Febbraio 3, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Sarà molto difficile cacciare le forze russe”: il capo di stato maggiore Usa teme che la guerra in Ucraina possa continuare

“Non significa che non accadrà. Ma sarà molto difficile”, ha aggiunto il generale Milley.

“È anche possibile” che gli ucraini lancino una grande offensiva (…) per liberare quanto più territorio possibile. Ma “dipenderà dalla consegna di attrezzature e addestramento”, ha continuato l’ufficiale di grado più alto dell’esercito americano.

Il segretario alla Difesa americano (Lloyd Austin) ha dichiarato alla stampa che gli Stati Uniti si aspettano un contrattacco da parte delle forze ucraine in primavera, sottolineando che la questione di aiutare Kiev a prepararsi a questo era sul tavolo degli alleati.

Per quanto riguarda le consegne di materiale, “abbiamo una finestra di opportunità da qui alla primavera… Una volta che iniziano le operazioni, il loro contrattacco”, ha detto. “Non è passato molto tempo e dobbiamo acquisire insieme le giuste competenze”, ha sottolineato.

Venerdì il presidente ucraino Volodymyr Zykinsky ha esortato gli occidentali ad accelerare le consegne di armi pesanti, compresi i carri armati.

Tuttavia, alla fine della riunione dei Rammstein non è stata presa alcuna decisione sulla prossima spedizione di carri armati Leopard 2 di fabbricazione tedesca, che l’Ucraina aveva richiesto con tanta insistenza.

Il nuovo ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius ha affermato che la questione è stata “discussa” ma “non è stata presa alcuna decisione”.

Da parte sua, il ministro della Difesa polacco si dichiarò “convinto” che gli alleati sarebbero riusciti a formare un’alleanza per consegnare i carri armati Leopard all’Ucraina.

“Sono convinto che la formazione di questa alleanza si concluderà con successo”, ha dichiarato Mariusz Plashczak dopo l’incontro dei sostenitori dell’Ucraina a Ramstein.

La Polonia si è detta pronta a inviare quattordici carri armati Leopard 2 in Ucraina come parte di una coalizione internazionale, con il via libera della Germania, la società che produce questi carri armati.

READ  Corona Virus: quanto tempo rimani contagioso dopo essere stato infettato?

“Questa speranza nasce dal fatto che i ministri della Difesa di 15 Paesi si sono incontrati a margine della conferenza di oggi e abbiamo discusso” di questo tema, ha detto il ministro.

Plashczak ha anche affermato che la Polonia, nell’ambito del nuovo pacchetto di aiuti all’Ucraina, “equipaggerà e addestrerà soldati ucraini a livello di brigata”. “Userà veicoli da combattimento di fanteria e carri armati T-72”, ha detto.

Nessuna decisione a Rammstein sulle consegne di carri armati ordinati dall’Ucraina: “Le posizioni non sono così omogenee come si potrebbe pensare”