Maggio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Secondo la Corte dei Conti Ue l’Europa rischia di perdere la scommessa sulla “piena elettrificazione”.

Le auto termiche emettono la stessa quantità di anidride carbonica di 12 anni fa

Sono stati scelti diversi assi per raggiungere questo obiettivo a zero emissioni di carbonio: ridurre le emissioni delle auto con motori a combustione, studiare le possibilità offerte dai carburanti alternativi e raggiungere un’adozione diffusa di auto elettriche alimentate a batteria da parte del grande pubblico. “Il primo asse al momento si è concluso con un fallimento”.insiste sulla relazione. “La maggior parte delle attuali auto termiche emettono ancora la stessa quantità di anidride carbonica di 12 anni fa”.“, nota Nikolaos Milionis, membro della corte.

Le auto elettriche saranno finalmente interessanti per i privati?

Se l’efficienza dei motori avanza, a ciò si contrappone un aumento del peso medio dei veicoli (quasi +10%) e della potenza media dei motori (+25%) necessaria per spostare tale massa. Inoltre, i revisori hanno riscontrato che i veicoli ibridi plug-in sono ancora classificati come “Basse emissioni. Si tratta di un’anomalia, secondo il documento, che afferma: “La differenza media tra le emissioni misurate in laboratorio su questi veicoli e quelle monitorate su strada è di circa il 250%..

Usare biocarburante? “Insostenibile su larga scala”

Il secondo asse, ovvero l’utilizzo dei biocarburanti, non compare”.Non praticabile su larga scala. Innanzitutto, l’Europa non produce abbastanza biomassa per soddisfare questa domanda potenziale e dovrà importarla su larga scala. Inoltre, i revisori rilevano che i benefici ambientali dei biocarburanti ““Era esagerato.”. “Le materie prime utilizzate nella loro produzione possono contribuire alla distruzione degli ecosistemi e danneggiare la biodiversità e la qualità del suolo e dell’acqua, il che solleva inevitabilmente questioni etiche sulle priorità relative date al cibo e ai combustibili.

READ  Le tensioni sociali di Ryanair: l'equipaggio di cabina sciopera il 24, 25 e 26 giugno

Buone intenzioni, ma…

Sembra quindi che ci sia ancora un massiccio passaggio alle auto elettriche “L’unica soluzione praticabile“Ma questa trasformazione.”“Sarà costoso sia per l'industria che per i consumatori europei.” “Avvertire gli ascoltatori che identificano i problemi”Sia dal lato dell’offerta che da quello della domanda”.. “Ciò potrebbe mettere l’UE di fronte a un dilemma, divisa tra la strategia del Green Deal europeo e la sua sovranità industriale. La sfida diventa più grande perché l’agenda è molto ristretta: l’Europa vuole vietare la vendita di nuovi veicoli con motore termico dal 2035 sul suo territorio. “L’intento è lodevole, ma l’UE deve garantire che la sua sovranità industriale e i suoi cittadini non paghino un prezzo elevato per le sue ambizioni. Insiste sul rapporto.

Nawras

Le auto elettriche potrebbero rappresentare un doppio dilemma per l’Unione Europea

Prima osservazione: l’industria europea delle batterie “è in ritardo” Rispetto ai suoi concorrenti. Meno del 10% della capacità produttiva globale di batterie si trova in Europa, la stragrande maggioranza delle quali è prodotta da aziende extraeuropee. La sola Cina possiede il 76% della capacità globale. “Le auto elettriche potrebbero rappresentare un doppio dilemma per l’Unione Europea, poiché è probabile che sia divisa tra le sue priorità ambientali e la politica industriale da un lato, e le sue ambizioni ambientali e i portafogli dei consumatori dall’altro”.L'ex ministro belga Annemie Turtelbaum, ora membro della Corte, analizza:L’Europa potrebbe perdere la scommessa.

Materie prime di difficile accesso

Un’altra lacuna nella prospettiva dell’industria europea delle batterie: la sua forte dipendenza dalle importazioni di risorse da paesi terzi con cui non collabora “Non esistono accordi commerciali soddisfacenti”.. Importa l'87% di litio grezzo dall'Australia, l'80% di manganese dal Sud Africa e dal Gabon, il 68% di cobalto dalla Repubblica Democratica del Congo e il 40% di grafite dalla Cina. Molti di questi paesi vengono giudicati “Politicamente instabile” O “Gli attuali rischi geopolitici minacciano l’indipendenza strategica dell’Europa”.

READ  Isolamento si ma a quale costo nel nostro Paese? Tra soggetti da esordiente ed enigmi distinti, la difficile situazione del Vallone

15.000 euro per la batteria

Per non parlare delle condizioni sociali e ambientali in cui queste materie prime vengono estratte. Nonostante i significativi aiuti pubblici, resta invariato anche il costo delle batterie prodotte nell’UE.Molto più alto del previsto.” Ciò potrebbe comportare che le auto elettriche europee vengano immesse sul mercato a prezzi che gran parte della popolazione non può permettersi.

La verità è questa: la maggior parte delle vendite attuali di auto elettriche sono sovvenzionate dalle autorità pubbliche e riguardano soprattutto veicoli che costano più di 30mila euro. “Gran parte di questo costo è legato alle batterie, il cui prezzo può raggiungere la cifra astronomica di 15mila euro in media nel Vecchio Continente.

Stazioni di ricarica: focus solo su tre paesi

È chiaro che se la capacità e la competitività dell’UE non aumenteranno in modo significativo, ““rivoluzione elettrica” C’è pericolo in Europa”.Dipendenza dalle importazioni E in base a “Il che alla fine danneggerà l’industria automobilistica europea e oltre tre milioni di posti di lavoro nel settore manifatturiero.

Un'auto elettrica, un'auto a benzina, con un costo totale simile?

Infine, l’infrastruttura di ricarica è insufficiente, il che rappresenta ““Nessun ostacolo” Passare all’elettricità per molti europei. “Nonostante i numerosi successi, come l’avvento di una presa standard europea comune, viaggiare sulle 27 strade al volante di un’auto elettrica è ancora complicato.. Le differenze tra i paesi sono grandi. “Questa tipologia di stazioni è particolarmente rara in Oriente, dove il 70% dei punti di ricarica si trova in Francia, Germania e Paesi Bassi. .

In breve, secondo la Corte dei conti europea, è urgente agire se si vuole che l’Europa raggiunga i suoi obiettivi climatici, limitando al tempo stesso i danni all’industria e ai portafogli dei consumatori.

READ  Rappel de produit: de l'ecstasy dans des bouteilles de champagne Moët & Chandon