Gennaio 18, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sciopero in ambito sanitario e sociale. Mancanza di risorse e stipendi immeritati, insieme alla prima linea!

Fonte immagine: Alain Jocard / AFP

Sono passati più di due anni dall’inizio della pandemia di Covid-19 e il 2022 è iniziato con numeri record di inquinamento e personale sanitario già oberato di lavoro, mentre il picco dell’onda Omicron è ancora in arrivo. Una situazione che può essere spiegata dalla strategia sanitaria del governo: lasciare che il virus si diffonda in abbondanza per mantenere l’attività economica a tutti i costi. Una scommessa sulla nostra vita che pesa molto sui lavoratori in prima linea come gli operatori sanitari, gli assistenti sociali e gli operatori sanitari sociali.

In quest ‘area, Organizzazioni sindacali (SUD Santé Sociale, CGT Santé Action Sociale, CFE CGC Santé Social) e gruppi professionali (Inter-Urgences, APH, AMUF, Inter-Blocs, Inter-Hôpitaux, Printemps de la Psychiatrie, Coordinamento nazionale per la difesa delle Ospedali e Maternità) Martedì per una giornata di sciopero nazionale nei settori della sanità e della medicina sociale. Tra le richieste emerse nel bando di mobilitazione: “aumentare il budget stanziato all’ospedale”, “porre fine alla chiusura di servizi e strutture e riaprire posti letto ed edifici ove necessario”, “stanziamento immediato” di 183 euro. [du Ségur de la santé] Per tutti i lavoratori dei settori medico, sociale e sociale”, ma anche “l’immediato impiego di centinaia di migliaia di ulteriori professionisti”. “

Raduno dopo la rabbia che si è manifestata, alla base, in questi settori nelle ultime settimane. Lo si è sentito soprattutto tra il personale infermieristico dei servizi di rianimazione di Marsiglia con uno sciopero contro il disprezzo del governo e il suo assurdo bonus di 100 euro. Allo stesso modo, il dipartimento di emergenza dell’ospedale universitario di Rouen è in sciopero dal 27 dicembre per protestare contro la mancanza di risorse e personale. Sul piano sociale, la mobilitazione nazionale di inizio dicembre è stata molto importante per quei “Segors dimenticati” ai quali il governo non ha dato le poche briciole date a una parte della professione medica.

READ  stati rossi. Il capo dei servizi sanitari chiude le porte dell'aeroporto di Tel Aviv. - Valle d'Israele

Se la mobilitazione deve assumere forme localmente distinte, allora questo martedì 11 gennaio sarà la prima occasione per unire rabbia e mobilitarsi contro la vergognosa politica sanitaria del governo e del Fondo per i servizi pubblici di base, a cominciare dall’ospedale e dal ospedale socialmente. . Anche l’occasione per evidenziare la prima riga, che condanna le misere condizioni di lavoro, il disprezzo per il governo, ma anche una situazione molto tesa in ospedale.

Ma per battere il governo, questa prima data nel 2022 dovrebbe sollevare la questione della costruzione di un piano di battaglia globale, mentre l’istruzione nazionale sarà mobilitata il 13 gennaio e dovrà affrontare problemi simili: mancanza di mezzi, protocolli assurdi, ecc. …di fronte alla convergenza delle situazioni, c’è bisogno di un programma congiunto, che richieda mezzi di emergenza per ridurre l’inquinamento e proteggere i lavoratori ma porti anche una strategia sanitaria alternativa alla strategia MEDEF e Macron, nelle mani di badanti e lavoratori di vari settori. .

Quindi, questo martedì, muoviamoci insieme ai nostri caregiver e assistenti sociali. A Parigi, una manifestazione partirà da Port Royal/Cochin alle 13:30 in direzione della metropolitana di Varenne, via Montparnasse e Necker.