Febbraio 28, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Testimonianza straziante dei parenti di Joanna Parrish al processo di Monique Olivier: “Un incubo dal quale non possiamo svegliarci” | mondo

Testimonianza straziante dei parenti di Joanna Parrish al processo di Monique Olivier: “Un incubo dal quale non possiamo svegliarci” |  mondo

Il processo a Monique OlivierBambina felice nelle foto di famiglia, poi “un incubo dal quale non possiamo svegliarci”: i parenti di Joanna Parish hanno testimoniato lunedì a Nanterre, nel quinto giorno del processo contro Monique Olivier, l’ex moglie di Michel Fournier, che era processato per complicità nel rapimento, stupro e omicidio del giovane britannico nel 1990.

Dinanzi al tribunale penale di Hauts-de-Seine, Roger Parish (80 anni) ha dichiarato che la sua figlia maggiore è nata il 30 luglio 1969, “pochi giorni dopo il primo passo dell’uomo sulla luna”. Ogni volta che menziona questo evento storico, ci pensa, dice in inglese.

Mostra le immagini di una “famiglia unita”, dove la vediamo come damigella d’onore a un matrimonio all’età di cinque anni, un’adolescente in uniforme scolastica, con un tipico taglio di capelli corto degli anni ’80, e poi una studentessa che indossa un abito da sera. per il ballo del college.

Accusato poco sentimentale

Il presidente Didier Safar non interrompe il padre colpito quando questi descrive le immagini della felicità familiare distrutta nell’anno in cui compì vent’anni. “La sua vita è stata stroncata da uno psicopatico crudele e narcisista e da sua moglie, che ha partecipato attivamente a tutti i suoi crimini”, conclude il signor Parrish, che a volte si prende un momento per pensare prima di rispondere e sembra contenere i suoi sentimenti quando vengono diventare così. forte.

Michel Fournier, il Ghoul di Arden, accusato di rapimento, detenzione, stupro e omicidio di Joanna Parrish, è morto nel maggio 2021. Monique Olivier rimane sola nella scatola, vestita di lana nera, immobile, come nei giorni precedenti.

READ  Soccorso in Francia: arrestato un evaso sospettato di due omicidi

“incubo”

A sua volta, Pauline Harris, la sorella di Roger Parish, descrive Joanna come una studentessa modello e una ragazza vicina ai suoi cugini. Durante le vacanze di Natale del 1989, la nipote ventenne le disse che era contenta della sua esperienza come insegnante ad Auxerre. “Il suo brutale omicidio ci perseguita come un incubo dal quale non possiamo svegliarci”, ha aggiunto, descrivendo il dolore della famiglia che continua da 33 anni.

Lei e suo fratello insistono sul fatto che Joanna non sarebbe mai salita in macchina con un uomo che non conosceva, ma forse con “un uomo accompagnato da sua moglie, che era riuscito a intrappolarla con le loro bugie”.

Anche Monique Olivier è sotto processo a Nanterre per complicità in altri due crimini: il rapimento, la detenzione, il tentato stupro e l’omicidio di Marie-Angele Dumais nel 1988; Il rapimento, la detenzione e l’omicidio di Estelle Mozin nel 2003. Non furono mai ritrovati. Ma il corpo nudo di Joanna fu scoperto a Yon, a Moniteau, il 17 maggio 1990. Era stata picchiata, violentata e strangolata, e sui suoi polsi e caviglie c’erano tracce di catene.

lezioni di inglese

In francese, Patrick Proctor, il suo fidanzato all’epoca, descrive Joanna come “intelligente, allegra e molto gentile”, che “aveva molti amici” e “amava moltissimo la Francia”. Si è ricostruita una vita e ha avuto dei figli. “Anche dopo 33 anni”, Joe è ancora, come lo chiama lui, “nei suoi pensieri”. Si incontrarono all’Università di Leeds in Inghilterra nel 1987 e stavano progettando di sposarsi. È venuta in Francia per lavorare come assistente di lingua inglese in una scuola superiore di Auxerre, come parte del suo terzo anno di studi.

READ  Il principe Federico e la principessa Mary di Danimarca ritirano il loro figlio maggiore, il principe Christian, dalla sua scuola dopo uno scandalo sessuale

Per guadagnare un po’ di soldi e poter raggiungere Patrick in Cecoslovacchia, dove frequentava un programma di scambio universitario, ha pubblicato annunci che davano lezioni private di inglese. Era andata a un incontro con un uomo che cercava queste lezioni per suo figlio, uno studente della scuola, il 16 maggio 1990 verso le 19:00 nel centro della città di Auxerre. Joanna Parrish non fu mai più vista viva.

Monique Olivier ha confessato per la prima volta questo crimine agli investigatori belgi solo nel febbraio 2005, quando Michel Fournier era in custodia cautelare dopo il suo arresto nel 2003 con l’accusa di rapimento di un’adolescente. Ventotto anni dopo i fatti, nel 2018, Michel Fournier ha finito per confessare il suo coinvolgimento davanti al giudice istruttore Sabine Khreis.

Leggi anche

Monique Olivier: “Mi rendo conto di tutti i fatti”

“Stavi cercando ragazze!”: Monique Olivier subisce abusi da parte di chi è vicino a Marie-Angele Dumis