Aprile 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Stati Uniti: un funzionario mette in guardia da inflazione “generalizzata”.

Stati Uniti: un funzionario mette in guardia da inflazione “generalizzata”.

YuIl governatore della banca centrale degli Stati Uniti, Lisa Cook, ha avvertito, venerdì, dell’inflazione “generalizzata” nell’economia degli Stati Uniti e ha sottolineato che il percorso verso un aumento basso e stabile dei prezzi potrebbe essere lungo e conosce tremori.

Lisa Cook ha detto in un discorso alla Georgetown University di Washington che le varie misure utilizzate per calcolare l’inflazione “hanno superato il loro picco ma rimangono alte, indicando che l’inflazione si è diffusa nell’economia”.

L’inflazione statunitense è scesa al 5% su base annua a marzo, il livello più basso in quasi due anni, secondo l’indicatore CPI pubblicato la scorsa settimana. Quel numero è ancora molto alto rispetto all’obiettivo del 2% della Fed.

L’istituto privilegia un’altra metrica, l’indice PCE, i cui dati per marzo saranno pubblicati il ​​28 aprile. La contea prevede una cifra di poco superiore al 4%.

“La grande domanda, tuttavia, è se, ea quale velocità, l’inflazione continuerà la sua traiettoria discendente verso il nostro obiettivo del 2%”, ha continuato.

“Finora, la maggior parte del calo è stata causata dalla moderazione dei prezzi dell’energia”, ha affermato, aggiungendo che “la strada per tornare al nostro obiettivo di un’inflazione bassa e stabile potrebbe essere lunga e potenzialmente irregolare e accidentata”.

Leggi anche Perché l’oro sta riscuotendo un rinnovato interesse tra i risparmiatori

Per frenare l’inflazione, la Fed ha alzato il suo tasso di interesse chiave da marzo, il che spinge le banche commerciali a concedere credito ai propri clienti a tassi più alti, al fine di rallentare i consumi e, infine, allentare la pressione sui prezzi.

READ  Testimonianze di giornalisti a Gaza: Un massacro senza precedenti negli ultimi trent'anni

La prossima riunione della Federal Reserve si terrà il 2-3 maggio. I prezzi sono attualmente nella fascia del 4,75-5,00%, il più alto dal 2007, e la maggior parte dei partecipanti al mercato sta cercando un altro aumento di un quarto di punto, secondo la valutazione di CME Group.

I funzionari della potente Federal Reserve osserveranno gli effetti cumulativi degli aumenti dei tassi di interesse che si sono già verificati e l’inasprimento delle condizioni del credito associato alla recente crisi del settore bancario.

“Se condizioni di finanziamento più rigide sono così dannose per l’economia, il percorso appropriato per il tasso sui fondi federali potrebbe essere inferiore a quello che sarebbe in loro assenza”, ha affermato Lisa Cook.