Agosto 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Thomas Pesquet: “Il ritorno sulla luna è reale e può andare molto veloce”

“Vogliamo restare in gara, è una questione di supremazia tecnologica e industriale“, Lancio del Segretario di Stato per la ripresa, Thomas Dermin (PS). Quale razza? La corsa allo spazio. Ma non come gli Stati Uniti o l’Unione Sovietica nell’era della Guerra Fredda. Il maggior contributore al bilancio dell’ESA (255,8 milioni di euro in 2021, Francia prima con 1.658 miliardi di euro), a livello di altre potenze spaziali, installate o incrementate.

indipendenza strategica

“Investire nello spazio permette di monitorare meglio il cambiamento climatico – che non è un’opinione politica ma un dato di fatto – e di rispondere più rapidamente ai disastri naturali, sapendo che si moltiplicheranno. E lo spazio, nel contesto della sicurezza e delle rinnovate tensioni stiamo vivendo, ci fa capire che ci sono questioni legate all’autonomia strategica e alla sovranità nella difesa e nella difesa informatica che sono importanti nella storia europea”lanciato anche al fianco, e non senza orgoglio, di un altro Thomas, l’astronauta francese Thomas Pesquet, quando quest’ultimo è venuto a incontrare diversi bambini nel planetario del Royal Belgian Observatory.

Come spiega il responsabile della politica scientifica, Thomas Dermin “Una sessione con Thomas Pesquet non ha eguali in termini di impatto sulla promozione della scienza e della consapevolezza delle questioni ambientali”.

Far sognare e dimostrare che è possibile, questo è il punto della visita. Perché se ci sono problemi economici e industriali (padronanza delle costellazioni satellitari, mezzi di comunicazione, accesso allo spazio), i problemi di ricerca sono altrettanto numerosi e senza sensibilizzare i più giovani, rischiamo di tagliarci fuori dai talenti futuri. “È una questione di politica ma anche una questione di finanziamento”Thomas Dermin aggiunge.

READ  Prendi piccoli aerei a Condo Canyon, Greasy Grove o Sleepy Sound a Fortnite, Christmas Challenge - Breakflip

Anche l’Agenzia spaziale europea (ESA), insieme alla NASA e ad altri partner, punta a lanciarsi per “ripristinare” la Luna molto presto, con l’obiettivo di creare una base permanente. Obiettivo lunare quando? “Prima missione con equipaggio (in orbita attorno alla luna, ndr) in due anni”pubblica Thomas Pesquet.

Tre domande per Thomas Pesquet, astronauta ed ex comandante della Stazione Spaziale Internazionale

1. In un contesto di crisi e tensioni, come convince a mantenere gli investimenti nel settore spaziale?

In particolare, ricorda il lato positivo. La stazione spaziale rimane un modello per la cooperazione internazionale tra nazioni che tendono ad essere ferocemente opposte l’una all’altra. Oggi vediamo che questo potrebbe rapidamente tornare ad essere il caso. Siamo stati in grado di lavorare con persone che non sono necessariamente amiche. Ha evitato che le cose sfuggissero di mano per troppo tempo. Anche oggi, come vediamo per la Russia e gli Stati Uniti, può impedire che le cose diventino troppo ostili. Dobbiamo continuare a concentrarci su questo. Noi in Europa abbiamo questo nel nostro DNA e penso che cercheremo di lavorare su quell’assemblea nelle prossime fasi dell’esplorazione spaziale. Non è sempre facile, ma a questo prezzo possiamo creare progetti ambiziosi. Se facciamo le cose nel nostro angolo, nello spazio o altrove, purtroppo ci limitiamo molto rapidamente nelle nostre possibilità.

2. Stiamo parlando della sindrome di Kessler, detriti spaziali che possono rendere impraticabile la nostra orbita… Ammassi di migliaia di satelliti, come Starlink di Elon Musk, non vi spaventano?

Sfortunatamente, non siamo noi i decisori su questa materia. Possiamo essere virtuosi ma non abbiamo il potere di decidere cosa succede negli Stati Uniti. Ci piacerebbe. Ci sono molti approcci e gli americani credono di più nel settore privato e pensiamo che forse sia un po’ più regolamentato da organismi e agenzie internazionali. Cerchiamo di spingere questi argomenti. Parliamo tra i partner, ma non possiamo far rispettare i regolamenti con la forza. Ciò avviene attraverso la diplomazia. In realtà ha funzionato e abbiamo trattati per lo sfruttamento delle risorse lunari che risalgono agli anni ’60 durante la Corsa allo Spazio. Quello di cui abbiamo bisogno è sapere di cosa stiamo parlando tecnicamente. Vedi le conseguenze. Non è necessariamente perché ci sono molti satelliti che ci sono problemi. Se questi satelliti rientrassero rapidamente nell’atmosfera, il problema sarebbe minore che se rimanessero per sempre. Tutto è tecnico e il ruolo dell’Agenzia spaziale europea è quello di analizzare la questione dei detriti spaziali.

READ  la console est de retour en stock à la Fnac

-> Leggi anche: Sono tutti bloccati sulla Terra, circondati da detriti in orbita lanciati a rotta di collo?

3. La tua prossima missione è la luna?

Non ho una sfera di cristallo, ma continuare l’esplorazione dello spazio è un ritorno permanente sulla luna usando le risorse Sul posto, utilizzando unità riutilizzabili e più durevoli. Questo è per gli anni a venire. Abbiamo un lanciatore sulla rampa di lancio, che testeremo da Cape Canaveral alla fine di agosto. Nel giro di due anni, la missione con equipaggio iniziò prima e poi, al ritmo di una missione all’anno, tornò sulla Luna con equipaggi internazionali. Qualunque cosa sia reale, può essere eseguita molto rapidamente. L’Europa ha il suo posto in questo, siamo parte di quell’approccio, condividiamo la nostra tecnologia, i nostri ingegneri, le nostre apparecchiature e condividiamo il progetto con la NASA, quindi avremo una presenza umana in questo ritorno europeo.

…quindi potresti essere tu?

Supponiamo che tra la gente io sia uno di quelli che non hanno meno possibilità, data la mia posizione, la mia esperienza e la mia età, di chiunque altro. Ma lavoriamo molto nella squadra degli astronauti, assumiamo una nuova promozione e tutti saranno volontari. La cosa buona è che ci sono già tre voli in programma in Europa.