Febbraio 27, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Stefan Byrne: “Nonostante molti fattori danneggino la sua immagine, Federico di Danimarca sarà un re molto popolare”.

Stefan Byrne: “Nonostante molti fattori danneggino la sua immagine, Federico di Danimarca sarà un re molto popolare”.
Cosa ricordi del regno di Margherita II?

52 anni sono un regno lungo. Fu un’epoca che diede stabilità alla Danimarca. Margherita II fornì un vero interesse sociale. Ha incarnato lo sviluppo del Paese negli ultimi 50 anni, senza soluzione di continuità, accompagnando la modernizzazione del Paese, ma permettendogli di preservare ciò che lo rende speciale, le sue tradizioni. È un sovrano molto semplice, a diretto contatto con il popolo, e allo stesso tempo, come la monarchia danese, sa essere grandioso. Lo abbiamo rivisto lunedì sera con il cenone di Capodanno. È anche un'artista e un'intellettuale, il che è importante perché ha dato una spinta internazionale, promuovendo la Danimarca nel mondo.

Dopo la sua abdicazione non ci sarà più alcuna regina in Europa… Crede che questo possa avere delle ripercussioni sulle monarchie europee?

È semplicemente un cambiamento molto maschile, che vedremo tra qualche anno, ma penso che il futuro delle monarchie sia femminile. Nella mia vita spero di vedere salire al trono Leonor di Spagna o Elisabetta del Belgio. Ci sono altre donne in arrivo, e c'è anche un'associazione femminile in cantiere: Catharina Amalia in Olanda, e Ingrid Alexandra in Norvegia. Aspetta.

“Ci siamo detti: annulleremo Capodanno”: danesi sotto shock dopo l'annuncio dell'abdicazione della regina Margrethe

Sono stati pubblicati diversi sondaggi d'opinione sul principe ereditario Federico di Danimarca. Alcuni mostrano un calo di popolarità. Come lo spieghiamo?

Ci sono molti sondaggi d'opinione. Mentre alcuni indicano un calo della sua popolarità, altri mostrano che le sue opinioni sono positive all'84% e che è pienamente preparato per il ruolo di re. Il suo calo di popolarità è legato a vari fattori. Innanzitutto nelle ultime settimane sono circolate voci di infedeltà, che secondo me non sono vere in quanto si tratta di una vera coppia con la futura Queen Mary. Soprattutto, c’è stata una storia familiare che ha causato problemi l’anno scorso. Inoltre, la Regina ha dovuto scusarsi, perché era un momento piuttosto delicato. La regina voleva mettere le cose in ordine e riunire l'idea della famiglia reale attorno al principe ereditario Frederik, sua moglie e i loro figli e spingere un po' più in là Joachim, sua moglie Marie e i loro quattro figli. Quindi presi i loro titoli di Principi di Danimarca. È stato un vero scandalo. Lei non ha negato nulla nella sostanza ma si è scusata nelle modalità perché l'hanno appreso in modo piuttosto brutale. Poi si cominciò a dire che era il principe ereditario che voleva concentrare tutta l'attenzione del pubblico su di sé e non condividere i riflettori. Ciò potrebbe danneggiare la sua immagine.

READ  Questa strana interazione tra Kate Middleton e il principe Louis ha messo a disagio il web
Come descriveresti Federico il Danese?

Dovresti sapere che è un maratoneta, è più atletico che intellettuale. Quindi c'è un cambiamento nella continuità, non ha affatto lo stesso stile di sua madre. Tuttavia, ha la reputazione di essere molto vicino alle persone, ancor più di sua madre. Sebbene lei viaggiasse spesso in modo molto formale, lui si mescolava al pubblico ed era molto vicino al popolo danese.

Quali sono le grandi sfide che dovrà affrontare il futuro re?

In Danimarca, la proprietà svolge un ruolo di rappresentazione morale molto importante. Il re (o la regina) incarna la nazione e a lui ci rivolgiamo sempre nei momenti difficili. Sul piano politico e intellettuale, Federico dovrà prendere in mano la situazione. Dovrà incarnare veramente la storia della Danimarca. È importante anche che il Re ricordi la storia del Regno, come ha fatto la Regina nel suo discorso menzionando il ruolo di suo nonno Cristiano X durante la guerra. Ma quello che non mi preoccupa troppo è che lui sia fermamente concentrato sul cambiamento climatico, sulla trasformazione ambientale. È un uomo del suo tempo, consapevole delle sfide del Paese e che lo sosterrà. Comunque penso che sarà un re molto popolare.