Cronaca EVIDENZA Salerno

Spintoni e minacce nella redazione di Metropolis. FNSI chiede il blocco della cessione de La Città.

Apprendiamo sbigottiti che uno dei finanziatori del giornale Metrpolis sia entrato in redazione minacciando e aggredendo due cronisti. Un fatto gravissimo che condanniamo senza alcuna riserva.

Poche ore fa, nella redazione centrale di Metropolis, un finanziatore del giornale ha minacciato alcuni giornalisti, cacciandone altri e arrivando persino all’aggressione di due cronisti. Questo il testo del messaggio diffuso del Sindacato Unitario dei Giornalisti che, insieme all’Ordine dei Giornalisti della Campania ed i Consiglieri nazionali dell’Ordine hanno così condannato il “comportamento inaccettabile, intollerabile e vergognoso, di fronte al quale Ordine e Sindacato metteranno in campo tutte le azioni necessarie alla tutela dei colleghi, ai quali esprimono piena e convinta solidarietà.” Sul posto si sono recati il presidente dell’Ordine, Ottavio Lucarelli, il segretario regionale del SUGC, Claudio Silvestri, e il segretario territoriale del SUGC, Vincenzo Lamberti.

La FNSI chiede al gruppo L’Espresso di “soprassedere” alla vendita de La Città in favore di Metropolis

Nel frattempo, in una nota, anche Raffaele Lorusso, segretario generale della Federazione Nazionale della Stampa, condanna quanto accaduto a Metropolis e rivolge un appello al gruppo L’Espresso-Finegil. “È auspicabile –scrive il segretario nazionale della Fnsi – che il gruppo L’Espresso-Finegil soprassieda alla decisione di cedere il quotidiano “La Città” di Salerno a una cordata di imprenditori locali. Soprattutto se fra gli acquirenti figura uno degli attuali editori del quotidiano campano Metropolis.

Lo stesso che, stando a quanto denunciato dai colleghi della testata, dal sindacato e dall’Ordine dei giornalisti della Campania, ha pesantemente minacciato alcuni giornalisti  di Metropolis, piombando in redazione, nella giornata di oggi. Nell’augurio che anche la magistratura voglia fare chiarezza sull’accaduto, preoccupa il fatto che chi si è reso protagonista di tali inqualificabili comportamenti possa diventare l’editore di una testata del gruppo L’Espresso-Finegil, che ha nel dna le battaglie per la legalità, i diritti civili e le libertà”

Il CDR de La Città condanna le violenze e proclama lo sciopero da domani a martedì

Nel frattempo il Comitato di redazione del quotidiano “la Città” condanna con forza l’episodio e proclama un pacchetto di sei giorni di sciopero (il quotidiano sarà regolarmente in edicola domani, sabato 1 ottobre), i primi quattro dei quali a partire da domani e fino a martedì 4 ottobre, giorno nel quale i sindacati nazionali e locali sono convocati nella sede della Fieg a Roma per il primo incontro ufficiale con la società cedente e la società cessionaria. Contestualmente l’assemblea del quotidiano “la Città” esprime solidarietà e vicinanza ai colleghi di Metropolis.

laRed condanna gli ignobili gesti di violenza ed esprime solidarietà ai colleghi di Metropolis

Noi de laRedazione.eu non possiamo che esprimere piena solidarietà ai giornalisti di Metropolis condannando qualsiasi gesto di violenza verbale e fisica accaduto. La redazione di un qualsiasi giornale è un tempio delle legalità e boutade di questo genere sono davvero ingiustificabili anche alla luce dei continui sacrifici a cui la categoria è spesso chiamata. Allo stesso modo, siamo vicini ai colleghi de La Città. Sapere che, il protagonista di tali atteggiamenti irrispettosi ed assolutamente inqualificabili, possa essere il futuro proprio editore, deve essere peggio di una frustata.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi