Marzo 4, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Rue Marie-Christine è diventata un disastro”: calo delle vendite a Laiken e i commercianti hanno nostalgia della “Bella Era” (foto)

“Rue Marie-Christine è diventata un disastro”: calo delle vendite a Laiken e i commercianti hanno nostalgia della “Bella Era” (foto)

Gli adesivi Rue Marie-Christine, 20%, 30% e 50% sono rari il giorno successivo all'inizio dei saldi. In questa strada, che costituisce il cuore economico di Laeken, le miniere sembrano piuttosto squallide.

Marie-Christine Street è diventata un disastro”.Ali Bonga, direttore di un negozio specializzato Jack & Jones e rappresentante di un commerciante, sospira. “Sono qui da 25 anni. Conoscevo i bei tempi per Marie Christine., Lui dice. “Prima di allora, le vendite erano una cosa qui. “La gente è venuta da Vilvoorde, da Vimel, da posti lontani… Dopo Corona, tutto è cambiato.”

Ali Bonga, commerciante dell'avenue Marie-Christine ©ennio cameriere

Nel negozio di abbigliamento usato Jipex sono stati affissi manifesti promozionali. La commessa Badia conosce il quartiere come le sue tasche e ricorda con nostalgia i vecchi tempi. “Funziona tutto bene, non abbiamo nulla di cui lamentarci, ma prima era qualcos'altro. C'era tanta gente.”Sono finiti i bei negozi e le boutique chic. “La strada è triste e diventa come Brabant Street.”sospira un cliente abituale.

Badia (a sinistra) e il rigattiere ©ennio cameriere

Viaggio amaro dei grandi marchi

Il motivo di questa mancanza di appeal secondo gli abitanti di Laeken che abbiamo incontrato è la fuga di marchi come Planet Parfum, Blockker e Brantano. “Tutto questo attirava gente che poi veniva in altri negozi a divertirsi.Badia ha spiegato. “Non è un negozio di frutta e verdura che attira gente, perché è ovunque”.Il commerciante denuncia. “Restano solo il cibo e i parrucchieri che aprono un negozio. Ci deve essere una regolamentazione.”

Mercoledì iniziano i saldi invernali: tutto quello che c'è da sapere su questo evento sempre meno redditizio

Nel suo negozio di scarpe e borse, Qader, dal canto suo, non vende. “Non ci sono abbastanza persone che arrivano. Dopo Corona, è diventato difficile”. Non lo nasconde:Penso di fermarmi.”

Kader non va ai saldi, e non nasconde l'idea di fermarsi. © Ennio Camerer

Anche alla Jack & Jones ci sono preoccupazioni. “Per vendere bisogna vendere bene. Ci sono ancora molti beni rimasti ed è inevitabile che subirai delle perdite“.

READ  Twitter réagit et Christophe Beaugrand monte au creneau

I saldi invernali iniziano in un clima difficile per i rivenditori: “I costi fissi e la concorrenza delle vendite online sono forti”

“Le persone non possono più andare nei negozi”

Ma c'è più ottimismo nel negozio di ottica, dove alle pareti ci sono sconti ovunque, che vanno dal -20 al -70%. “Funziona bene, è tutto in vendita. “La gente aspetta i saldi, fa parte della loro abitudine.”Al-Idrisi sorrise. “Ma non possiamo fare quello che vogliamo perché anche i produttori aumentano i prezzi.

In quest’ottica tutto è in vendita, perché i clienti “aspettano” questo momento. © Ennio Camerer

A un tiro di schioppo da lì, Lana vede le sue prime vendite. ““È stato aperto solo un mese fa.”Sorride il nuovo direttore di “Montres et vous”. “Abbiamo vendite e l'obiettivo è vendere il più possibile.

Lana ha aperto il suo negozio il mese scorso e ha effettuato i saldi per la prima volta. © Ennio Camerer

Tuttavia, c'è un'osservazione che ritorna come un ritornello tra i commercianti di Lakin: le persone sono sempre più preoccupate del proprio budget e le spese diventano sempre più esigue. In un negozio dell’usato, puoi sentire che: ““Le persone non possono più permettersi di andare nei negozi, vanno dove i prezzi sono più bassi”.

La cattiva notizia: non ci saranno vendite pazzesche!

Alla Macelleria Le Fermier, fondata dal 2002, noi “Tatto” Inoltre, non vi è assolutamente alcun effetto sulla dinamica delle arterie. “Molte persone preferiscono prendere la metropolitana e andare in centro andare in vendita”“, nota amaramente Habib. ““Qui la situazione sta diventando sempre più difficile, ma stiamo lottando”.

Il macellaio Habib “lotta” contro la “difficile” situazione economica di Marie-Christine Street. © Ennio Camerer