Febbraio 8, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Stati Uniti: mancata apertura del Congresso da parte dei repubblicani, sessione aggiornata

I membri eletti della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti non sono attualmente in grado di eleggere un presidente, dopo tre tentativi falliti del repubblicano Kevin McCarthy, il primo in 100 anni.


Reporter negli Stati Uniti

Tempo di lettura: 3 minuti

jCome i piani disordinati, ma poi questo piano va oltre tutto! Abasourdi, giornalista anonimo che confina la sua sorpresa dopo lo psicodramma survenu au Capitol London apres-midi: Kevin McCarthy, editore di Californie che, di 57 anni, ha riscosso il successo della democratica Nancy Pelosi alla presidenza dell’ufficio di rappresentanza, Fallimento. Con una grande larghezza e due volte.

Sebbene avesse bisogno di raccogliere 218 voti sui 222 seggi detenuti dalla nuova (e breve) maggioranza conservatrice, ne ottenne solo 203, perdendo 19 consensi nel processo e, un assoluto disprezzo, lasciando lo sfidante democratico Hakeem Jeffries davanti a lui con 212 voti. Con nessuno dei due uomini che raggiungeva il minimo richiesto, fu immediatamente ordinata una seconda corsa, uno scenario inaudito a Capitol Hill da un secolo. Ancora una volta, McCarthy si è fermato a 203 voti, rispetto ai 212 di Jefferies e ai 19 del suo sfidante Whig numero uno, Jim Jordan. Il terzo scrutinio questa volta ha dato alla Giordania 20 voti, con un quarto turno già fissato. La seduta è stata aggiornata a mercoledì pomeriggio.


Leggi anche
Stati Uniti: guerra civile tra repubblicani al Congresso

Per Kevin McCarthy, l’umiliazione è universale. Da quando è entrato in Campidoglio nel 2007, il nativo di Bakersfield ha sognato di diventare Presidente della Camera. Nel 2015 dovette già cedere, frenato nelle sue ambizioni dai radicali del Freedom Caucus che avevano appena compiuto l’impresa di spodestare il moderato John Boehner, prima dell’insediamento del giovane Paul Ryan, che fu definitivamente ripudiato nel 2017-2023. , in tutta giustizia politica, era l’anno di McCarthy. Sotto Trump, non ha rifiutato né il compromesso né l’insulto, in preparazione della sua logica ascesa al presidente della Camera. Tuttavia, ha sottovalutato il disprezzo del partito estremo per lui. Tassando McCarthy come un “Reno (repubblicano solo di nome)”, un moderato senza forti convinzioni conservatrici, McCarthy aveva attraversato l’orizzonte durante l’era Trump, dichiarando la sua fedeltà a Donald Trump prima di andarsene brevemente dopo l’attacco al Campidoglio del 6 gennaio, 2021. Il 28 gennaio successivo, si è inchinato di nuovo all’ex pensionato nella sua tana di Mar-a-lago, dopo aver realizzato che doveva raccogliere il sostegno del “popolo Trump”, meglio noto come “MAGA”. America Great Again) e i loro cappelli rossi.


Leggi anche
Stati Uniti: George Santos, “Il talento di Mr. Ripley” tra i repubblicani

Mai un favorito del GOP (Grand Old Party) è sembrato più debole dai tempi dello sconosciuto Frederick Gillette nel 1923, che ricevette 9 voti per stabilirsi.

Per McCarthy il problema sono i membri del Freedom Caucus, il partito ultrarepubblicano alla Camera dei Rappresentanti. I membri più accesi di questo gruppo, Andy Biggs, Paul Gosar, Matt Gaetz, Marjorie Taylor Greene e Lorraine Boebert, lo vedono come incapace di governare con l’autorità, perseveranza necessaria se potesse raccogliere la maggioranza dei voti. Terzo scrutinio. Il completo e storico fiasco di queste elezioni interne al Congresso è di per sé una vittoria per i Democratici, e l’amministrazione Biden è felice di assistere alla disintegrazione di un’opposizione ancora orfana della leadership di Donald Trump, tesa in un’imboscata alle elezioni presidenziali del 2024.

Senato degli Stati Uniti (3)
Governo degli Stati Uniti - 118° Congresso
Senato degli Stati Uniti (5)

READ  Minacciata dalla scarsità di energia elettrica, l'Australia sospende il mercato elettrico