP, trasmesso tutti i giorni feriali prima della sera, ha attirato una media di 1,8 milioni di spettatori lo scorso mese sul suo schermo principale.

READ  Il direttore di Danses & Cie cambia sesso e nome nella causa civile

Il programma, che mescola intrattenimento e argomenti di attualità, è regolarmente accusato di favorire gli scontri o addirittura di diffondere informazioni false. Tuttavia, i suoi sostenitori sostengono che TPMP attrae un pubblico più popolare rispetto a programmi simili.

Editorialista del TPMP dall’inizio dell’anno accademico ed ex presentatore del programma “Complément d’investigation”, Jacques Cardoz ha recentemente annunciato che stava preparando un documentario anti-C8 per la rivista France 2 all’inizio del 2024. L’accusa di ” alla deriva” e alla “politicizzazione” a sinistra.