Maggio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Spero in un nuovo marcatore per facilitare la diagnosi

Spero in un nuovo marcatore per facilitare la diagnosi

La sclerosi multipla è una malattia neurologica in cui il sistema immunitario attacca il sistema nervoso centrale, una malattia che colpisce più di 120.000 persone in Francia. Recentemente è stato pubblicato uno studio su un nuovo marcatore per la diagnosi e la prevenzione della disabilità.

pubblicato


Tempo di lettura: 238 minuti

La sclerosi multipla è una malattia autoimmune che colpisce il sistema nervoso centrale.  In Francia ne sono colpite più di 120.000 persone.  (Illustrazione) (Tony Barber/Open Moment/Getty Images)

Martin Ducret, medico e giornalista Diario del medico. Oggi ci parla di una malattia neurologica che colpisce più di 120.000 persone in Francia, la sclerosi multipla, e di un nuovo marcatore biologico del sangue che può aiutare a diagnosticare questa malattia…

franceinfo: Ma prima di parlarci di questo segno, cos’è la sclerosi multipla?

Martin Ducret: È una condizione neurologica autoimmune, il che significa che il sistema immunitario attacca il proprio sistema nervoso centrale, come il cervello e il midollo spinale, che si trova nella colonna vertebrale. Questa malattia si manifesta con disturbi delle capacità motorie, ad esempio debolezza muscolare, con disturbi sensoriali come intorpidimento, dolore o formicolio, ma anche con disturbi dell’equilibrio o addirittura disturbi della vista.

Sclerosi multipla Può essere fonte di disabilità a medio o lungo termine. La malattia si sviluppa spesso in periodi di riacutizzazione, in cui i sintomi compaiono e poi scompaiono completamente o parzialmente. In rari casi, si sviluppa continuamente e peggiora gradualmente.

Il problema con questa malattia è che finora non esiste alcun segno specifico per diagnosticarla. Lo specialista neurologo lo fa, sulla base di una serie di argomentazioni, di fronte a sintomi neurologici suggestivi, con l’aiuto di immagini dell’encefalo e del midollo spinale, riprese con la risonanza magnetica, o anche con la puntura lombare, esame che consente di raccogliere liquido cerebrospinale inserendo un ago sottile tra le vertebre Cotton.

READ  Stanchezza cognitiva, un segnale che avverte il tuo cervello del pericolo di surriscaldamento

Ma un nuovo biomarcatore nel sangue potrebbe aiutare a diagnosticare questa malattia?

Sì, questa è la speranza suscitata dai risultati di uno studio pubblicato sulla rivista Medicina naturale, dove i ricercatori hanno identificato un marcatore immunitario che sembra specifico per la sclerosi multipla, presente nel sangue in circa il 10% dei 250 pazienti valutati. Inoltre, questo segno è presente diversi anni prima che compaiano i primi sintomi.

Per la dottoressa Clarice Carra, neurologa del Multiple Sclerosis Resource and Skills Center (CRC) dell’Ospedale universitario di Montpellier, Questo risultato è promettente anche se ulteriori studi dovrebbero confermare l’interesse di questo marcatore sierico. Permetterebbe la diagnosi precoce in alcuni pazienti e potrebbe persino sostituire la necessità di una puntura lombare.

Quanto prima viene fatta la diagnosi, tanto prima può iniziare il trattamento, riducendo l’incidenza delle convulsioni e prevenendo la disabilità.

ospitare, Secondo il dottor Kara“Un simile biomarcatore potrebbe anche fornire informazioni sulla prognosi della malattia, consentendo di scegliere il trattamento più appropriato per il profilo del paziente”.