Maggio 27, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Salute cardiovascolare: mantenerla significa anche proteggere il capitale cerebrale

Salute cardiovascolare: mantenerla significa anche proteggere il capitale cerebrale

L’autore principale, il dott. Xiaqing Jiang dell’Università della California, a San Francisco, osserva che un numero crescente di studi ha collegato condizioni cardiovascolari come malattie cardiache e ictus a un aumento del rischio di deterioramento cognitivo e demenza negli anziani, ma pochi studi hanno esaminato all’impatto di queste malattie In età adulta, prima dei 60 anni.

Eventi cardiovascolari precoci associati a deterioramento cognitivo

“Sembrano prevedere un declino cognitivo accelerato e una salute cerebrale peggiore nella mezza età”.

lo studio Questi sono stati condotti con 3146 partecipanti di età compresa tra 18 e 30 anni al momento dell’inclusione, seguiti da una media di 30 anni durante i quali sono stati sottoposti a 5 valutazioni cognitive. Alla fine dello studio, l’età media dei partecipanti era di 55 anni. Di tutti i partecipanti,

  • 5%, con diagnosi di malattia cardiovascolare precoce, prima dei 60 anni;
  • Tra questi partecipanti, l’età media del loro primo evento cardiovascolare era di 48 anni.
  • I partecipanti con malattia cardiovascolare precoce hanno ottenuto risultati peggiori in tutti e cinque i test cognitivi;
  • Ad esempio, in un test di richiamo di un elenco di parole dopo 10 minuti in cui i punteggi variavano da zero a 15, i partecipanti che hanno sviluppato CVD precoce avevano un punteggio medio di 6,4 contro 8,5 per gli altri partecipanti;
  • su un test per valutare la cognizione globale da zero a 30, con un punteggio medio di 21,4 contro 23,9;
  • Dopo l’aggiustamento per i fattori di rischio cardiovascolare come il diabete e l’ipertensione, la CVD precoce è associata a una maggiore iperdensità della sostanza bianca cerebrale e a una maggiore proliferazione media della sostanza bianca, ovvero a una ridotta integrazione del tessuto cerebrale;
  • Lo sviluppo precoce di malattie cardiovascolari è associato a un rischio 3 volte maggiore di declino cognitivo accelerato nell’arco di 5 anni,
  • Il 13% delle persone con malattia cardiovascolare precoce sperimenta un declino cognitivo accelerato.

Per la prima volta, uno studio ha rivelato che la giovinezza, ovvero gli anni ’20 e ’30, è una finestra cruciale per iniziare a preservare la salute cerebrale e cognitiva monitorando la salute cardiovascolare.

READ  Veglia ancora Arancio per forti piogge e temporali

“Prevenire le malattie cardiovascolari può ritardare l’inizio del declino cognitivo e promuovere la salute del cervello per tutta la vita”.