Febbraio 28, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Spazio: perché la stella Betelgeuse scomparirà brevemente martedì 12 dicembre

Un raro evento cosmico si verificherà nella notte tra lunedì 11 dicembre e martedì 12 dicembre.
La stella Betelgeuse, una delle stelle più luminose del cielo notturno, scomparirà improvvisamente.
La stella riapparirà pochi istanti dopo il passaggio dell’asteroide che l’ha oscurata.

Lo spegniamo e poi lo riaccendiamo! Betelgeuse, la decima stella più luminosa nel cielo notturno, scomparirà brevemente nel cielo notturno la prossima settimana quando l’asteroide 319 Leona apparirà a un osservatore sulla Terra mentre gli passa davanti. È molto raro che un asteroide blocchi una delle stelle più luminose del cielo notturno. Questo fenomeno si verificherà alle 3:17 della notte tra lunedì 11 dicembre e martedì 12 dicembre e durerà circa 6 secondi. Sfortunatamente, può essere osservato solo da una sottile striscia larga 60 chilometri nel sud della Spagna. Gli astronomi trarranno vantaggio da questo evento per conoscere meglio questa stella, che interessa molto alla comunità scientifica.

  • Situata a circa 2,5 milioni di anni luce di distanza, la Galassia di Andromeda, conosciuta anche come Messier 31, è la più grande galassia vicina alla nostra Via Lattea.

    Leggi anche

    Come si può vedere la Galassia di Andromeda ad occhio nudo?

Si prevede che l’asteroide (319) Leona, largo 50 chilometri, causerà l’eclissi dell’anello di fuoco anulare della stella Betelgeuse. Ciò significa che bloccherà la luce più brillante proveniente dalla stella, consentendo al contempo a parte della sua brillantezza di filtrare, consentendo agli astronomi di effettuare osservazioni. Purtroppo nessuno potrà vedere questo fenomeno, nemmeno con un telescopio. “Finora non esiste uno strumento abbastanza potente per rilevarlo. Quindi dovremo accontentarci di un’occultazione, che è già abbastanza eccezionale. Un evento del genere accade solo “una volta nella vita”.“, spiega a TF1info Miguel Montargis, astrofisico dell’Osservatorio di Parigi-PSL e specialista della stella Betelgeuse.

READ  La regione Ile-de-France lancia un'assicurazione sanitaria complementare a basso costo

nasa/stereo/ciao

Per gli astronomi, questo evento rappresenta una buona occasione per provare a mappare questa gigante rossa (stella massiccia) situata nella costellazione di Orione, a circa 650 anni luce dalla Terra. Miguel Montargis si recherà nel sud della Spagna con una squadra per condurre osservazioni. “80 astrofili si posizioneranno in diverse posizioni per registrare la variazione di luminosità mentre l’asteroide passa davanti a Betelgeuse. Questo ci permetterà di saperne di più sulle proprietà della superficie della stella e forse di ricostruirne un’immagine.”Lo spiega l’astrofisico.

Betelgeuse, una stella interessante

Tra la fine del 2019 e l’inizio del 2020, Betelgeuse ha messo in subbuglio il giovane astronomo, poiché credeva di assistere dal vivo alla morte di una stella, un evento che accade solo ogni 400 anni. È il sogno di ogni astrofisico. La stella, che si stima abbia circa 8 milioni di anni, sembrava essere in agonia, con la sua luminosità diminuita di circa il 70% in poche settimane. Il che potrebbe essere un segnale di pericolo della sua morte imminente. Da allora, Betelgeuse ha riacquistato il suo splendore. Successivamente si scoprì che si trattava di un’emissione di gas che formava polvere che ne oscurava la radiazione. Ma la stella continua ancora la magia. E per una buona ragione.

“Betelgeuse ha una massa pari a otto volte quella del Sole. Sappiamo che esploderà come una supernova. Il giorno in cui lo farà, diventerà luminosa come 200 miliardi di stelle e brillerà come una luna piena per 100 anni.” Due mesi, e questo fenomeno si verifica in media “Ogni 400 anni”. Lo spiega l’astrofisico. Ora resta da vedere quando. “A dire il vero è difficile dirlo. Senza correre rischi possiamo dire che esploderà tra 100.000 anni. Potrebbe succedere anche domani, ma io non ci credo molto. È più probabile che lo sappiamo da qualche decina di migliaia di anni”., stimò l’astronomo. Abbastanza per dare agli appassionati di astronomia abbastanza tempo per ammirarlo.

READ  Neve in montagna: attenzione alle piogge!

Matthieu Delacharlieri