Giugno 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Tim Merlier vince la prima tappa della Parigi-Nizza, Pogacar salva tempo

Tim Merlier vince la prima tappa della Parigi-Nizza, Pogacar salva tempo

Vittoria di Tim Mirler! Il velocista Soudal-Quick Step è stato il più veloce durante la prima tappa Parigi-Nizza con Tadej Pogacar che ha recuperato sei secondi in più.

La Parigi-Nizza è iniziata domenica con una prima tappa irregolare che potrebbe offrire un grande spettacolo con molti dossi sottili da affrontare con i più veloci del gruppo, desiderosi di prendere la decisione in un gruppo enorme.

Dopo dieci chilometri senza attacco, i francesi Paolo Orcelin (energie totali) e danese Jonas Gregard (La Uno-X Pro Cycling Team) esce dal gruppo e intraprende una lunga fuga in coppia. Dietro, Soudal – passo veloce e Lotto Dstny sono le principali formazioni che devono fare squadra contro i belgi Arno Quotidiano et al Tim Merler.

I due fuggitivi si sono portati fino a 3’30” di vantaggio sul gruppo ma non ci si poteva davvero credere e sono stati ripresi a una trentina di chilometri dalla meta.

Ai piedi della penultima salita (0,5 km in meno del 10,5%) il gruppo è più nervoso. dall’inizio della salita, Nelson Paulis (EF Education-EasyPost) è veloce e lo segue abbastanza bene Tadej Pogacar Il che indica la sua forma scintillante. Un gruppo di 27 corridori impiega circa venti secondi sul gruppo dove la maggior parte dei velocisti e Jonas Vingard (Jumbo-Visma) ombra oscurata.

Con il gruppo che sta gradualmente risalendo, Powless non vuole arrendersi e tenta la fortuna da solo a sedici chilometri dalla meta mentre il gruppo riprende il gruppo di Pogacar. Infine, l’americano è stato respinto ai piedi dell’ultima piccola salita della giornata che si preannuncia cruciale se i battitori vogliono lasciare andare i grandi ingranaggi del gruppo.

READ  Grandi cambiamenti sono imminenti per l'Anderlecht

Sulla costa, Pogacar prende il meglio di sé Pierre Latur et al Dorian Goodon in alto, permettendogli di prendere altri sei secondi. Nel processo, ha continuato i suoi sforzi, insieme a Latour e Vingegaard. Questo tentativo di evitare uno sprint viene rapidamente annientato dal gruppo.

Così lo sprint atteso diventa inevitabile ed è Merlier che ne esce vittorioso e vince prima di lui Sam Bennet (BORA-hangsrohe) f Mads Pedersen (Trek Segafredo). parti del lombo plus, de me È arrivato quinto.

“È stata una giornata difficile perché il ritmo del gruppo era così alto. C’era anche una salita di 19 km, che era molto tattica. Siamo tornati prima dell’ultima salita. Casper Asgren Mi ha riportato bene in testa alla gara. Abbiamo lavorato come una squadra. Sono stato ben accolto dal team e non ne ho mai abbastanza di quanto sia stato fantastico il lavoro di squadra. Non ci posso credere, mi sento così bene in questa squadra.ha spiegato il campione belga a fine gara.

Nella classifica generale, Merlier si prende la maglia gialla anche se il grande dato relativo a questa classifica sono i sei secondi in più che Pogacar ha preso su Vingegaard. Lo sloveno è così terzo, a quattro secondi da Merlier, mentre Vingegaard è a dieci secondi.