Giugno 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I veri concorrenti cinesi

I veri concorrenti cinesi

Durante la visita di Xi Jinping in Francia, il 6 e 7 maggio, si è parlato molto della concorrenza sleale che i produttori cinesi potrebbero esercitare sui mercati europei.

Consideriamoci felici. Gli europei hanno i mezzi per difendersi nei segmenti di mercato presi di mira da Lynk, MG o Aiways. Possiamo anche vantarci di offrire una gamma abbastanza ampia di SUV per alimentare il desiderio dei consumatori e scatenare l’ira dei detrattori.

D’altronde, se la Cina volesse, potrebbe davvero umiliarci trasmettendo nel nostro continente automobili prestigiose e appariscenti. In questo ambito non abbiamo una risposta. Siamo impotenti, non esistiamo, non valiamo niente. Soprattutto i francesi.

Limousine ieratica decappottabile per le sfilate davanti alla Città Proibita.

Davanti ai palazzi, siano essi reali, presidenziali o ministeriali, non ci sono limousine o utilitarie… solo quelle comuni.

Il senso di grandezza, il gusto della spavalderia e la forza della lussuria ci hanno abbandonato il giorno in cui le lettere di Georges Pompidou furono depositate nel retro dei garage dell’Eliseo. Non impressioneremo i nostri contemporanei percorrendo gli Champs-Élysées a bordo di SUV come quelli che vediamo nei parcheggi dei supermercati.

Iscriviti alla newsletter di Karadisiac

Ricevi tutte le notizie sull’auto

L’indirizzo email fornito in questo modulo è trattato da GROUPE LA CENTRALE in qualità di titolare del trattamento.

Questi dati vengono utilizzati per inviarti informazioni sulle nostre offerte, novità ed eventi (newsletter, avvisi, inviti e altre pubblicazioni).

Se lo accetti, questi dati saranno trasferiti ai nostri partner, in qualità di titolari del trattamento, per consentirti di ricevere le loro comunicazioni in formato elettronico.

Avete il diritto di accesso, rettifica e cancellazione di questi dati, il diritto di limitazione del trattamento, il diritto di opposizione, il diritto alla portabilità dei vostri dati e il diritto di proporre reclamo a un’autorità di controllo (in Francia, CNIL). Puoi anche revocare in qualsiasi momento il tuo consenso al trattamento dei tuoi dati. Per saperne di più sul trattamento dei tuoi dati: www.caradisiac.com/general/confidentialite/

READ  La pulizia che Elon Musk ha fatto al suo accesso a Twitter potrebbe costargli caro

Per percorrere la rotta Roissy-Eliseo, Xi Jinping ha scelto la molto conveniente Hongqi N501, una berlina che potrebbe essere paragonata a una Mercedes Classe S in tutta la sua semplicità. Per entrare la sera, invece, nel cortile dell’Eliseo, scegliete la Hongqi N701, la limousine dei grandi giorni. Con il suo passo allungato, la carrozzeria blindata e la griglia terrificante come la cascata Huangguoshu, intimidisce, impressiona e stupisce.

La limousine N701 è stata creata nel 2021.
La limousine N701 è stata creata nel 2021.

Solo il suo amico Putin con la sua Aurus Senat e Carlo III con la Bentley State Limousine di sua madre possono competere.

La meccanica raffinata è un piacere colpevole per i leader di Pechino. La prima automobile cinese al 100%, introdotta nel 1958, era in realtà una Hongqi. Mao Zedong, da vero democratico, era preoccupato che il suo popolo che viaggiava in moto fosse orgoglioso di appartenere al Regno di Mezzo.

Un progetto attraente per il futuro, L-Concept.
Un progetto attraente per il futuro, L-Concept.

Ha dovuto aspettare solo 34 anni perché l’economia di mercato socialista gli desse un barlume di speranza di raggiungere le quattro ruote.