Aprile 18, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Turchia: Erdogan riconosce una vittoria storica dell’opposizione alle elezioni municipali e promette di “rispettare la decisione della nazione”

Turchia: Erdogan riconosce una vittoria storica dell’opposizione alle elezioni municipali e promette di “rispettare la decisione della nazione”

Il principale partito di opposizione, il Partito popolare repubblicano (socialdemocratico), ha ottenuto la vittoria a Istanbul e Ankara, le due città più grandi della Turchia, e ha vinto in molte altre città, come Bursa, una grande città industriale nel nord-ovest che è stata acquisita dal AKP dal 2004. .

L'annuncio dei risultati finali da parte della Commissione Elettorale (YSK), atteso nella giornata di lunedì, confermerà questi risultati, che sono già stati consolidati dalle principali parti interessate, compreso il Capo dello Stato.

Dalla sede del suo partito ad Ankara e davanti a una folla insolitamente depressa e silenziosa, il presidente turco ha promesso:Rispettare la decisione della nazione“.

Poco prima, il sindaco uscente di Istanbul, Ekrem Imamoglu, cinquantenne amante dei media, aveva annunciato la sua rielezione alla guida della più grande città della Turchia, da lui occupata nel 2019, senza nemmeno attendere i risultati ufficiali. Verrà annunciato.

La democrazia spazzerà questa sera (…) le piazze, le strade, le università, i caffè e i ristoranti di Istanbul“, ha esclamato giubilante il consigliere davanti a decine di migliaia di suoi sostenitori, precipitandosi verso la sede municipale, sotto un'ondata di bandiere rosse turche e fumogeni.

Ad Ankara, il sindaco del Partito popolare repubblicano, Mansur Yavaş, che era in prima linea, aveva già dichiarato la vittoria, sottolineando davanti a una folla di persone che “Coloro che sono stati ignorati hanno inviato un messaggio chiaro a coloro che governano questo Paese“.

Svolta in Anatolia

Gli elettori hanno scelto di cambiare il volto della Turchia“, come stimato dal capo del Partito popolare repubblicano, Ozgur Ozil.

READ  Un giardino di museo in cui si sente la noia dessine des yeux avec uno stile a bille sur un tableau de près d'un million d'euros | Insolito

Oltre a Izmir (ovest), la terza città più grande del paese e roccaforte del Partito popolare repubblicano, e Antalya (sud), dove i sostenitori dell'opposizione hanno iniziato a festeggiare la vittoria nelle strade, il principale gruppo di opposizione ha fatto progressi sorprendenti in Anatolia.

È in testa alla corsa nei capoluoghi di regione che il Partito Giustizia e Sviluppo controlla da tempo, secondo i risultati della semifinale che hanno sorpreso gli osservatori.

Il presidente Erdogan, 70 anni, al potere da 21 anni, ha dato il suo contributo alla campagna, soprattutto a Istanbul,…gioiello“Per il Paese, la sua capitale economica e culturale, di cui è stato sindaco negli anni Novanta e che si è rivolto all’opposizione nel 2019.

Ma l’impegno del capo dello Stato, annunciato all’inizio di marzo, è che queste elezioni siano “La sua ultima cosa“Non è abbastanza.”

C’è bisogno di equilibrio almeno a livello locale rispetto al governoLo ha detto domenica mattina all'AFP Serhan Solak, 56 anni, residente ad Ankara, venuto a votare per Mansur Yavaş, sindaco uscente del Partito popolare repubblicano.

Tuttavia, i candidati dell’AKP sono rimasti in testa in diverse grandi città dell’Anatolia (Konya, Kayseri, Erzurum) e del Mar Nero (Rize, Trabzon), roccaforti del presidente Erdogan, mentre il DDP filo-curdo ha guadagnato un comodo vantaggio nelle elezioni. Diverse grandi città nel sud-est a maggioranza curda, tra cui Diyarbakir, la capitale non ufficiale dei curdi della Turchia.

Battaglia del 2028

Durante tutta la campagna elettorale, il presidente Erdogan ha tenuto riunioni quotidiane, approfittando del tempo di trasmissione illimitato sulla televisione pubblica, quando i suoi avversari ne erano quasi privati.

La sconfitta dell’AKP, soprattutto a Istanbul, avrà conseguenze disastrose.

READ  La guerra in Ucraina porterà a una ripresa del consumo di carbone?

Tenendosi stretto alla città, il presidente ha annullato le elezioni municipali del 2019, solo per vedere Imamoglu vincere fortemente in una seconda votazione organizzata tre mesi dopo, subendo così la sua peggiore battuta elettorale da quando è salito al potere nel 2003 come primo ministro.

Da allora, il sindaco di Istanbul, che si è unito alla piattaforma delle figure politiche preferite dai turchi, ha continuato a emergere come un rivale diretto del capo dello Stato, che ha tuttavia descritto come un “sindaco part-time” predatorio a causa della sua nazionalità ambizioni. .

Per molti osservatori, una volta eletto il sindaco di Istanbul, avrà la strada verso le elezioni presidenziali del 2028.

Il dimissionario capo dello Stato gli ha parlato di “Quattro anni di lavoro (…) non vanno sprecati“Fino ad allora è un modo per escludere la possibilità di indire elezioni anticipate che gli permetterebbero di ricandidarsi.