Aprile 18, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Supplicanti Fiducia” davanti agli omosessuali che scelgono la castità

“Supplicanti Fiducia” davanti agli omosessuali che scelgono la castità
I membri del gruppo “Paris Courage”, associazione che sostiene gli omosessuali che vogliono allineare la propria vita agli insegnamenti della Chiesa, tornano sulle confusioni che, a loro avviso, si sono diffuse nell'interpretazione di “Fiducia Suplicans”. Per Javier Guillaume, presidente del Gruppo di Parigi, queste confusioni indeboliscono i cristiani che hanno bisogno di essere rafforzati nel loro impegno per la fede.

L'ultimo comunicato diffuso dal Dipartimento della Dottrina della Fede Chiedendo fiducia Ha creato un’ondata di incomprensione all’interno della Chiesa, rivelando la difficoltà di accompagnare le coppie irregolari e le coppie dello stesso sesso, senza abbandonare la verità e le esigenze della conversione evangelica. Tuttavia, se la voce delle persone a favore del riconoscimento delle coppie dello stesso sesso è ampiamente ascoltata, la voce delle persone LGBT che vogliono adattare la propria vita agli insegnamenti della Chiesa viene spesso ignorata. Ecco perché, come membri della Missione della Courage Society che accompagna e sostiene queste persone, vogliamo testimoniare ciò in cui crediamo e ciò che viviamo. Crediamo che la nostra esperienza meriti di essere ascoltata come segno di speranza e come domanda per la Chiesa e il mondo.

La nostra testimonianza

Come dice il Catechismo della Chiesa Cattolica, l’esperienza dell’attrazione verso persone dello stesso sesso, quando si è credenti, è spesso una prova (Commissione elettorale centrale, 2358). L'attrazione sessuale tocca la profonda intimità di una persona, il suo desiderio di amare ed essere amata. Come cattolici, non ignoriamo gli insegnamenti della Scrittura, della Tradizione e del Magistero della Chiesa sulle questioni morali legate alla pratica omosessuale. Tutti noi, ad un certo punto della nostra vita, abbiamo dovuto affrontare una scelta difficile: o accettare le sue richieste e sforzarci di conformare la nostra vita ad esse, oppure ignorarle, o addirittura rifiutarle, per vivere la nostra vita come desideriamo.

Abbiamo scelto l'onestà e la fiducia e abbracciamo pienamente questa scelta, desiderando seguire le orme di Cristo per tutta la vita.

Abbiamo scelto l'onestà e la fiducia e abbracciamo pienamente questa scelta, desiderando seguire le orme di Cristo per tutta la vita. Alcuni di noi hanno posto fine alle nostre relazioni per conformarsi alle esigenze della vita cristiana, e tutti ci sforziamo di crescere nella castità giorno dopo giorno, perché crediamo che sia un prerequisito per il vero amore e una fonte di profonda gioia e pace. Ma questa croce che portiamo è appesantita dalla confusione che osserviamo all’interno della Chiesa stessa su questo tema.

La confusione che vediamo

L'insegnamento della Bibbia e della Chiesa è chiaro in tema di etica degli atti omosessuali: “Non possono ottenere il consenso in nessuna circostanza. » (Commissione elettorale centrale 2357) E l'ultimo annuncio Chiedendo fiducia Ha sottolineato che “la dottrina della Chiesa rimane costante” su questo punto. Tuttavia, tra i cattolici si levano regolarmente voci che relativizzano o si oppongono a questo insegnamento. Sentiamo anche preti che sostengono le coppie gay. La confusione che ne risulta può indebolire coloro che hanno bisogno di rinforzo nel loro impegno di fede. Ci sforziamo di comprendere che la Chiesa, che ieri ci chiamava così chiaramente alla castità, oggi può dare l'impressione di accontentarsi di un altro modo di vivere. Questa mancanza di comprensione rappresenta per noi una vera sofferenza.

Il nostro interesse

Incontriamo regolarmente cristiani che commettono atti omosessuali senza paura di commettere errori, e talvolta anche con una certa approvazione da parte dei sacerdoti che ne hanno parlato con loro. Vediamo alcuni che si stabiliscono nella pratica omosessuale da molto tempo, spesso sostenuti da altri cristiani nel loro stile di vita. Certo, la cultura occidentale contemporanea è diventata molto favorevole alle coppie dello stesso sesso, il che rende difficile la recezione dell’antropologia cristiana. Ma ci sono parole della Bibbia che sembrano seri avvertimenti per i credenti, come le parole di San Paolo nella Lettera ai Romani: «Non prendere come esempio il mondo presente, ma trasforma te stesso, rinnovando il tuo modo di pensare, affinché tu possa conoscere qual è la volontà di Dio”. “Ciò che è buono, ciò che può soddisfarlo, ciò che è perfetto” (12,2 MYR), e ancor più ciò che dice Cristo Gesù nel Vangelo: “Voi siete il sale della terra. Ma se il sale diventa inodore, come possiamo restituirgli il sapore? Non ha più valore: viene gettato via e calpestato”. dalle persone” (Monte 5,13).

Sappiamo molto bene che il nostro mondo occidentale si è largamente allontanato dalla tradizione cristiana. Ma i cristiani dovrebbero comunque cercare di ridurre le esigenze della devozione a Cristo a ciò che possono sperimentare con le proprie forze? Alla domanda “Chi può essere salvato?” Interrogato un giorno Gesù, rispose: «Agli uomini è impossibile, ma a Dio tutto è possibile» (Monte 19,25-26). Ci crediamo ancora? Se anche i cristiani arrivassero ad adottare un pragmatismo morale proporzionato all’uomo, potrebbero ancora dirsi fedeli al Vangelo (cfr. Monte 5,48)?

La nostra speranza

Amiamo la chiesa. È Lei che ci ha trasmesso la verità che ci libera e ci salva, e noi crediamo che il suo insegnamento sia certo, perché il Signore le ha promesso il suo sostegno incessante. Preghiamo affinché la Chiesa abbia il coraggio e la forza di chiarire i suoi insegnamenti in questo ambito così da farci sentire sostenuti nelle nostre scelte di vita. Ci auguriamo che ritroviate l'equilibrata audacia della parola, sempre piena di considerazione per il peccatore ma senza condiscendenza verso il peccato, affinché tutti possano adattare la propria vita alla volontà di Dio e assaporare la vera felicità.

design-sans-titren.jpeg
Piazza San Pietro

READ  Live - Guerra in Ucraina: per il presidente Zelensky, il 2023 sarà l'anno della vittoria