Febbraio 3, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sistema sanitario: Christian Dube deve essere ritenuto responsabile, secondo PQ

Da tre anni ormai il sistema sanitario si incrina da tutte le parti e subisce crisi successive. Dopo, dopo Molte promesse, slogan e altri palloncini sperimentaliIl ministro ora rifiuta di rispondere e dice di non voler spegnere gli incendi. Quindi chi è responsabile? Abbiamo un governo che si rifiuta di affrontare i problemi strutturali della rete, come la centralizzazione e le pessime condizioni di lavoro. Il leader del PQ Paul St. Pierre Plamondon ha commentato: “Spetta a lui essere responsabile e rendere conto al popolo del Quebec”.

Leggi anche:

PQ si rammarica che in tre anni il governo della Coalition avenir Québec (CAQ) non abbia fatto abbastanza per risolvere la crisi che colpisce il sistema sanitario in Quebec. “Tutte le luci della rete sanitaria sono rosse”, afferma, rilevando in particolare tempi di attesa per l’emergenza, carenza di personale, chiusure e altro.

“Offrire controlli al personale sanitario come ha fatto il CAQ durante la ‘mini-rivoluzione’ nel settembre 2021 invece di condizioni di lavoro umane non è né fattibile né regolamentato. […]. L’esodo verso il settore privato non è stato frenato e c’è ancora una carenza di 5.000 infermieri nella rete. TSO è ancora utilizzato come modalità di gestione. Proprio ieri, le infermiere dell’Hôpital Maisonneuve-Rosemont hanno minacciato di dimettersi in massa. […] Di fallimento in fallimento, purtroppo, la situazione non ha cessato di deteriorarsi. Dove sono le implicazioni strutturali e i risultati dopo moltoAnnunci? Ha aggiunto il deputato dell’Île de la Madeleine e portavoce del Partito Québécois per quanto riguarda la salute, Joel Arsenault.

vediamo | Le soluzioni di Christian Dubi “Ci sono molti fallimenti”, dice un esperto

READ  La regione dell'Occitania assumerà professionisti della salute

Prima di Natale, con grande clamore e pressione pubblica di fronte alla crisi del pronto soccorso, lo era CAQ ha istituito una cellula di crisi che si è concentrato principalmente su questioni nell’area di Montreal. Tuttavia, dopo questo annuncio, le soluzioni menzionate non sembrano essere state implementate. L’attuale punto di accesso funziona in modo molto minimale e non comporta alcuna cura del paziente.

Secondo il presidente del Consiglio, tutte le misure e le strategie applicate dal ministro Dube non hanno dato risultati per tre anni.

Il signor Arsenault ha concluso: “È tempo di proporre soluzioni reali e lasciare andare la preoccupazione per le comunicazioni e l’immagine che ha caratterizzato questo governo fin dall’inizio”.

vediamo | ‘Morti che potrebbero ancora essere evitate’: scarsa copertura delle ambulanze a Granby, con rammarico del sindacato