Ottobre 3, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sperma, nidificazione di microbi ancora poco conosciuti


DottO per diversi anni, le osservazioni sullo sviluppo della qualità dello sperma preoccupano tanto quanto sembrano andare di pari passo con la fertilità in autunno. Il declino è diventato una preoccupazione globale…

Una delle domande più importanti è se questo declino sia spiegato esclusivamente da fattori economici e comportamentali o se siano coinvolti anche fattori biologici.

Le ragioni sono complesse.

Il declino della qualità dello sperma fa parte di una più ampia tendenza al deterioramento della salute riproduttiva maschile, che sta iniziando a degenerare in una crisi generale di fertilità. Se è già stato dimostrato I fattori ambientali influiscono negativamente sulla qualità dello spermaPer comprendere appieno la situazione, comprendere la biologia degli spermatozoi rimane un problema cruciale: con l’influenza dell’ambiente cellulare, rimangono ancora sconosciuti.

Inizialmente sono parassiti che si trovano nei semi, metà vermi, metà serpenti e Gli spermatozoi furono isolati e successivamente identificati come fattori cellulari nella riproduzione maschile nel diciassettesimo secolo. Ma non sono soli… Da diversi anni gli ambienti scientifici hanno notato che altre cellule, questa volta non umane, svolgono un ruolo al loro fianco nella fertilità umana.

Leggi ancheMicrobiota, un mondo nascosto

germi in noi

Innumerevoli microrganismi (batteri, lieviti, funghi e virus) vivono in tutti gli organismi multicellulari. Costituiscono veri e propri ecosistemi detti microrganismi, e le loro funzioni fisiologiche sono oggetto di studio da vent’anni.

Questi microrganismi vivono in colonie all’interno di molti tessuti: Apparati digerente e respiratorio (particolarmente studiati e conosciuti dal grande pubblico)ma anche neezpelle, ecc. Queste comunità microbiche, che pesano tra 2 e 3 chilogrammi, sono intriganti. Sono tutti più interessanti perché conferiscono a ogni persona caratteristiche uniche e possono variare nel corso della vita di un individuo. Pertanto, per alcuni, saranno associati a una buona salute e a una longevità più lunga.

Leggi ancheMicrobiota diversificato, garantendo una buona salute

Il Progetto Microbioma Umano è stato lanciato nel 2008 (Progetto microbiota umano) per caratterizzare la diversità di questi gruppi di microrganismi ed esplorare il legame tra la presenza o la variabilità di queste comunità e lo sviluppo di malattie. Tra il 2009 e il 2021 sono stati scritti quasi 40.000 articoli sul microbiota intestinale, che costituisce la più grande massa di germi per un individuo adulto.

READ  Santé: peu d'interêt pour un retour dans le réseau public

La scoperta del significato fisiologico di questi microbi ha trasformato il nostro rapporto con la salute e ha aperto nuove strade terapeutiche. Così la comunità scientifica iniziò a esplorare i microrganismi di altri tessuti, che non erano stati studiati nella prima intenzione.

Leggi ancheIl microbiota intestinale è il nostro secondo cervello. veramente ?

Microbiota spermatico, non è noto

Lo sperma e l’ambiente testicolare non sono sterili, in tutti i sensi: contengono naturalmente molti microrganismi. Meno ricco ma più diversificato del microbiota vaginale, si arricchisce o si altera nel corso della vita di un individuo. queste Due microbi sono di particolare interesse negli studi sulla fertilità umana.

In effetti, un’analisi comparativa di oltre cinquanta studi ha fatto luce Complessità e cambiamenti nel microbiota spermatico.

I microrganismi sono stati inizialmente stimati attraverso tecniche di coltura e ora vengono analizzati utilizzando tecniche di biologia molecolare per accedere al genoma batterico. Le tecniche di sequenziamento del genoma ad alto rendimento e i progressi della bioinformatica contribuiscono alla caratterizzazione e all’analisi di questi ecosistemi di microrganismi e alle loro relazioni con lo stato di salute dei loro ospiti.

Questi due metodi di analisi sono stati in grado di evidenziare la presenza di diversi tipi di batteri nel seme di soggetti fertili e infertili.

I metodi di coltura rilevano frequentemente la presenza di stafilococchi, enterococchi,Escherichia E il’plasma di urea. I metodi di sequenziamento indicano un’abbondanza di lattobacilli, PrevotoE il pseudo- così come altri patogeni anaerobici opportunistici (microrganismi che vivono in un ambiente privo di ossigeno).

Questi risultati dimostrano chiaramente Limitazioni di questi metodi di rilevamentoMa non lasciare dubbi sul fatto che lo sperma non è solo nell’eiaculazione…

READ  Monkeypox: quarto caso di vaiolo delle scimmie in Belgio. L'OMS si aspetta più casi

Qual è l’origine e qual è l’effetto sui germi dello sperma?

Sono ammessi due originali. Uno coinvolge il sistema riproduttivo superiore (compresa la prostata) e altri tessuti estranei al sistema genito-urinario (il tubo digerente, la cavità orale, il sangue o la vagina) e la condivisione di germi può avvenire tra i due attraverso i rapporti sessuali.

Diversi studi indicano una correlazione tra la presenza di alcuni microbi e la qualità dello sperma. Ad esempio, sarebbero in grado di attaccarsi allo sperma e, a loro volta, modificare le loro funzioni, come la locomozione, fino a quando non vengono immobilizzati.

Gli effetti riportati sono molto variabili… quindi la presenza di lattobacilli sarebbe favorevole alle funzioni spermatiche, mentre la presenza di proteobatteri,anaerobico Basato su Bacteroides ureolyticus Sarà più correlato allo sperma di qualità inferiore. Come possono essere spiegati questi diversi effetti sulle funzioni dello sperma?

La prima possibilità, i microrganismi potrebbero avere un effetto positivo sulle funzioni dei testicoli stessi… Ma, la seconda ipotesi, possono agire come antiossidanti: ridurranno la concentrazione di specie reattive dell’ossigeno (o specie reattive dell’ossigeno, aumenteranno danneggia le strutture cellulari) e quindi riduce la frammentazione e l’alterazione del DNA.

l’L’ingestione di microrganismi vivi, sotto forma di probiotici, mostra effetti benefici sulla motilità degli spermatozoi nel coniglio. Nell’uomo, integrazione dietetica Lattobacillo e altri Bifidobatterio Aumenta la mobilità e riduce la frammentazione del DNA Negli individui con idrocefalo (mancanza o incapacità di movimento degli spermatozoi, per più del 50% di essi un’ora dopo l’eiaculazione).

Hanno anche dimostrato studi più recenti sulla somministrazione di probiotici Miglioramenti nella concentrazione e nella motilità degli spermatozoi Accanto Riduzione della morte cellulare o dei marker infiammatori. Tuttavia, queste osservazioni non sono state fatte su gruppi abbastanza grandi da trarre conclusioni chiare…

Sperma e germi vaginali

Una volta nel sistema riproduttivo femminile, lo sperma deve incontrare anche la presenza di germi locali…

READ  La crisi Montfort a influence la trajectoire des soins de santé en français en Ontario

Pochi studi sono stati condotti sull’effetto di questi altri microrganismi sullo sperma, ma diversi risultati suggeriscono che i batteri vaginali possono avere effetti negativi sulla sopravvivenza dello sperma. Pertanto, se i lattobacilli preferiscono avere un effetto protettivo nel sistema riproduttivo maschile, la loro massiccia presenza nella vagina cambia la qualità dello sperma e Sono stati osservati fenomeni di adesione e agglutinazione degli spermatozoi.

Altri meccanismi cellulari come la riduzione della motilità cellulare o la distruzione degli spermatozoi possono essere innescati dall’apoptosi. Questa morte cellulare programmata può verificarsi sia per interazione tra molecole batteriche che superficie della particella spermatica (a livello della sua testa), o cambiando la sua membrana.

È stato suggerito che il microbiota vaginale possa agire discriminando lo sperma di qualità inferiore, poiché quest’ultimo sarebbe più sensibile ai batteri ospitati dal sistema riproduttivo femminile.

vie da seguire

Conoscere il microbiota spermatico e le sue modificazioni consentirà di comprendere meglio l’effetto di questo ambiente sulla qualità dello sperma: questi batteri possono avere un reale effetto benefico sulla qualità dello sperma? A seconda della loro natura, questi germi possono aumentare o danneggiare la fertilità maschile?

I microrganismi spermatici tendono sempre più ad essere identificati come una possibile causa di infertilità, ma pochi studi si sono concentrati su questi aspetti, che restano quindi controversi.

Occorre quindi fare attenzione e definire l’ipotesi offerta da questi studi: se la presenza di microrganismi è talvolta associata a stati patologici, allora il rapporto causa-effetto non è stato stabilito con chiarezza. Quindi, l’esplorazione dei meccanismi biologici di questa associazione di spermatozoi e microbi è ancora agli inizi… offre, tuttavia, nuovi approcci diagnostici o terapeutici alle coppie sterili.

* Jean Francois Bodart،, Professore universitario, Biologia cellulare e Biologia evolutiva, Università di Lille