Agosto 11, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Trend di 4 settimane: meteo fino al 6 febbraio

attraverso ha scioccato il remeteorologo

Come ogni giovedì, è il momento del trend delle 4 settimane. Quest’ultimo copre il periodo fino al 6 febbraio, alla vigilia delle vacanze scolastiche invernali. Lo scenario più probabile evidenzia un’alternanza di tempo inizialmente calmo e turbolenza prima di un peggioramento piuttosto evidente verso la fine del mese, con temperature molto vicine alle medie. La neve potrebbe tornare anche in montagna alla fine del mese.

L’inizio di questo gennaio è stato molto contraddittorio, con record dell’equinozio a partire dall’inizio del mese seguito da un brusco ritorno delle temperature stagionali. I guai si susseguono, portando la pioggia in pianura e la neve in montagna. Per il resto, inizia un periodo di calma e alta pressione fino a metà gennaio, ma potrebbe non essere molto permanente. Così, i disordini tornano gradualmente, promettendo di essere più attivi entro la fine del mese. Pioggia e vento possono segnare la fine di gennaio e l’inizio di febbraio. Contemporaneamente tornerà la neve sulle nostre montagne per le vacanze di febbraio.

La settimana dal 10 al 16 gennaio: Ritorno dell’alta pressione e clima un po’ secco e freddo

La credibilità della situazione generale è abbastanza buona per vedere il ritorno di una forte alta pressione su Francia e Isole britanniche. Ciò si tradurrà in un clima secco, soleggiato e fresco, con scarso flusso dall’est al continente. Quindi sono previste alcune belle giornate. Alla fine della settimana l’alta pressione potrebbe indebolirsi e le nuvole intorno al Mediterraneo potrebbero essere sfidate con il bel tempo, mentre altre scendono dal Mare del Nord verso le nostre regioni nord-orientali.

READ  Francia, l'ultima volta nella classe europea di matematica?

Settimana dal 17 al 23 gennaio: incertezza sulla continua alta pressione

Verso la metà di gennaio, i modelli numerici prevedono un possibile indebolimento dell’alta pressione da nord. I problemi possono scendere dal Mare del Nord alle nostre regioni nel nord-est della Francia. Le temperature saranno ancora abbastanza vicine alle medie stagionali. L’incertezza risiede in questi cali, la cui attività rimane ad oggi indeterminata. Tra periodi nuvolosi o piovosi, farà una grande differenza nelle nostre regioni del nord-est. Altri disordini potrebbero provenire anche dall’Occidente. È chiaro che un periodo di tempo calmo e secco rischia di essere influenzato molto rapidamente.

Settimana 24-30 gennaio: Il ritorno delle turbolenze oceaniche

Questo sarà un periodo di transizione. Le pressioni più elevate diminuiranno, ma l’affidabilità deve ancora essere chiarita. L’anticiclone potrebbe ritirarsi attraverso la metà settentrionale della Francia, con pioggia e vento che tornano nel flusso occidentale. Il sud potrebbe rimanere più vulnerabile. In questo contesto le temperature scendono e possono tornare momentaneamente sopra la media.

Settimana dal 31 gennaio al 6 febbraio: forse turbolenta

La fine del mese e l’inizio di febbraio rischiano di essere molto turbolenti con la processione del tumulto. Resta l’incertezza sulla direzione del flusso. Secondo alcuni modelli, potrebbe essere ancora orientato verso ovest come mostrano pioggia e vento forte sulla Francia, con neve che cade in media e alta montagna. Alcuni altri modelli prevedono una corrente da nord-ovest più fresca, con rovesci in pianura e abbondanti nevicate a quote più basse sulle nostre montagne. In ogni caso, le stazioni sciistiche di media e alta montagna possono vedere una buona neve alla vigilia delle vacanze scolastiche di febbraio. L’incertezza esiste ancora per i blocchi inferiori.

READ  Health Canada approva un vaccino dall'età di sei mesi a cinque anni

Infine, ci prepariamo verso gennaio con temperature molto vicine alle medie stagionali, con perturbazioni abbastanza attive. In generale, le precipitazioni saranno molto vicine alle medie statistiche di gennaio, o leggermente brevi a seconda della durata dei periodi di alta pressione. La ricostituzione delle masse nevose alle medie e basse quote sarà lenta ma avverrà sulla stessa falsariga, in particolare alla luce delle vacanze scolastiche di febbraio.

Prossimo aggiornamento, giovedì 13 gennaio alle 17:00.