Gennaio 20, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Test Redmi Smart Band Pro: sensore di attività widescreen Amoled e sensore SpO2 a basso prezzo

Redmi Smart Band Pro lo fa in modo completo con non meno di 110 attività sportive supportate! Tuttavia, diventa subito chiaro che i parametri registrati si riducono principalmente alla durata e alla frequenza cardiaca. Non viene preso in considerazione il numero di lunghezze di nuoto, il numero di corse, ecc. Pertanto questa grande quantità di sport viene utilizzata più per la corretta distribuzione delle nostre attività che per l’analisi di ciascuna di esse.

Le informazioni visualizzate nell’app una volta svolta l’attività consentono comunque di saperne di più. Le corse ciclistiche o pedonali, ad esempio, sono suddivise in segmenti per visualizzare meglio la velocità media in ciascuna di esse, ma è ancora abbastanza breve. La maggior parte degli sportivi preferisce trasformarsi in un orologio sportivo, più specializzato.

Quest’ultimo porta spesso un chip GPS che lo Smart Band Pro non ha – niente di insolito per un sensore a un prezzo così basso. Quindi questo dipende dal GPS dello smartphone, che deve essere portato con sé.

Per quanto riguarda la misurazione della frequenza cardiaca, c’è una buona precisione durante le attività di resistenza e il margine di errore durante i nostri test è solo dello 0,6% rispetto alla fascia toracica Polar H10 che utilizziamo in rif. Il margine raddoppia durante la corsa a intervalli (1,2%), indicando una minore precisione della misurazione quando le variazioni della frequenza cardiaca sono numerose e improvvise. Senza eguagliare la precisione ottenuta con la fascia toracica, la curva ottenuta è molto buona, rilevando bene i cambi di tempo. Gli atleti regolari non saranno necessariamente contenti, ma è comunque una bella sorpresa.

READ  La NASA ha lanciato una sonda che potrebbe salvarci da una collisione di asteroidi

Il sensore SpO2 viene utilizzato solo per monitorare il sonno e controllare la qualità della respirazione. Una caratteristica che permetterebbe di rilevare l’insufficienza respiratoria, in particolare l’apnea notturna. Come le letture del cuore, ricorda che queste misurazioni non hanno valore medico e non sostituiscono un esame da parte di un medico. Tuttavia, ha un interessante valore indicativo che può allertare un potenziale problema di salute.

Durante i nostri test di 15 giorni, le curve del sonno ottenute ci sono sembrate rilevanti, con buone fasi di veglia rilevate e notti più irrequiete di altre con conseguente riduzione della durata del sonno profondo.