Settembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

sei felice ? La risposta esauriente nasce da un punto di vista scientifico.

Dalla nascita alla vecchiaia, una persona attraversa diversi periodi durante i quali attraversa anche fasi diverse. Alcuni sono tristi e altri sono più felici. La domanda esistenziale è: qual è il periodo più felice della vita? Molti ricercatori hanno studiato questo argomento e hanno cercato di trovare risposte pertinenti. Valutiamo questo.

Felici anni di esistenza.

È stato condotto uno studio su diverse persone provenienti da 13 diversi paesi, tutti di età pari o superiore a 50 anni. Gli scienziati che hanno condotto il sondaggio hanno posto loro la stessa domanda: in quale periodo della loro vita si sono sentiti più felici? Le risposte sono state analizzate e valutate. Tutti gli intervistati affermano di essere stati più felici durante l’infanzia, ma anche e soprattutto durante i primi quattro anni dei trent’anni.

Anche coloro che sono più grandi testimoniano di essersi ripresi felicità Dopo aver compiuto settant’anni. È chiaro che la sensazione di pienezza può persistere per molti anni. Dipende da diversi criteri. Inoltre, ogni persona ha anche le proprie esperienze di vita e, di conseguenza, questi momenti di felicità.

Gli scienziati non erano soddisfatti di questi risultati e hanno continuato i loro studi. Hanno finito per concludere che la fine dell’adolescenza è anche un periodo durante il quale molte persone si sentono contente e raggiungono un livello di benessere più elevato.

Perché questi periodi sono più felici di altri?

Se la maggior parte delle volte le persone sono più felici durante l’infanzia rispetto all’altra è perché stanno attraversando un momento di totale abbandono. Non hanno problemi ad affrontarlo e hanno solo momenti felici da condividere con i loro cari. Sono anche coccolati e spesso costituiscono piccoli centri del mondo in famiglia.

READ  Gli indicatori della corona stanno diminuendo in Belgio, ma è questo il caso vicino a te? Questa è la situazione epidemiologica nel tuo comune!

Poi, alla fine dell’adolescenza, i giovani compiono un periodo difficile durante il quale si intrecciano vari cambiamenti. Quindi sembrano felici di essere finalmente entrati in un periodo più tranquillo in cui possono iniziare una nuova era di scoperta della vita. Entrano nel mondo professionale e iniziano a guadagnarsi da vivere. Questo porta uno stato di immensa felicità. Ma quando inizi la routine, anche il livello di felicità inizia a diminuire a poco a poco.

Quando raggiungono i trent’anni, i giovani adulti stanno diventando di nuovo più sazi. Il motivo è semplice, in questa fascia di età riacquistano la loro stabilità. Potrebbero aver già costruito cose che sono essenziali per la loro felicità. Ad esempio, potrebbero aver trovato l’amore e finire per costruire una casa. Con l’arrivo dei bambini, la felicità ha raggiunto il suo apice. Possono sentirsi come se avessero portato a termine grandi compiti e trovato ragioni per vivere. Ma quando i bambini crescono, iniziano le paure. Secondo gli scienziati, in particolare gli specialisti in psicologiaCiò causerebbe instabilità e quindi una significativa diminuzione del livello di felicità.

Finalmente, raggiunta l’età dei nostri nonni, e quindi passati i settant’anni, questo è il ritorno del periodo di felicità. Gli anni Settanta e gli anziani sono i più felici perché hanno la saggezza dell’esperienza. Sanno cosa è importante nella vita e cosa non vale la pena sottolineare. Hanno anche avuto il tempo di fare ciò che potevano. Che si tratti di un progetto, reddito fisso, immobiliare, ecc. Infine, di solito sono in pensione e quindi non devono più preoccuparsi del lavoro. Tutti questi fattori si combinano per creare il senso di appagamento e appagamento che deriva dall’età.

READ  COVID-19 : la santé publique du Canada consiglio de ne pas baisser la garde | Coronavirus

Come si calcola il grado di felicità?

Si dice spesso che la felicità è soggettiva e difficile da misurare, ma in realtà ci sono diversi modi per calcolare quanto è felice una persona. Innanzitutto, considera il numero di emozioni positive rispetto a quelle negative che provi quotidianamente. Quindi, considera di ripetere i sentimenti positivi rispetto a quelli negativi. Infine, considera l’intensità dei due tipi di sentimenti. Questi tre fattori possono darti un’idea approssimativa della felicità generale di una persona. Naturalmente, è importante tenere a mente che la felicità è complessa e può variare notevolmente di giorno in giorno. Tuttavia, questo semplice calcolo può darti una buona idea della felicità generale di una persona.

* Presse Santé si impegna a trasmettere la conoscenza della salute in una lingua accessibile a tutti. In ogni caso, le informazioni fornite non possono sostituire il consiglio di un operatore sanitario.

Ti piacciono i nostri contenuti?

Ricevi le nostre ultime versioni gratuitamente e direttamente nella tua casella di posta ogni giorno