Maggio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Uccelli giganti appesi a terra

Uccelli giganti appesi a terra

Lo struzzo africano, il nandù dell'America meridionale, l'emù e il casuario dell'Oceania, sebbene geograficamente molto distanti, questi uccelli giganti, riuniti sotto il termine struzzo, condividono l'aspetto e l'incapacità di volare. Come sono riusciti ad ancorarsi al suolo?

Destini che si incrociano

Prima dello struzzo della savana africana, che già impressionava con la sua altezza di 2,80 metri, c'era un uccello molto più grande che abitava da milioni di anni nelle foreste della Nuova Zelanda: il gigante moa. Questo uccello, il più grande finora conosciuto, con un peso medio di 200 chilogrammi, si estinse solo 600 anni fa, contemporaneamente all'arrivo dei Maori sull'isola. Grazie alle numerose scoperte di scheletri di moa, gli scienziati possono affermare che, come lo struzzo, non era in grado di volare.

A più di 11.000 chilometri di distanza, in Madagascar, le cripte sono piene di biodiversità estinta, tra cui le ossa di Aepyornis chiamati uccelli elefante. In prossimità del moa neozelandese, gli epurni erano più piccoli, ma più pesanti. Anche questi goffi uccelli, endemici del Madagascar, non potevano volare ed erano privi di qualsiasi predatore… fino all'arrivo dell'uomo. Dopo essere stati cacciati fino in fondo, gli uccelli elefante si estinsero intorno all'anno 1000.

Prime ipotesi

Per spiegare la presenza di uccelli sparsi, molto simili, ma privi della capacità di volare, gli scienziati hanno pensato innanzitutto alla rotta marittima. “Grazie ai frammenti di gusci d'uovo trovati in gran numero sulle spiagge, sappiamo che gli uccelli elefante andavano lì a deporre le uova”, spiega il documentario Arte. Possiamo allora immaginare che un uovo sfugga occasionalmente alla vigilanza del gruppo per rotolare verso l'oceano e stabilirsi in altre terre emergenti.

READ  🔎 M109 - Definizione e Spiegazioni

All'inizio del XX secolo, quando i geologi dimostrarono il principio della tettonica a placche, questa prima idea fu abbandonata a favore di un'altra: forse i ratiti viaggiavano su isole alla deriva quando Gondwana, o supercontinente, iniziò a riaprirsi 160 milioni di anni fa. “Il ratite aveva un antenato comune nel Gondwana e, quando si separò in diverse placche, ogni parte di questo gigantesco continente fu in grado di portare con sé il proprio ratite”, afferma il paleontologo malgascio nel documento. “Questo ha dato origine a specie diverse in ciascuno dei continenti che conosciamo oggi.”

Scoperte tecnologiche

La teoria della tettonica a placche è stata per lungo tempo una spiegazione affidabile per la diffusione degli uccelli giganti in tutto il mondo. Ma i recenti progressi nell’analisi genetica hanno messo tutto in discussione. Oggi i paleogenetisti possono confrontare il DNA non solo di un organismo contemporaneo, ma anche di una specie estinta.

Poi uno di quegli specialisti, Keren Mitchell, fece una scommessa coraggiosa confrontando il DNA dell'uccello gigante estinto con… Il kiwi, un piccolissimo uccello della Nuova Zelanda, è riservato e incapace di volare. un risultato ? Il kiwi è l'animale più vicino all'uccello elefante. Ciò significa quindi che il tasso più pesante ha un antenato comune con il più piccolo. Grazie ad analisi più dettagliate gli scienziati possono confermare che questo antenato visse dopo la disgregazione del Gondwana e la scomparsa dei dinosauri. Ciò invalida la teoria della deriva, ma suggerisce una nuova ipotesi formulata da Keren Mitchell: “Crediamo che l’antenato comune dei kiwi e degli uccelli elefante fosse semplicemente in grado di volare!”

Più spazio, più massa!

Ma allora, se l'antenato comune di alcuni organismi era in grado di volare per creare la propria prole in continenti diversi, perché hanno perso questa capacità? “La catastrofe che portò alla scomparsa dei dinosauri spazzò via anche il 70% delle specie animali”, analizza il paleontologo. “Molto presto dopo l’estinzione dei dinosauri, i microrganismi approfittarono di questa assenza per diventare giganteschi e, di conseguenza, incapaci di volare”.

READ  Tutto quello che devi sapere per partire al meglio con il primo reset settimanale del 2024 su WoW - World of Warcraft

Questo articolo è apparso su Le Telepro il 4/11/2024