Maggio 27, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Commissione Europea vuole combattere l’IPTV

La Commissione Europea vuole combattere l’IPTV

Diffidente nei confronti dell’idea di modificare la legislazione esistente, la Commissione europea propone un toolkit per combattere le ripubblicazioni pirata. Non basta rassicurare gli aventi diritto, che si ritengono largamente addolorati.

Lo scorso gennaio, la Commissione europea ha lanciato una richiesta di contributi per riempire la sua cassetta degli attrezzi, che dovrebbe combattere l’IPTV. È una misura che è stata accettata freddamente dai titolari dei diritti, frustrati dal fatto che non stanno ottenendo alcun vantaggio nello sviluppo di una nuova legislazione.

Come promemoria, nell’ottobre 2022, una coalizione di titolari dei diritti ha chiesto alla Commissione di modificare le regole esistenti, per costringere i broker a disattivare i flussi pirata non appena viene presentata una denuncia. Cosa bocciata dalla Commissione per paura degli eccessi di un tale sistema. Nasce così questa “cassetta degli attrezzi”, che permetterebbe di aiutare i titolari dei diritti a conformarsi alla normativa vigente.

Raccomandazioni…

Ufficialmente, il rapporto della Commissione europea non è ancora disponibile. Questo sarà pubblicato solo all’inizio di maggio. Tuttavia, alcuni partiti sono già trapelati online e, con ogni probabilità, le coalizioni dei titolari dei diritti sono tutt’altro che soddisfatte. Secondo la prima versione che hai urativoL’UNHCR conta di migliorare il sistema già esistente. In termini concreti, ciò potrebbe significare enfatizzare l’elaborazione di richieste pull, ordini dinamici e collaborazione volontaria.

In termini di eliminazione dei flussi pirata, la commissione raccomanda ai broker di agire più rapidamente per limitare i danni. In altre parole, spetta agli Internet Service Provider (ISP) e agli host web lavorare con i titolari dei diritti. Ad esempio, velocizzando il processo di notifica e intercettazione.

READ  “Dai corpi che abbiamo visto sono emersi casi di stupro”: in Israele complessa indagine su possibili crimini sessuali commessi da Hamas

Allo stesso tempo, la Commissione europea incoraggia gli Stati membri a concedere ai titolari dei diritti il ​​diritto di chiedere ingiunzioni “dinamiche”. Ciò significa che può essere esteso ad altri siti che non sono presi di mira dall’ingiunzione primaria, ma che ripubblicano illegalmente lo stesso programma. Il Regno Unito e l’Irlanda, tra gli altri, concedono già questa possibilità.

…ma nessun obbligo

Infine, informazioni daurativo Osserva che la commissione incoraggia tutti i mediatori a cooperare, anche senza un ordine del tribunale. Comprendi: possono impedire loro stessi le trasmissioni di pirateria agendo in modo proattivo. Poche aziende si inseriscono nel gioco, ma possiamo citare Google. Di recente, il gigante punisce tutti i siti web di pirateria de-indicizzandoli non appena il loro nome appare in una decisione del tribunale.

Tuttavia, la pillola è amara per i detentori dei diritti, che si aspettavano di più da questo rapporto. In una dichiarazione anonima fatta a urativorappresentativo di Alleanza per i contenuti liveche include un fileAlleanza antipirateria audiovisivasottolinea l’urgenza della situazione e la mancanza di realismo della Commissione europea. “La proposta di valutare gli effetti della raccomandazione a tre anni dalla sua adozione è del tutto incoerente con l’urgenza della situazione”.si rammarica.

_
Segui Geeko su FacebookE Youtube E Instagram per non perderti notizie, quiz e consigli.