Maggio 25, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

In Ungheria la popolazione della “Gigafactory” delle batterie per auto elettriche si sta ribellando

In Ungheria la popolazione della “Gigafactory” delle batterie per auto elettriche si sta ribellando

Balázs Szilágyi Risponde anche alle preoccupazioni sull’assunzione di lavoratori stranieri: Il reclutamento avverrà localmente nella regione di Debrecen, Ben dotato di profili come ingegneri grazie ai suoi college e università. Ci vorrebbero mille ingegneri, perché l’azienda fa molto affidamento sull’automazione.

Questo è uno dei motivi per cui CATL ha scelto Debrecen, che ha già uno stabilimento in Europa: ad Arnstadt in Turingia (Germania). Ci sono anche molti lavoratori cinesi lì, perché CATL non riesce a trovare abbastanza lavoratori tedeschi. E i cinesi lavorano fino a 12 ore al giorno, 6 giorni alla settimana…

Un altro motivo è la vicinanza di fornitori e clienti, vicini a molti siti di produzione di automobili: BMW proprio accanto, ma anche Audi, Mercedes, Opel, Suzuki altrove nel Paese. CATL prevede di offrire niente di meno 30 marchi automobilistici europei tra cui BMW, Daimler, Volkswagen, Toyota, Volvo e Tesla. ecosistema completo.

Ci saranno solo pochi dirigenti cinesi che lavoreranno nella fabbrica per avviarla. Inoltre, si prevede che il numero di lavoratori raggiungerà i 9.000 in soli 8 anni, sostiene Responsabile CTL.

“Fabbriche Giga” per le batterie, il prezzo da pagare per restare in gara

Approfittando del convegno delle “megafabbriche” di batterie, incontreremo anche in Ungheria un uomo chiave per questo settore: Pietro Kadijak. In qualità di Segretario di Stato nel governo di Orbán, ha delineato questa strategia che consisteva nell’attrarre i produttori di batterie in Ungheria. L’arrivo del CATL cinese è una vittoria, in quanto si sposa perfettamente con l’apertura ad est del governo ungherese. Oggi Pietro Kadijak Ha un limite di transizione verde in cima a una lobby, lo “Zero Carbon Hub” dell’Università di tecnologia ed economia di Budapest, sostenuto dal governo.

READ  "Il primo caso sarà in una base aerea europea".

Il suo messaggio è chiaro:Le fabbriche di batterie non inquinano più del petrolio o dei medicinali, e questo è il prezzo da pagare se l’Europa vuole continuare a produrre le sue automobili:La produzione di pastella di cellulosa è un’attività chimica dell’industria con tutti i suoi vantaggi e i suoi inconvenienti e il suo effetto, hai besoin d’energie, hai besoin d’eau per produire cella, non è quello che ha scelto per l’industria farmaceutica, l’industria della plastica, per la raffinazione di prodotti petroliferi, donc il premio non è la domanda è la domanda che sarai equo partie de la concurrence mondiale per questa futura tecnologia, si oui, pagherai. Il prezzo.”

L’elettricità è più verde del petrolio

La linea di ragionamento che ho preso Mattia LetkyDirettore del Climate Policy Institute di Budapest.

IO Comprende le preoccupazioni della gente di Mekeberch, ma si offende anche”.disinformazioneLeadership dell’opposizione su questo fascicolo:Qual è la differenza tra questa industria petrolifera e l’industria delle batterie? Solo una cosa: il petrolio esiste da decenni e noi siamo abituati a questo tipo di attività industriale, ma non all’industria delle batterie. Con il tempo ci abitueremo a questo tipo di attività industriale con più informazioni per le persone, più trasparenza e sarebbe bene che i partiti di opposizione non sfruttassero questa situazione per un tornaconto politico».

lettera Mattia Letky Ben consolidato e per lui l’elettricità è più green del petrolio, anche se si rende conto che l’attività mineraria ha sempre un impatto sull’ambiente, con la conversione e il trasporto del litio, ad esempio. Ma dal 40 al 60% del valore di un’auto è una batteria moderna, la scelta di accogliere questo tipo di industria ripaga ai suoi occhi.

READ  Claude ritrova la fidanzata tedesca di suo padre dopo 80 anni di guerra

Inquinamento delle acque con solventi tossici

Tuttavia, a pochi chilometri da Budapest, a Jude opera da 5 anni un’altra fabbrica di batterie, la fabbrica Samsung SDI, e lì, a quanto pare, i timori dei residenti sono giustificati.