Novembre 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sparatoria mortale di gruppo: l’attore Alec Baldwin e la famiglia della vittima raggiungono un accordo

L’attore americano Alec Baldwin ha annunciato mercoledì di aver raggiunto un accordo con la famiglia della direttrice della fotografia Helena Hutchins, uccisa nell’ottobre 2021 mentre si occupava di una pistola durante le riprese del film western “Rust”, una notizia drammatica che ha sconvolto Hollywood.

In un post su Instagram, il comico si è detto:Grazie a tutti coloro che hanno contribuito a risolvere questo problema tragico e dolorosoLa produzione riprenderà a gennaio 2023, secondo una dichiarazione separata ottenuta da AFP.

L’accordo pone fine al procedimento civile avviato dalla famiglia della signora Hutchins contro Alec Baldwin. L’importo di tale accordo negoziato, che dovrà poi essere ratificato da un giudice, non viene reso noto.

Non ho alcun desiderio di fare accuse reciproche o indicare gli autori (o i produttori o il signor Baldwin)‘”, ha commentato il marito del direttore della fotografia, Matthew Hutchins, citando il suo licenziamento per produrre il film.Siamo tutti convinti che la morte di Halina sia stata causata da un terribile incidente.Le riprese dovrebbero riprendere a gennaio 2023.Con tutti i personaggi principali‘”, dice, specificando che sarà il produttore esecutivo.

Il 21 ottobre 2021, le riprese di questo western in una fattoria a Santa Fe (Nuovo Messico) si trasformano in tragedia quando Mr. .

Le riprese hanno colpito anche il regista del film, Joel Sousa, che mercoledì ha accolto con favore l’attesissima ripresa delle riprese. “Anche se è ovviamente agrodolce, sono felice che insieme stiamo finendo ciò che io e Halina abbiamo iniziato. Tutti i miei sforzi in questo film saranno dedicati a onorare la memoria di Helena.Ha spiegato, citando il comunicato stampa della produzione.

READ  Nuova accusa contro Jean-Luc Hague

terremoto nel mezzo

L’incidente delle riprese, in un paese regolarmente rimproverato dalle armi da fuoco, ha avuto un impatto molto forte, ben oltre i confini americani. La notizia ha spinto gli studi di Hollywood a pensare alle regole e ai termini del cinema.

La famiglia di Helena Hutchins ha sporto denuncia contro l’attore a febbraio, accusandolo tramite il proprio avvocato di “comportamento pericolosoE denunciando le misure di riduzione dei costi decise dai produttori del film, tra cui il signor Baldwin, che, secondo loro, avrebbe rivendicato la morte del regista.

Le indagini di polizia, le cui conclusioni non sono ancora state annunciate, si sono concentrate in particolare sulla determinazione di come trovare munizioni vere nel kit, che è teoricamente vietato, proprio per evitare incidenti.

Alec Baldwin, sottolineando che non vuole”la maledizione‘, ha ancora recentemente puntato il dito contro l’armaiolo che ha assunto per il film, Hana Gutierrez Reid, e ha anche indicato la responsabilità dell’assistente alla regia Dave Holz, che gli aveva consegnato la pistola poco prima della sparatoria.

L’attore 64enne, che ha recitato in diversi film d’azione, si è fatto un nome con la sua interpretazione comica di Donald Trump al Saturday Night Live.