Dicembre 8, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Se hai un vecchio smartphone, probabilmente non sarai più in grado di utilizzare Android Auto.

AndroideNegli ultimi mesi, ci sono stati segnali che lo sviluppo di Android Auto sta ricevendo un improvviso impulso. L’addio alla versione per smartphone sembra aver dato nuovo slancio all’interfaccia dedicata ai sistemi di infotainment, che ha visto finalmente arrivare presto l’aggiornamento alla versione 8.0 e il nuovo design nome in codice “coolwalk”. Ma nel frattempo è successo qualcosa di abbastanza espressivo. Ad agosto, infatti, Google ha rimosso il supporto ad Android Auto per tutti i telefoni che non avevano almeno Android 8.0 (Oreo), un enorme passo avanti rispetto al precedente requisito che richiedeva almeno Android 6.0. Di per sé non sarebbe una notizia particolarmente negativa, in quanto l’utente potrebbe evitare di aggiornare Android Auto e mantenere la funzionalità. Il problema è che alcuni giorni fa molte persone hanno iniziato a ricevere il messaggio di avviso di arresto anomalo dell’interfaccia a meno che non si aggiorni l’app all’ultima versione. Il messaggio di base è che Android Auto è aggiornato o non puoi usarlo. E se hai uno smartphone con una versione precedente di Android 8.0, non puoi aggiornare l’app. Il messaggio sembra essere apparso nelle versioni di Android Auto dalla 7.0 alla 7.7 e non c’è modo di rimuoverlo (a meno che non si seguano le istruzioni). L’imposizione di Google potrebbe risiedere nell’imminente arrivo della tanto attesa interfaccia Coolwalk, che dovrebbe rappresentare un’importante revisione dell’interfaccia prevista con il rilascio di Android Auto 8.0.

Ovviamente, un effetto collaterale di queste nuove regole è per gli utenti Waze. Da tempo, infatti, il popolare browser mostrava una schermata vuota su Android Auto, un problema che interessa le versioni dell’interfaccia fino alla 7.7. L’unica soluzione è aggiornare Android Auto, ma chi non può farlo ovviamente non può usare Waze (e ovviamente Android Auto non potrà usarlo a breve). In linea di principio, queste pratiche non sono del tutto illogiche, e sviluppatori di app come Waze (ma anche Google Maps stesso) di certo non possono e non vogliono nemmeno garantire la retrocompatibilità in caso di un cambiamento profondo come Coolwalk. Il modo più semplice è tagliare il supporto e costringere gli utenti a cambiare telefono. Ma è anche vero che la frammentazione di Android colpisce milioni di persone, e sebbene la maggior parte degli smartphone in circolazione non ne sia stata colpita, Android 7.0 e precedenti rappresentavano ancora quasi il 15% della distribuzione totale di Android. Android (a maggio 2022) Parliamo di 420 milioni di utenti.

READ  Une faille 'zeroday' rend Windows vulnerable depuis des mois déjà - ICT actualité