Febbraio 27, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Superficie, già una vecchia storia

Superficie, già una vecchia storia

La mania dei tetti ha preso il sopravvento sui tetti degli hotel, dall'edificio Soko alla gigantesca spirale del Quatre Bras de Tervuren ai margini della Forêt de Soignes, dall'Albert al Mont des Arts, fino ai tetti dell'hotel. Hoxton nel Botanique (ex IBM Tower) o il bar nella Chaussée de Charleroi.

La cosa più bella del centro di Bruxelles si trova ora al 10° piano del nuovo centro amministrativo della città di Bruxelles, sul sito dell'ex parcheggio 58. Nel cuore del centro storico di Bruxelles, non lontano da la Grand-Place, questo nuovo tetto offre una vista a 360 gradi di Bruxelles e dei suoi dintorni, compresa la remota campagna verde del Pajottenland. Con tempo asciutto e sereno, si possono vedere chiaramente i confini regionali di Mortepec, il trasmettitore VRT di Léo Saint-Pierre o anche gli edifici dell'altopiano dell'Heysel.

3.000 metri quadrati di splendide terrazze, realizzate in elegante legno, con un ristorante all'8° piano, un bar al 9° piano e infine l'enorme terrazza all'aperto in alto. Oltre ad offrire la vista più bella di Bruxelles, il tetto Brucity è il tetto panoramico più grande conosciuto in Europa. Il parco è accessibile tutto l'anno, ma solo nel periodo estivo sono previsti bar e atmosfera dopo lavoro con buona musica.

Dall'alto di questo bellissimo edificio in Rue de Halle, puoi ammirare una città che vive, si muove, lavora, si sviluppa e viaggia. Osserviamo il traffico, i movimenti, i fumi dell'inceneritore o il gas refrigerante della centrale elettrica di Drogenbos.

Sul tetto del grande magazzino “À l'Innovation” si trova una terrazza con sala da tè, una passeggiata e un teatrino delle marionette ©DR

C'era una volta l'innovazione che affiora

Ciò che sorprende è che questa ossessione di rilassarsi con un drink sui tetti, negli hotel o nei negozi non è affatto recente. Nel periodo tra le due guerre, infatti, il tetto del negozio “À l'Innovation” era dotato di una terrazza accessibile a tutti i clienti, di una sala da tè, di una passeggiata e di un teatrino delle marionette.

READ  La cartolina di Natale del principe Harry e Megan Markle ha sorpreso molti netizen (foto)

In cima ad un edificio costruito nel 1903 dall'architetto Victor Horta, sul tetto del negozio “À l'Innovation”, una casa fondata nel 1897 dai tre fratelli Meyer e da Julian Bernheim, cognato di Meyer, un inizialmente era attiva una famiglia di Mulhouse Nella filanda, tutta Bruxelles si riuniva allora per condividere momenti conviviali in quota, con una vista meravigliosa sulla città di Bruxelles, che continuava a urbanizzarsi e a crescere.

Non è stato possibile surclassare il concorrente “Aux Galeries Anspach”, perché occupava anche la parte alta del suo stabilimento sui Grands Boulevards, soprattutto nell'inverno degli anni '60, vicino alla pista da sci artificiale “Alpe d'Huez”. Da settembre a gennaio sono state installate delle impalcature sull'edificio che hanno consentito la realizzazione di un percorso artificiale lungo 60 metri e largo da 5 a 13 metri diretto verso Place La Monnaie. Istruttori certificati hanno fornito lezioni di pattinaggio. È richiesto il comfort e la pista è dotata di uno skilift meccanico e di una piattaforma per gli spettatori.

Da notare che a Parigi, attorno alla maestosa cupola di luci, anche i balconi delle Galeries Lafayette offrono una vista mozzafiato su Parigi. Su questa superficie, il 19 gennaio 1919, il pilota Jules Vedrine fece atterrare il suo Caudron G III.