Febbraio 2, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Scoperta di un raro gruppo di galassie a spirale rossa nell’universo primordiale con il James Webb Space Telescope

Le galassie a spirale sono una delle caratteristiche più interessanti del nostro universo. Tra queste, le galassie a spirale del lontano universo contengono importanti informazioni sulla loro origine ed evoluzione. Tuttavia, abbiamo una conoscenza limitata di queste galassie perché sono troppo lontane per essere studiate in dettaglio. “Mentre queste galassie sono già state rilevate in precedenti osservazioni utilizzando il telescopio spaziale Hubble e il telescopio spaziale Spitzer della NASA, la risoluzione spaziale e/o la sensibilità limitate non ci hanno permesso di studiare le loro forme e proprietà dettagliate”, afferma il ricercatore junior Yoshinobu Fudamoto di Waseda. Università. In Giappone, che studia l’evoluzione delle galassie.

Ora, il James Webb Space Telescope (JWST) della NASA ha portato le cose al livello successivo. Nella sua prima immagine in assoluto di un ammasso di galassie, SMACS J0723.3-7327, JWST è stato in grado di catturare immagini a infrarossi di un gruppo di galassie a spirale rossa a una risoluzione senza precedenti, rivelando la loro morfologia in grande dettaglio!

In questo contesto, in un recente articolo in Lettere dall’Astrophysical Journal Il 21 ottobre 2022, un team di ricercatori tra cui il giovane ricercatore Yoshinobu Fudamoto, il professor Akio K.inoue e il dottor Yuma Sugahara della Waseda University, in Giappone, ha rivelato informazioni sorprendenti su queste galassie a spirale rossa. Tra le tante galassie a spirale rossa che sono state scoperte, i ricercatori si sono concentrati sulle due galassie più roventi, RS13 e RS14. Usando l’analisi della distribuzione spettrale dell’energia (SED), i ricercatori hanno misurato la distribuzione dell’energia su un’ampia gamma di lunghezze d’onda per queste galassie. L’analisi SED ha rivelato che queste galassie a spirale rossa appartengono all’universo primordiale di un periodo noto come “mezzogiorno cosmico” (8-10 miliardi di anni fa), che seguì il Big Bang e “l’alba cosmica”. Sorprendentemente, è tra le più distanti galassie a spirale conosciute fino ad oggi.

READ  Recensione Corsair Katar Elite Wireless: un mouse da gioco wireless leggero

Le rare galassie a spirale rossa costituiscono solo il 2% delle galassie nell’universo locale. Questo rilevamento di galassie a spirale rossa nell’universo primordiale, dalle osservazioni JWST che coprono una piccola frazione di spazio, indica che queste galassie a spirale erano presenti in gran numero nell’universo primordiale.

Les chercheurs ont en outre découvert que l’une des galaxies spirales rouges, RS14, est une galaxie spirale “passive” (ne formant pas d’étoiles), contrairement à l’attente intuitive selon laquelle les galaxies de l’univers primitif formeraient activement stelle. Questo rilevamento di una galassia a spirale negativa all’interno del campo visivo limitato di JWST è particolarmente sorprendente, in quanto indica che tali galassie a spirale negativa potrebbero esistere in gran numero anche nell’universo primordiale.

Nel complesso, i risultati di questo studio migliorano notevolmente la nostra conoscenza delle galassie a spirale rossa e dell’Universo nel suo insieme. Il nostro studio mostra per la prima volta che le galassie a spirale negative potrebbero essere abbondanti nell’Universo primordiale. Sebbene questo documento sia uno studio sperimentale delle galassie a spirale nell’universo primordiale, la conferma e l’espansione di questo studio influenzeranno notevolmente la nostra comprensione della formazione e dell’evoluzione della morfologia delle galassie”, conclude Fudamoto.

Fonte della storia:

Materiali offerto da Università di Waseda. Nota: il contenuto può essere modificato in base allo stile e alla lunghezza.