Giugno 19, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Tre quarti dei piloti europei affermano di fare brevi sonnellini durante la guida: “Un paio di paesi si distinguono, ma non in modo positivo”.

Tre quarti dei piloti europei affermano di fare brevi sonnellini durante la guida: “Un paio di paesi si distinguono, ma non in modo positivo”.
Minaccia di sciopero alla Bruxelles Airlines a settembre? “Sono mesi che segnaliamo problemi!”

Uso eccessivo della discrezione del comandante?

L’altra tendenza preoccupante rivelata dal rapporto riguarda l’estensione dei periodi di servizio di volo. Quasi un pilota su cinque ha utilizzato la discrezione del capitano – che può essere applicata solo se si verificano circostanze impreviste – per prolungare i periodi di servizio di volo due o più volte nelle ultime quattro settimane. Inoltre, più del 60% dei piloti ha espresso, a vari livelli, “preoccupato per le conseguenze negative. Potrebbero soffrire se rifiutassero di estendere il servizio di volo, attraverso questa discrezione. “Questi sono segnali preoccupanti e chiare indicazioni che i rischi associati alla stanchezza non vengono gestiti bene da molte compagnie aeree europee. Preoccupa Otjan De Bruyne, presidente della European Clubs Association. controAncora più preoccupante è il fatto che i risultati di questa indagine coprono un periodo precedente al picco delle operazioni estive: i livelli di stanchezza in agosto potrebbero solo essere aumentati.

Secondo la Commissione economica per l’Africa, il rapporto mostra anche un’altra dimensione, più strutturale. I dati mostrano che ci sono lacune nella gestione dei rischi di burnout degli operatori in tutti i paesi rappresentati, e lacune nella supervisione fornita dalle autorità di regolamentazione.. Ad esempio, solo il 10,8% dei piloti ha risposto che le segnalazioni di burnout hanno spinto le proprie compagnie aeree ad apportare modifiche operative per migliorare la sicurezza, e solo il 12% degli intervistati ha affermato di fidarsi del sistema di segnalazione del proprio datore di lavoro.

Pilota belga: “Se i passeggeri prenotano un biglietto con Ryanair fino a ottobre 2024, c’è un’alta probabilità che il loro aereo non decollerà”

READ  Ecco come risparmiare sul budget per gli acquisti utilizzando il metodo IMC

Irlanda e Malta sono in fondo al girone

La tendenza che emerge dal sondaggio è anche che le compagnie aeree registrate a Malta, Spagna, Irlanda e Regno Unito ottengono risultati costantemente peggiori in termini di gestione della fatica, segnalazione, riposo o uso della discrezione del comandante e paura di essere rinnegati. Al contrario, il Belgio è considerato uno dei migliori studenti europei in questo campo.

Irlanda e Malta, due paesi con una certa reputazione nel settore dell’aviazione e sede di importanti compagnie aeree transnazionali, compaiono in questo sondaggio, ma non in modo positivo.afferma Philipp von Schopenthau, segretario generale della Commissione economica per l’Africa. “Ciò solleva una serie di domande ed è chiaro che spetta alle autorità competenti esaminare più da vicino ciò che sta accadendo in questi paesi e nelle compagnie aeree che li controllano.. L’Associazione Europea dei Piloti spera che la lettura di questo rapporto susciti una risposta da parte delle autorità. Quest’ultimo deve prendereMisure per garantire che le compagnie aeree mettano in atto sistemi di segnalazione efficaci e gestiscano adeguatamente i rischi per la sicurezza associati alla fatica.