Maggio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Scooter a Bruxelles: la regione stringe le viti e limiterà il numero di macchine a 8.000 nel 2024, contro le oltre 20.000 attuali

Scooter a Bruxelles: la regione stringe le viti e limiterà il numero di macchine a 8.000 nel 2024, contro le oltre 20.000 attuali

Il mese scorso, Parigi ha annunciato in pompa magna che avrebbe posto fine al suo sistema di condivisione di scooter. Dopo la capitale francese, è la capitale belga a dare il tono all’inizio di maggio. Nessun divieto all’ordine del giorno, ma più severo in termini di numero di macchine che sporcano i marciapiedi nell’area cittadina.

Dal prossimo anno il numero di scooter sarà già limitato a 8.000, ci informa l’ufficio del ministro Elke Van den Brandt (Groen), confermando le informazioni del quotidiano L’Echo.

L’attuale edizione del bando 2024-2027 prevede di assegnare in franchising solo due operatori con 4.000 macchine ciascuno. Dei 21.000 scooter attualmente disponibili a Bruxelles.

Ai 4.000 scooter previsti si aggiungeranno un massimo di 7.500 scooter condivisi, 600 scooter e 300 cargo bike.

Altra novità: le zone di rilascio saranno generalizzate dal prossimo gennaio a tutto il territorio regionale, mentre la vecchia versione del testo non imponeva ovunque questo sistema. Infine, sono state maggiorate le multe per gli operatori per la scarsa sosta.

“Gli scooter elettrici condivisi sono recentemente apparsi per le strade e offrono un’ulteriore alternativa, ma attualmente stanno causando disagi ad altri. Se riusciamo a far sì che questo inconveniente scompaia, gli scooter condivisi potranno mantenere il loro posto all’interno della nostra regione”. Il ministro Van den Brandt ha commentato.

La richiesta di soccorso è stata ascoltata dai comuni

Lo scorso autunno si era detto che la prima versione del decreto, ancora in preparazione, prevede la limitazione del numero di monopattini per ogni operatore, ma non ci sono restrizioni sul numero di operatori.

Cosa ha fatto pendere la bilancia verso ulteriori restrizioni negli ultimi mesi? Secondo le nostre informazioni, la volontà dei comuni di Bruxelles di adottare misure più drastiche, l’allarmante esplosione di incidenti in moto e, in misura minore, il clima creato dal divieto parigino.

READ  Questi numeri sull’inflazione sfidano tutte le aspettative

Il decreto attualmente sul tavolo consentirà, in futuro, di ospitare un terzo lavoratore e di installare fino a 6.000 scooter per azienda.se necessario”…o passare a un divieto totale. “Se si scopre che le regole non vengono seguite o non si sono dimostrate sufficientemente efficaci, prenderemo in considerazione il passaggio a un divieto totale degli scooter elettrici condivisi “, Il ministro Groen è rassicurato.