Cava de' Tirreni EVIDENZA Salerno

Scuola S. Lucia: la Soprintendenza chiede integrazione, ritardi e polemiche

manutenzione

A un anno dalla chiusura tardano a prendere il via i lavori di manutenzione urgente al plesso scolastico di piazza Baldi, nella frazione di Santa Lucia.

Cava de’ Tirreni. Ritardi – dovuti per lo più alle richieste fatte dalla Soprintendenza nei confronti di un edificio storico – che in queste ore hanno determinato una nuova reazione da parte del comitato genitori. Le famiglie degli alunni che dovrebbero frequentare il plesso, che nel frattempo sono stati dirottati in altri istituti vicini, lamentano lo scarso dialogo da parte dell’amministrazione e hanno chiesto un incontro urgente con l’assessore alla manutenzione, Nunzio Senatore, e con il consigliere comunale di riferimento della frazione, Franco Manzo.

«Siamo, con nostro immenso rammarico, a dover constatare dopo un anno esatto dalla chiusura della scuola elementare di S. Lucia che annaspiamo nel più completo vuoto e mancanza di informazioni veritiere circa la riapertura della scuola, polo didattico per quasi 300 bambini della frazione»

E’ questo quanto tuonano i genitori del Comitato che, in un lungo post su Facebook, hanno chiesto l’attenzione dell’amministrazione. «Capiamo perfettamente le procedure e i problemi che possono sorgere per un intervento del genere ma si potevano evitare costruendo una scuola ex novo con tutti i crismi e in una zona adatta della frazione per dare ai bambini una struttura degna di questo nome e non un immobile ormai inservibile e da riprendere dalle basi. Ma visto che ciò resta un nostro pensiero inascoltato almeno chiediamo la decenza di avere un faccia a faccia immediato entro settimana prossima».

A preoccupare, stavolta, è l’integrazione chiesta dall’ente provinciale per la salvaguardia dei beni architettonici che, oltre a causare ulteriori rinvii, ha determinato un incremento dei fondi necessari (già stanziati) per la ristrutturazione della scuola per un ammontare totale di 1 milione e 200 mila euro.

A chiarire la situazione e rassicurare i genitori è stato proprio il vicesindaco e assessore con delega alla manutenzione Nunzio Senatore. «Nelle prossime settimane, a partire dal 6-7 marzo – fa sapere Senatore – ci saranno progressivamente delle scadenze di alcune pratiche della ex legge 219 che ci consentiranno di rendere disponibile la somma necessaria alla integrazione di intervento richiestaci dalla Sovrintendenza di Salerno ed al conseguente aumento dell’importo originariamente preventivato. Non appena avremo questa disponibilità, convocheremo i rappresentanti per esporre il cronoprogramma definitivo dei lavori».

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi