Maggio 25, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Taiwan avvista un aereo da combattimento “scorpione a doppia coda” che vola intorno all’isola | mondo

Taiwan avvista un aereo da combattimento “scorpione a doppia coda” che vola intorno all’isola |  mondo

Il ministero della Difesa cinese ha dichiarato venerdì che un drone da combattimento cinese in grado di trasportare armi pesanti sta volando intorno a Taiwan.

Taiwan vive sotto la minaccia della Cina comunista, che considera l’isola una delle sue province che non riesce ancora a riunire con il resto del suo territorio dalla fine della guerra civile cinese nel 1949.

Venerdì, il ministero della Difesa di Taiwan ha dichiarato di aver rilevato 38 aerei cinesi in tutta l’isola, tra cui un drone TB-001 – chiamato anche “scorpione a doppia coda” – tra le 6:00 ora locale di giovedì (10:00 GMT) e le 18:00 di venerdì mattina .

Il TB-001 è uno dei più grandi UAV dell’Esercito Popolare di Liberazione. Il suo raggio di volo è di 6.000 km.

Secondo una mappa pubblicata dal ministero, il drone avrebbe oltrepassato la linea mediana, quel confine invisibile tra Taiwan e Cina che gli Stati Uniti tracciarono unilateralmente durante la Guerra Fredda, e che Pechino si rifiuta di riconoscere.

Mostra forza

I media locali hanno citato il ministro taiwanese dicendo che questa è la prima volta che un aereo militare cinese ha sorvolato l’isola da un’estremità all’altra della linea di mezzo.

Inoltre, il ministro ha affermato che 19 velivoli “hanno attraversato la linea centrale dello stretto di Taiwan” o sono entrati nella zona di identificazione della difesa aerea (ADIZ) dell’isola, il numero più alto dalla fine delle grandi manovre organizzate dai militari cinesi intorno a Taiwan all’inizio di Aprile.

Questa dimostrazione di forza da parte di Pechino è arrivata pochi giorni dopo un incontro tra il presidente taiwanese Tsai Ing-wen e la terza figura del governo Usa, Kevin McCarthy, presidente della Camera dei Rappresentanti.

READ  Charles Michel ha incontrato en garde la Russie : "Nous ne pouvons pas éternellement offrir un rameau d'olivier"