Aprile 18, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Elezioni municipali in Turchia: l'opposizione si avvia verso la vittoria a Istanbul e Ankara

Elezioni municipali in Turchia: l'opposizione si avvia verso la vittoria a Istanbul e Ankara

Di fronte alla crisi economica che ha colpito le famiglie, i sindaci di Istanbul e di Ankara, la capitale, hanno favorito gli istituti elettorali.

Nel 33% delle urne scrutinate alle 20:00 ora locale (17:00 GMT), il sindaco uscente di Istanbul del Partito popolare repubblicano (Partito socialdemocratico), Ekrem Imamoglu, ha ottenuto il 49,7% contro 41,5%. % del suo principale concorrente del Partito popolare repubblicano. Il partito al governo, il Partito Giustizia e Sviluppo. Ad Ankara, il sindaco del Partito popolare repubblicano Mansur Yavaş stava per essere rieletto con il 57,1% dei voti contro il 35,6% del suo concorrente, dopo aver contato il 15,4% delle urne.

Il presidente Recep Tayyip Erdogan, al potere da più di vent'anni, ha investito tutto il suo peso nella campagna, soprattutto a Istanbul, la capitale economica e culturale del Paese, dove è stato sindaco negli anni '90 e che si è rivolta all'opposizione nel 2019. .

Ma sembra che il suo impegno non sia bastato, alla luce dei primi risultati.

La rielezione di Imamoglu a presidente della città più grande del paese lo spingerà di fatto in corsa per le elezioni presidenziali del 2028.

Il sindaco uscente ha voluto restare cauto: “Il quadro che abbiamo davanti ci piace, ma stiamo aspettando i risultati completi”, ha detto alla stampa domenica sera il signor Imamoglu.

Nella capitale politica Ankara, Mansur Yavaş, un altro membro di spicco del Partito popolare repubblicano, si avvia verso una comoda rielezione, ricevendo il 56,3% dei voti dopo lo spoglio del 12,4% delle urne. A Izmir (ovest), terza città del Paese – roccaforte del Partito socialdemocratico – il suo candidato è ampiamente avanti.

READ  Cosa ricordi di martedì 5 marzo?

“C'è bisogno di equilibrio, almeno a livello locale, contro il governo”, ha detto domenica mattina all'AFP Serhan Solak, 56 anni, residente ad Ankara che è venuto a votare per Mansur Yavaş.

Nel resto del paese, i candidati dell'AKP sono, come previsto, in testa alla corsa in diverse grandi città dell'Anatolia (Konya, Kayseri, Erzurum) e del Mar Nero (Rize, Trabzon), roccaforte del presidente Erdogan, mentre i sostenitori sono quelli provenienti dal Partito Giustizia e Sviluppo. – Il Partito Democratico del Kurdistan ottiene la vittoria nelle principali città del sud-est a maggioranza curda, inclusa Diyarbakir, la capitale non ufficiale dei curdi della Turchia.

-Battaglia del 2028-

Un seggio elettorale a Istanbul, domenica 31 marzo 2024

©AFP

Durante tutta la campagna elettorale, il presidente Erdogan ha tenuto due o tre incontri al giorno, approfittando del tempo di trasmissione illimitato.

Una nuova sconfitta dell’AKP (il partito islamico conservatore Giustizia e Sviluppo) a Istanbul avrebbe conseguenze disastrose per il capo dello Stato.

Il presidente è rimasto bloccato in città, ripetendo lì le elezioni municipali del 2019, solo per vedere Imamoglu vincere nuovamente in una seconda votazione organizzata tre mesi dopo, subendo così la sua peggiore battuta elettorale da quando è salito al potere nel 2003 come primo ministro.

Da allora, il sindaco di Istanbul, che si è unito alla piattaforma delle figure politiche preferite dai turchi, ha continuato a emergere come un rivale diretto del capo dello Stato, che ha tuttavia descritto come un “sindaco part-time” predatorio a causa della sua nazionalità ambizioni. .

Una vittoria domenica sera rafforzerebbe la sua aura.

Il sindaco dell'opposizione di Istanbul, Ekrem Imamoglu, è venuto a votare con la moglie e i due figli

©AFP

È possibile che la prossima partita presidenziale si svolgerà tra i due uomini che condividono le comuni origini del Mar Nero e la stessa passione per il calcio.

Il 70enne capo di Stato ha confermato all’inizio di marzo che queste elezioni sarebbero state le sue “ultime”, suggerendo che lascerà il potere nel 2028.

A meno che non si riveda la Costituzione per presentarsi con una nuova candidatura.