Febbraio 26, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Simone Inzaghi è il miglior tattico italiano (lo ha dimostrato) – C1 – Finale – Manchester City-Inter (1-0)

Simone Inzaghi è il miglior tattico italiano (lo ha dimostrato) – C1 – Finale – Manchester City-Inter (1-0)

« Il calcio è maledetto, ma io ne sono molto orgoglioso Simone Inzaghi ha risposto al nostro messaggio il giorno dopo la finale con queste poche brevi parole che riassumono quasi tutto in 54 lettere. 48 ore dopo la finale, questa è la sensazione dell’animazione. Fan Inter. Inevitabili l’orgoglio di giocare alla pari con la migliore squadra del mondo e la delusione per essersi avvicinati così tanto al record. In breve: il Interst Come il Real Madrid in semifinale, ci sarebbero stati meno sconvolgimenti se fosse migliorato e avesse perso 4-0. Ma un uomo ha deciso diversamente: Simone Inzaghi. Se i giocatori dell’Inter, con poche eccezioni (Romelu Lukaku per non parlare di lui), hanno giocato al 120% delle loro potenzialità, questa prestazione eccezionale nel finale è stata opera del tecnico. Un uomo considerato il re delle finali in Italia (finora ne aveva vinte sette su otto) e soprattutto sa dimostrare di essere il miglior tattico italiano di oggi.

Re di coppe, re di trucchi

Poche squadre in questa stagione sono riuscite a finire una partita con più occasioni e più tiri del Manchester City. L’ultimo è il Brighton di Roberto de Jerpi, da anni additato come il nuovo principe della tattica. Ora, se De Serpi è il principe, Inzaghi è decisamente il re. La sua finale contro il Manchester City, se vinta, sarebbe stata un capolavoro, almeno un modello di scienza tattica, oppure” Come manipolare un avversario in modi minimi Individualmente, è ovvio che quasi tutti i giocatori dell’Inter siedono al di sotto dei loro coetanei. Cittadini. Ma con le idee e la giusta esecuzione del suo piano, Simone Inzaghi ha fatto scomparire questa disparità. Ed è lì che eccelle.

READ  Le Vatican lancia una crociata contre a lozi italian on l homophobie

Prima di arrivare all’Inter nell’estate 2021, Inzaghi era già riuscito a tirare fuori il meglio dalla Lazio in quattro stagioni, seppur limitate. Ha portato il club due volte Blu e bianco Finale di Coppa Italia (2017, 2019) e due volte finale di Supercoppa Italiana. In queste quattro finali ha affrontato tre volte la Juventus e poi è volato nei dibattiti in Italia, riuscendo a vincerne due su tre. Bianconeri. Nella stagione 2019-2020, la sua Lazio ha monopolizzato il primo posto in Serie A a inizio marzo, poco prima che il campionato venisse interrotto a causa della pandemia, che è tuttora il suo più grande rammarico: “ Non lo sapremo mai, ma sono sicuro che avremmo vinto lo scudetto se il campionato non fosse stato interrotto. ».

L’Olanda è in inferiorità numerica

Dal suo arrivo sulla panchina dell’Inter, Inzaghi ha faticato a convincerlo a tratti Fan In campionato ha continuato a imporre il suo stile tattico. Il 3-5-2, il suo modulo di riferimento da quando è diventato allenatore, gli permette di giocare le qualità dei giocatori veloci sulle fasce e sulle punte d’attacco. Le sue squadre, che siano Lazio o Inter, hanno sempre primeggiato nelle fasi di transizione e di costruzione offensiva. E hanno sempre segnato tanti gol: una media di 73,4 gol a stagione dall’esordio nel 2016. Nello stesso periodo nessun allenatore in Italia ha fatto meglio, nemmeno Casperini e la sua Atalanta, segnando un buon secondo di media con 73,1 gol. In casa Inter, DiMarco a sinistra e Dumfries a destra permettono di allargare il muro, mentre Dzeko (o Lukaku) e Lautaro continuano a creare spazio, permettendo ai centrocampisti di inserirsi e penetrare nel muro avversario. Lo scambio di quasi tutti i giocatori è alla base della costruzione del suo gioco.

READ  Albi: Il Cinema Italiano terrà il suo festival dal 6 all'8 ottobre al CGR Lapérouse

Ma Inzaghi è davvero migliorato da quando è arrivato all’Inter, e la partita contro il City ne è stata una perfetta conferma. Alcuni giornalisti transsalpini hanno criticato l’Inter come insufficiente attaccato » I giocatori del City prima dell’apertura di Rodri, e hanno cercato di migliorare la sua prestazione solo quando sono rimasti in svantaggio. Il City ovviamente non sa nulla di questo livello di competizione e della capacità di De Guardiola di mordere un avversario che prova a trovarsi un po’ troppo. Prima di aprire le marcature, l’Inter era invece quasi perfetta, eccellendo nei periodi di non possesso. Il blocco della squadra non è mai stato così limitato, impedendo loro di trovarsi in una situazione prioritaria di “prendere il pastello” intorno all’area. Nerazzurri. Bastoni, Acerbi e Damian sono sempre molto vicini tra loro, permettendo loro di ritrovarsi sempre di più contro l’Olanda. I centrocampisti, in questo caso Parella, Brozovic e Calhanoglu, intanto hanno rotto tutte le linee di passaggio, brontolando soprattutto De Bruyne (prima della sua partenza) e Gundogan. Questa voglia di lasciare la palla all’avversario senza creare troppi problemi non gli ha impedito di creare la più grande occasione del match davanti all’apertura, ovvero Ederson e Lautaro. Faccia a faccia tra Martinez.

Se fai un piccolo errore contro un tattico come Inzaghi, il tattico non ti perdonerà

Arico Sacchi

Vittoria di Guardiola, impresa di Inzaghi

Per Simone Inzaghi questa prima finale di Champions League dovrebbe essere un punto di partenza. Mentre il fratello Pippo fatica sulle panchine della Serie B, bacheca ancora vuota, lui, a 47 anni, può vantare di aver già vinto sette trofei importanti in altrettante stagioni in panchina. E il nativo di Plaisance è già stato convocato dai migliori tattici del Boot… Dopo aver criticato alcune delle sue scelte in questa stagione, il due volte vincitore della Champions League Arico Sacchi lo ha finalmente elogiato a margine della finale di sabato. “ Dobbiamo fare i complimenti a Simone Inzaghi, un grande allenatore, una persona colta. Ha portato la sua squadra al vertice nel momento cruciale. Guardiola sa che non può sbagliare, perché anche se fai un piccolo errore contro un tattico come Inzaghi, il tattico non ti perdona. ».

READ  واكنا الوطنية للإعلام - Fayyad continua i suoi incontri a Sharm el-Sheikh e accoglie con favore il sostegno italiano nei settori dell'energia e dell'acqua

Alla fine la vittoria è andata a Guardiola, ma un’impresa con la E maiuscola, compiuta da Inzaghi, è stata capace di portare l’Inter in finale, quando il 99% dei bookmaker ha visto un’uscita al primo turno. Inzaghi ha saputo contenere e ingabbiare i migliori giocatori del mondo nei 90 minuti della finale di Istanbul, fino al gol di Rodri, con un solo errore della sua retroguardia. L’urgenza di ristabilire l’equilibrio lo ha poi costretto ad adattarsi e cambiare strategia, cosa che ha fatto ancora una volta brillantemente, e poi la sua squadra ha prodotto quello che serviva per tornare a referto. invano Anche senza il trofeo alla fine, Inzaki ha dimostrato di potersi sedere al tavolo dei più grandi. Dategli i mezzi (e la squadra) per farlo, e il Re delle Coppe aggiungerà presto qualcuno con le orecchie grandi al suo roster.

Silvio Berlusconi: Il cavaliere appare nella notte