Dicembre 4, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Digiuno intermittente e dieta antinfiammatoria?

L’infiammazione è nota per essere un importante fattore di rischio aumentato per più malattie croniche, tra cui diabete e malattie cardiache. “La scoperta che il digiuno intermittente incoraggia il corpo a combattere l’infiammazione e riduce i rischi associati apre nuove strade terapeutiche”, commenta l’autore principale, Benjamin Horne, direttore della divisione di malattie cardiovascolari ed epidemiologia genetica presso l’Intermountain Heart Institute.

A differenza delle diete più restrittive, il digiuno intermittente può essere seguito per un periodo prolungato.

Questi sono i risultati del meraviglioso test Intermountain che si occupa specificamente del digiuno intermittente: In sintesi, l’analisi rivela che un tipo di digiuno intermittente porta a una riduzione dei punteggi della sindrome metabolica e della resistenza all’insulina. Lo studio ha seguito 67 pazienti di età compresa tra 21 e 70 anni che avevano tutti almeno una caratteristica della sindrome metabolica o del diabete di tipo 2. I partecipanti non stavano assumendo farmaci per il diabete o statine e avevano alti livelli di colesterolo LDL. 36 partecipanti al gruppo di intervento sono stati assegnati a seguire un programma di digiuno intermittente: qui, due volte a settimana digiuno di 24 ore di sola acqua, per 4 settimane, e poi una volta alla settimana digiuno di 24 ore di sola acqua per 22 settimane. Il digiuno non può essere eseguito in giorni consecutivi. I 31 partecipanti hanno continuato la loro dieta abituale. Dopo 26 settimane, i ricercatori hanno misurato la galectina-3 dei partecipanti e hanno trovato:

  • Livelli più elevati di galectina-3 nel gruppo a digiuno intermittente;
  • Bassi livelli di HOMA-IR (o valutazione del modello di omeostasi o valutazione della resistenza all’insulina) e MSS (sindrome metabolica);
  • Gli effetti del digiuno sono molto simili a quelli riportati per gli inibitori SGLT-2, una classe di farmaci utilizzati nel diabete di tipo 2.
READ  La cometa gigante K2 ha appena attraversato il suo percorso più vicino alla Terra

“Identificando livelli così elevati di galectina-3 nei pazienti a digiuno, lo studio fa luce su un meccanismo coinvolto nella riduzione del rischio di insufficienza cardiaca e diabete”.

Quindi, a differenza delle diete più restrittive, il digiuno intermittente, almeno il tipo di digiuno restrittivo che i pazienti possono facilmente osservare a lungo termine, può avere effetti antinfiammatori, molto positivi per la salute.