Novembre 28, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Thomas Van Ham torna in tv con ‘Cambiamo il mondo’: ‘Non mi è mancato’

Thomas Van Ham torna in tv con ‘Cambiamo il mondo’: ‘Non mi è mancato’

Ognuno di noi sogna un mondo più giusto e resiliente. Non siamo gli unici. Anche i nostri personaggi pubblici giudicano chi ha realizzato la vignetta Tutto è stato spiegato et al Il dottor Carr Su RTL-TVi et al Geni in erba Su RTBF.

Chi c’è nel roster per questo primo numero? Ospite: GuiHome. Il comico è appassionato di moda e cittadino impegnato a favore di un’industria tessile più sostenibile. Questa è la battaglia che ha scelto per cambiare il mondo. “Il nostro obiettivo è realizzare uno spettacolo carico di significato con il desiderio di risvegliare alcuni semi di consapevolezza.“Spiega Thomas Van Ham, che ha appena pubblicato il libro il risveglio Pubblicato da Kines. “È ambizioso ma è il principio dei piccoli passi. Spostare le linee poco a poco cambierà il mondo.

Thomas Van Ham: “All’inizio non volevo tornare in televisione”

Non era possibile animare i font su RTL?

“Credo che sia un format adatto al servizio pubblico (sorride)”. Dopodiché, sono felice di essere di nuovo qui. All’inizio non volevo tornare in televisione. Perché l’ho affrontato e ho capito che non era così che avrei risposto alle mie piccole domande sulla vanità. Quindi ho preso un’altra strada. Ho fatto molta strada verso me stesso. E poi, un giorno, Muriel DeCarpentieri, la produttrice dello show con cui avevo lavorato su RTL, mi ha chiamato. Questo è successo due anni fa, mentre ero in viaggio in Spagna. Mi ha detto: puoi aiutarmi a cambiare il mondo attraverso la televisione? Gli ho detto che questa non era più la mia cosa e che ne avevo abbastanza. Allo stesso tempo, volevo aggiungere più significato alla mia esistenza. Quindi l’idea non era male. Utopico ma ambizioso. Per due anni abbiamo immaginato uno spettacolo che ancora non esisteva, che fosse completamente fuori dal formato e lo abbiamo chiamato Entertainment-Sens.

Visualizza nel contesto La yurta. Qual è il concetto alla base del vostro nuovo programma?

“Darò il benvenuto nella sede di Changer le monde ad una personalità belga di spicco che verrà con domande su una questione sociale. Quindi, potrebbe essere di tutti i tipi: ambientale, sociale, legato alle molestie, agli animali, all’omofobia, ecc. Molte cose E con questa personalità, dopo aver notato Cosa c’è che non va, partiremo per un road trip positivo di due giorni. Con il mio camion, viaggeremo attraverso il Belgio per incontrare persone che stanno davvero cambiando il mondo, coloro che propongono soluzioni e lavorando davvero su di loro. Sono persone davvero stimolanti. Entreremo anche in politica per vedere come possiamo cambiare concretamente il mondo Faremo tutto questo ma in modo divertente. Perché l’obiettivo è accogliere un pubblico più ampio possibile e attraverso tutte queste persone, per dimostrare che un’altra realtà è possibile, che possiamo cambiare il nostro comportamento e il nostro modo di pensare e portare le cose sul tavolo. Ciò che speriamo è portare la comunità con noi anche attraverso i social media Le reti dei social media sono un risveglio i semi della consapevolezza e spostando le linee.

READ  La principessa Elisabetta ha catturato tutti gli occhi con un abito sontuoso e una fascia senza pari alla sua prima festa reale

Come hai ottenuto questo risultato?

Inizialmente non avevo intenzione di fare questo spettacolo. Ero solo il caporedattore. Poi, man mano che gli incontri procedevano, tutto cominciò ad avere senso. Perché dopo quattro anni di riflessione mi sono detto che forse sarebbe stato un peccato rinunciare a 30 anni di esperienza televisiva e al rapporto che avevo sviluppato con il pubblico. Farei meglio a mettere questa conoscenza al servizio di qualcosa di significativo, perché questo percorso verso di me è un percorso verso più significato. E se non fossi in servizio solo una volta, ma al servizio di una causa?

A proposito di politica, non hai paura che lo spettacolo venga utilizzato come spettacolo durante i periodi elettorali?

“Ci assicureremo che non lo utilizzino e andremo a trovare i politici che non parteciperanno alla campagna elettorale. Esistono molti tipi di politiche, anche in Europa. Perché cambiare il mondo passa anche dalla politica. Questa sarà una parte molto piccola della demo ma è essenziale che tu la completi. Avremo anche attivisti del mondo sindacale come orari dei pasti al tavolo o contatti all’esterno. Un programma un po’ insolito ma assolutamente necessario e aggiornato. La televisione può essere usata oggi: per migliorare le cose. L’idea non è quella di soffermarsi sulle osservazioni, ma di concentrarsi sulle soluzioni. “Ci sono già persone che si stanno trasferendo”.

È facile tornare davanti alle telecamere?

“Mi sono orientato subito. Non si può dimenticare la TV, è come andare in bicicletta! Ma sono arrivato diverso. Ero cambiato! Sono arrivato con sentimenti diversi, con molta meno ansia per me stesso. Questa domanda, questo viaggio, lo racconto nel libro, il risveglio, che parla degli ultimi cinque anni, di questo percorso verso me stesso e delle cose complicate che ho attraversato. Ma è un lavoro che va davvero verso la luce, un viaggio interiore allo stesso tempo e un ritorno spirituale e vero a se stessi.

Thomas Van Ham torna in televisione con un programma

Ti manca la TV?

READ  Avventurieri di Koh Lanta minacciati di morte dopo aver tradito Tehiora, la produzione torna

“No (scoppiano a ridere)! So come farlo ma non me lo sono perso. Non mi è mancato questo settore, ma guardare la TV è divertente. Non sto dicendo che mi sono divertito molto in TV. ” Ho passato dei bei momenti, ma non sempre ero molto felice, perché “guardavo la TV come fanno molti: avevo bisogno di essere vulnerabile perché avevo un infortunio da affrontare. Ma ad un certo punto ho capito che questo infortunio non era il modo in cui lo avrei trattato. Ci sono altre soluzioni.”

Quindi oggi puoi dire di no…

“Sì e ho detto no più volte. Perché, a un certo punto, non volevo più soffrire e avere problemi con il mio ego. Muriel è riuscita a convincermi perché è una donna umanitaria. È stata in grado di portare questa energia e questa bellissima ‘atmosfera’ che usa la televisione per far accadere le cose.”

Potrebbe essere il belga Frederic Lopez (A Rendezvous in an Unknown Land)?

“Siamo nello stesso stato d’animo, in realtà. Accompagno il personaggio. Sono una specie di facilitatore dietro il personaggio, colui che apre le porte e fa un passo indietro. Avevo altre offerte ma tornare in TV per rientrarci non era vero Inoltre vivo metà dell’anno in Spagna.

No, anche se RTL ti fa pagare una tariffa enorme?

“No. So dove voglio andare con questo programma televisivo, è qualcosa di veramente straordinario che mi somiglia ma assomiglia anche al personaggio perché sono al suo servizio. Se tutto va bene ne avremo tre o quattro all’anno. Non lo farò” “Non tornerò con più spettacoli perché la mia vita è altrove. Sto sviluppando ritiri spirituali”. In Spagna e molte altre cose parallele. La TV non era più la mia priorità. Mi ci sono voluti quasi due anni per dire sì a questo progetto. Ero convinto che qualcun altro potesse farlo. Poi per me ha avuto senso e tutto si è allineato. Ci siamo detti anche che avrebbe creato un po’ di buzz (sorridi)!

READ  Leticia ha accusato la Spagna di dipendenza dalla chirurgia plastica in un documentario esplosivo

È stato violentato all’età di tredici anni ed è stato capace di perdonare

Proprio ieri la mia vita sembrava perfetta. Punto dopo punto si è conformata agli standard di successo offerti nel nostro mondo: bellezza, fama, potere e denaro. Una vita di carta lucida che ho creato per me stessa per colmare la terribile carenza che risiede in me, che credevo di avere ma di cui non sapevo. Per nascondere agli occhi degli altri vaste zone di oscurità con le quali stavo affrontando come meglio potevoCosì si presenta Thomas Van Ham nel suo libro “The Awakening” (ed. Kennis), in cui racconta la sua storia e spiega perché ha abbandonato la carriera a cui aveva dedicato 30 anni e che ha raggiunto il suo apice nel 2019, quando ha ha deciso di lasciare tutto: lavoro, famiglia, amici e perfino l’amore.

Thomas Van Ham parla del suo stupro e del ricongiungimento con il suo stupratore: “Non mi aspettavo che fosse lì”

Questo bisogno di fama, di riconoscimento,Controllo costante con gli altri“Come lo chiama lui, in realtà nascondeva ferite profonde. Tra queste ferite, fu violentato quando aveva tredici anni. Uno stupro che distrusse la sua vita e ogni senso di fiducia in se stesso che avrebbe potuto avere.”

Si tratta di sessioni sciamaniche che gli hanno permesso di approfondire se stesso e di far emergere questo dramma sepolto nella sua memoria che ha finito per nascondere.

Il conduttore ha confidato ai colleghi del Ciné-Télé-Revue di aver rivisto il suo stupratore. È stato durante il funerale di sua madre. “È stato uno shock, ha ammesso. Non mi aspettavo che fosse lì. […] Ma nel mio cuore dovevo imparare a perdonare. Questo era l’unico modo in cui potevo uscire.

Perché contenere l’odio e la rabbia dentro di te non era una soluzione. Dovevamo anche porre fine a questo ragazzino colpevole”, spiega.