Maggio 27, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Rossi si è separato dalla figlia di 13 anni a causa di un disegno: la questione che suscita grande risentimento in Russia

Rossi si è separato dalla figlia di 13 anni a causa di un disegno: la questione che suscita grande risentimento in Russia

Un russo, che è stato separato dalla figlia di 13 anni, a cui è stata assegnata una retta scolastica per contrastare l’attacco in Ucraina, martedì è stato condannato a due anni di carcere, hanno detto le autorità, ed è fuggito.

Questo caso ha suscitato per diverse settimane in Russia un’intensa indignazione, diventando uno dei simboli della dura repressione contro chi si oppone all’operazione militare lanciata dal Cremlino in Ucraina più di un anno fa.

Ma la vicenda ha preso una nuova piega martedì quando il tribunale di Efremov, 300 km a sud di Mosca, ha dichiarato scomparso l’imputato Alexei Moskalyov, che era agli arresti domiciliari da marzo.

“Il verdetto è stato letto in assenza dell’imputato perché è scomparso e non ha partecipato alla seduta”, ha detto all’AFP il direttore delle comunicazioni del tribunale, Elena Mikhaylovska.

Poco prima, il tribunale ha riconosciuto il sig. Moskalyov, 54 anni, colpevole di “diffamazione” delle forze armate russe, e lo ha condannato a due anni di carcere, la pena che il pubblico ministero aveva chiesto il giorno prima.

Dal primo marzo è agli arresti domiciliari.

Secondo un funzionario del servizio stampa della corte, è “fuggito ieri sera”, ha detto ai giornalisti Olga Dyachuk, secondo un videoclip diffuso da diversi media russi.

Interrogato dall’AFP, il suo avvocato, Vladimir Belenko, ha dichiarato di averlo visto l’ultima volta lunedì.

In un comunicato stampa, l’Ong “Memorial” ha denunciato la “repressione” che ha preso di mira il sig. Moskalev e sua figlia, definendola “un tentativo di intimidire tutti gli oppositori della guerra”.

“Consideriamo il signor Moskalyov un prigioniero politico” in fuga, ha sostenuto l’Ong, che è stata sciolta lo scorso anno dalla magistratura russa.

(Files) In questa foto scattata il 23 marzo 2023, Alexei Moskalyov, 54 anni, genitore single di Maria Moskaliova, la tredicenne che ha disegnato un’immagine critica della repressione militare di Mosca in Ucraina a scuola nell’aprile dello scorso anno, è visto da la finestra del suo appartamento dopo essere stato messo sotto casa per ripetere i commenti ucraini denigratori dell’esercito russo, nella città di Yefremov nella regione di Tula. – Il 28 marzo 2023, un tribunale russo ha condannato al carcere un padre single per i suoi commenti sull’attacco di Mosca all’Ucraina, in un caso iniziato dopo che sua figlia aveva fatto un disegno sull’Ucraina a scuola. (Foto di Natalia KOLESNIKOVA / AFP) © AFP o suoi licenziatari

La scuola lo ha denunciato

Il caso è iniziato quando la figlia di Moskalyov, Maria, una studentessa di scuola media di 13 anni, ha fatto un disegno in classe che mostrava missili diretti verso una donna e un bambino con in mano una bandiera ucraina.

READ  Questo paese africano registra il maggiore aumento globale della spesa nel 2023 - La Nouvelle Tribune

Nel corso di una caccia a tutto campo alle voci critiche nei confronti dell’attentato in Ucraina, la direttrice della scuola ha immediatamente allertato la polizia.

Durante le indagini sul padre, le autorità hanno affermato di aver trovato su Internet post che criticavano l’operazione in Ucraina, il che lo ha portato a essere perseguito per “diffamazione della reputazione dell’esercito russo”.

Il signor Moskalyov è stato posto agli arresti domiciliari il 1° marzo e sua figlia è stata messa in una casa e gli è stato negato qualsiasi contatto con suo padre.

Il futuro della famiglia si deciderà anche durante un altro processo, a partire dal 6 aprile, durante il quale il sig. Moskalev rischia di privarlo definitivamente della potestà genitoriale.

Martedì il suo avvocato ha detto all’AFP che Maria Moskaleva è stata posta sotto tutela e potrebbe essere “mandata in un orfanotrofio entro un mese”.

In segno dell’indignazione suscitata da questo caso, è stata lanciata su Internet una petizione, nonostante le pressioni delle autorità, per chiedere la restituzione del bambino al padre.

Anche il capo del gruppo paramilitare russo Wagner, Yevgeny Prigozhin, i cui uomini combattono in prima linea in Ucraina, ha dato il suo appoggio a Maria e ha criticato le autorità locali.

Questo caso mostra la portata della repressione orchestrata dal Cremlino parallelamente al conflitto in Ucraina.

Poco dopo aver iniziato la sua offensiva iniziata nel febbraio 2022, la Russia ha imposto una serie di sanzioni penali per sopprimere ogni forma di critica nei confronti dei militari.

Sono stati arrestati famosi dissidenti e semplici cittadini, alcuni dei quali sono già stati processati e giudicati colpevoli.

READ  Tensioni in Kosovo: la Nato invia forze aggiuntive dopo violenti scontri