Giugno 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Riforma delle pensioni in Francia: il governo passa all’azione, sotto i fischi dell’assemblea Elisabeth Bourne 49,3

Riforma delle pensioni in Francia: il governo passa all’azione, sotto i fischi dell’assemblea Elisabeth Bourne 49,3

Quindi questo sarebbe un forte corridoio per la riforma delle pensioni in Francia. Giovedì il gabinetto ha autorizzato il governo ad assumersi la responsabilità davanti all’Assemblea nazionale di adottare la riforma delle pensioni senza voto, dopo che Emmanuel Macron ha scelto di utilizzare il controverso strumento 49.3, ci viene detto dall’Eliseo.

La presidenza della Repubblica ha detto all’AFP che “il presidente del Consiglio ha chiesto al presidente di potersi assumere la responsabilità del suo governo sul testo scaturito dalla commissione paritetica” che ha riunito mercoledì deputati e senatori.

Il Consiglio dei ministri si è riunito d’urgenza e si è pronunciato in merito in pochi minuti. Secondo uno dei partecipanti all’ultima riunione del campo presidenziale su Emmanuel Macron, “si è ritenuto che ci fossero troppi dubbi sul voto” per il pericolo di non avere la maggioranza. E questo post aggiungeva: “Il presidente voleva andare a votare, ma il presidente del Consiglio ha ritenuto che, per dubbi, avrebbe dovuto chiedere al presidente della repubblica di prendere in carico il governo tramite 49.3”.

Bourne si impegna sotto la responsabilità del governo entro il 49.3

La sessione sulla riforma delle pensioni giovedì ha iniziato a vibrare nell’Assemblea nazionale, quando Elizabeth Bourne è arrivata per spostare 49.3. I parlamentari di Nupes hanno cantato la marsigliese e l’etichetta “64 anni, è una la” è stata descritta dai parlamentari di sinistra.

Dopo una prima falsa partenza dovuta a un ritardo della sig.ra Bourne, la sessione è stata brevemente interrotta. Si è conclusa con la parola del premier sul podio, davanti ai parlamentari di LFI per chiedere le sue “dimissioni”. Ha affidato al suo governo la contestata riforma delle pensioni attraverso l’articolo 49.3 della Costituzione, che consente l’adozione del testo senza votazione ma lo espone a mozioni di censura.

READ  Il tuo cane è un idiota o un genio? Ecco le varietà più intelligenti

Oggi, attorno al testo del Parlamento, l’ambiguità incombe su alcuni voti. Non possiamo rischiare di vedere sbrogliare 175 ore di dibattito parlamentare. Non possiamo rischiare di veder compromesso il compromesso raggiunto dalle due società. Non possiamo scommettere sul futuro delle nostre pensioni e questa riforma è necessaria”, ha giustificato il Presidente del Consiglio all’inizio della seduta consiliare. Sulla base dell’articolo 49 comma 3 della Costituzione, mi assumo la responsabilità del mio governo nell’insieme del emendato disegno di legge sul finanziamento della previdenza sociale per l’anno 2023.

“Ci sarà una votazione”, ha aggiunto il capo del governo, anticipando una mozione di censura. «Tra pochi giorni non dubito che all’impegno di responsabilità del governo risponderanno una o più mozioni di censura. Il voto si svolgerà, quindi, come deve essere. Sarà dunque la democrazia parlamentare che avrà l’ultima parola”, si sviluppò.

Marine Le Pen ha annunciato che presenterà una mozione di censura

Marine Le Pen (RN) ha annunciato giovedì che presenterà una mozione di censura contro il governo dopo aver utilizzato Elizabeth Bourne 49.3 su un testo di riforma delle pensioni, sostenendo che quest’ultima “non poteva restare” a Matignon. “Auspichiamo che chi stava per votare contro questa riforma delle pensioni voti questa mozione di censura. Per quanto ci riguarda noi presenteremo una mozione e voteremo tutte le mozioni di censura che verranno avanzate, ” ha aggiunto il capo del caucus dell’Assemblea nazionale nell’Assemblea nazionale che conta 88 parlamentari.

Il candidato presidenziale tre volte fallito ha ritenuto che l’uso del 49.3 sia “una dichiarazione del completo fallimento di Emmanuel Macron” e un “fallimento personale” del Presidente della Repubblica, tanto quanto è una “straordinaria ammissione di debolezza “dal governo. Secondo lei, Elizabeth Bourne “non poteva restare” a Matignon. Marine Le Pen ha aggiunto: “Devi andartene. La residenza sarà considerata un ulteriore schiaffo in faccia al popolo francese”, dicendo che la situazione era una “crisi politica”.

READ  Accusa Kiev che la Russia "ha preso la Bielorussia come ostaggio nucleare".

Non c’è alcun movimento di colpa su LR

“Non aderiremo ad alcuna mozione di censura e non voteremo a favore di alcuna mozione di censura”, ha avvertito Eric Ciotti giovedì, dopo che il governo ha utilizzato il 49,3 per riformare le pensioni. «Non vogliamo aggiungere caos a caos», ha giustificato il presidente di LR, ma subito dopo è stato smentito dal deputato Aurélien Pradié, contrario alla riforma, il quale ha ritenuto, da parte sua, che «ogni deputato rimane libero di partecipare un altro voto di sfiducia”. “Non escludo alcuna ipotesi per definizione”, ha aggiunto il vice Lot.