Settembre 28, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Solvay, responsabile del diffuso inquinamento da perfluorurazione, era consapevole della tossicità di queste “sostanze chimiche eterne” e continuò a usarle.

Tuttavia, nonostante le pulizie effettuate da Solvay, i vicini dello stabilimento si sono ammalati ancora in modi inspiegabili. Alice Linaz di Spinetta Marengo. Ha visto molti dei suoi parenti colpiti. Suo padre è morto di cancro ai reni nel 2015. Sua zia aveva la leucemia Mielomeningocele acuto. L’abbiamo incontrata poche settimane dopo il funerale dello zio, partito anche lui a causa di due tumori al cervello: “Stavamo facendo un tour del cancro in ospedale. Prima vedrò mio padre, poi mentre sono lì vedrò mia zia e un amico di famiglia che ha qualcosa nello stomaco. Tutti hanno il cancro in questa famiglia. Il cancro è diventato il polso. È il colpo sbagliato su cui stiamo ballando”.

Il cancro è diventato il polso

A fine 2019 l’a studio epidemiologico Pubblicato dall’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente ARPA, confermerà i sentimenti dei residenti. lei Hanno analizzato le persone che vivono entro un raggio di 3 km dallo stabilimento di Solvay. Ha elencato tutte le malattie raccogliendo i dati dei ricoveri ospedalieri tra il 2001 e il 2017. Ha poi confrontato questi residenti con i residenti della vicina città di Alessandria a più di 3 chilometri di distanza. I risultati sono promettenti. A Spinetta, i residenti corrono un rischio maggiore di sviluppare tumori al fegato (30%), cancro ai reni (76%), ipertensione (8%), malattie respiratorie (47%) e non solo.

Aumento delle malattie cardiovascolari

Quello che abbiamo mostrato è un aumento delle malattie neurodegenerative, soprattutto nei bambini che vivono nella zona più vicina alla pianta. C’è anche un aumento delle malattie cardiovascolari. Questo è molto, molto importante, perché sappiamo che gli interferenti endocrini, e in particolare i PFAS, una delle loro azioni è quella di distruggere il corpo e aumentare specificamente il colesterolo. Tutti questi aumenti che menziono sono valori statisticamente significativiCommenti di Christina Ivaldi, epidemiologa dell’Agenzia regionale per la protezione ambientale (ARPA).

READ  Gli ingredienti di base necessari alla vita erano presenti sulla superficie di Marte

Questo studio non ha ancora stabilito una relazione causale tra le sostanze chimiche Solvay e la malattia. Per costituire un’associazione, sarà necessario testare la popolazione con campioni di sangue. Tuttavia, l’epidemiologo dell’ARPA ha lasciato cadere la parola: Il famoso PFAS”sostanze chimiche eternePotrebbe avere un ruolo.

Fa parte del processo di produzione di polimeri specializzati di Solvay. È l’oca che depone le uova d’oro del gruppo belga. Rappresentano la quota maggiore delle sue vendite (2,173 miliardi di euro nel 2021). Grazie alle proprietà quasi indistruttibili dei PFAS, Solvay sta sviluppando speciali polimeri in grado, ad esempio, di rendere più leggeri aeroplani o automobili.

Nonostante le nostre molteplici richieste per diversi mesi, non avremo mai l’opportunità di visitare questa fabbrica e nemmeno di incontrare direttamente un manager. Solvay ci contatterà solo per iscritto.

Il 17 maggio l’ufficio comunicazione ci ha voluto dire che il PFAS viene utilizzato in maniera molto rigorosa: “[…] In Spinetta applichiamo la tecnologia più recente che ci consente di eliminare quasi il 100% delle emissioni di tensioattivi fluorurati. Utilizziamo tensioattivi fluorurati nella produzione di polimeri specifici che richiedono proprietà molto specifiche in termini di resistenza. Sono prodotti a ciclo chiuso e rigorosamente controllati per evitare emissioni in acqua e aria. Il messaggio che Solvay vuole trasmettere è chiaro: la multinazionale investe costantemente nella chiusura delle proprie strutture.

Alla Spinetta, Solvay ha utilizzato il PFOA fino al 2013. Il PFOA è uno dei tipi più tossici di PFAS. La dott.ssa Corinne Charlier, responsabile della tossicologia clinica presso l’ospedale universitario di Liegi, conosce molto bene il suo impatto sulla salute: “in Siamo sicuri dei suoi effetti, sappiamo che c’è un effetto sulla funzione tiroidea. Sappiamo che c’è un aumento del colesterolo. C’è una diminuzione del corretto funzionamento del fegato. Abbiamo visto cancro ai reni e cancro ai testicoli. E durante la gravidanza, è chiaramente sempre il momento più complesso per l’esposizione fetale. Per un bambino, ci sono problemi di sviluppo. Abbiamo un bambino che nasce con un peso alla nascita inferiore quando la madre vi è esposta. Abbiamo anche una scarsa risposta alla vaccinazione.

READ  Prenditi una pausa dai social media per migliorare la salute mentale