Giugno 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Scopri uno strano edificio con ripide scogliere sul fondo dell’oceano

Scopri uno strano edificio con ripide scogliere sul fondo dell’oceano

Il fondale oceanico riserva ancora molte sorprese! Una tale montagna sottomarina a forma di un gigantesco canale è stata osservata al largo della costa della California da una nave cartografica indipendente.

Sarai anche interessato

[EN VIDÉO] Visualizza le profondità di laghi, mari e oceani in 3D Animazione 3D che consente di confrontare le profondità di diversi corpi idrici sulla Terra. ©…

Analizzando i dati batimetrici della nave cartografica indipendente Saildrone Surveyor, gli scienziati hanno scoperto questa strana formazione sul fondo dell’Oceano Pacifico. A circa 322 chilometri dalla costa settentrionale della California, il monotono terreno sottomarino rivela improvvisamente una montagna dalla forma piuttosto insolita. Se gli scienziati americani affamati vedessero immediatamente A Ciambellone Gigante, per noi francesi, ricorda un po’ una bottiglia che giace sul fondo dell’oceano. L’altezza del canale è di 975 metri. In altre parole, dovrebbe esserci qualcosa per tutti!

Un antico vulcano nascosto sotto un mucchio di “cacca di pesce”?

Se questa scoperta ha fatto subito venire l’acquolina in bocca agli scienziati, è sicuramente perché non è la solita architettura di una montagna sottomarina. Ricorda, queste montagne che punteggiano il fondo dell’oceano sono spesso antichi vulcani. Il cratere ben visibile in cima a questa strana montagna indica già un’origine vulcanica. Ma questa è l’unica somiglianza con il vulcano. In generale, i vulcani sottomarini hanno lati leggermente inclinati, mentre si innalzano quasi verticalmente. Pertanto, l’insolita morfologia solleva la questione della formazione di questo edificio.

Per gli scienziati, questa strana forma potrebbe essere causata da un’intensa e rapida attività vulcanica. Ma non sono sicuro che basti per spiegare questi aspetti ripidi. È possibile che questo aspetto sia legato anche alla lenta sedimentazione dei sedimenti marini: particelle fini ma soprattutto residui organici, in altre parole “cacca di pesce” come sottolinea un funzionario del NOAA. (Amministrazione nazionale oceanica e atmosferica). Questi detriti, rimasti aggrappati ai fianchi dell’antico vulcano per millenni, potrebbero aver accentuato le pendenze dell’edificio.

READ  I ricercatori identificano un "interruttore" che attiva la morte cellulare

Missione di esplorazione oceanica 2022-2023 con il Saildrone Surveyor. © Saildrone, YouTube

Nave cartografica indipendente

Con solo una piccola percentuale della superficie dell’oceano mappata finora, ci si può certamente aspettare altre “sorprese” di questo tipo nei prossimi anni. Perché l’International Seabed Project 2030 mira a mappare il 100% dei fondali oceanici, in particolare grazie al drone Saildrone Surveyor che naviga in completa autonomia, attraversando così senza sosta le acque del globo.