Marzo 1, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ridurre gli impatti sanitari, sociali ed economici delle emergenze di salute pubblica

Ridurre gli impatti sanitari, sociali ed economici delle emergenze di salute pubblica

Riconoscendo gli effetti devastanti della pandemia di COVID-19 sui sistemi sanitari fragili, i ministri della Salute africani hanno adottato una nuova strategia volta a trasformare la sicurezza sanitaria e la risposta alle emergenze nella regione nei prossimi otto anni.

La “Strategia regionale per la sicurezza sanitaria e le emergenze 2022-2030”, adottata alla 72a sessione del Comitato regionale dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) a Lomé, mira a ridurre gli impatti sulla salute e sull’economia sociale delle emergenze di salute pubblica.

La regione africana subisce il maggior carico di emergenze sanitarie pubbliche, con più di 100 eventi di questo tipo che si verificano ogni anno.

Prima dell’emergere del COVID-19, le principali cause di epidemie nella Regione erano colera, morbillo, febbre gialla, meningite meningococcica, influenza e febbri emorragiche virali, la maggior parte delle quali poteva essere prevenuta rafforzando la vaccinazione di routine. Tuttavia, COVID-19 evidenzia la necessità di migliorare il monitoraggio, la diagnosi, il trattamento e una gamma di servizi sanitari. Le sue ripercussioni hanno sovraccaricato i sistemi sanitari, interrompendo la fornitura dei servizi sanitari essenziali e alimentando disordini sociali ed economici, minacciando di invertire decenni di duro lavoro sanitario e di progresso economico.

“Il virus COVID-19 sta ricordando alla regione africana la necessità di dare la priorità alla costruzione di sistemi sanitari resilienti in grado di fornire assistenza sanitaria di alta qualità mentre si affrontano le emergenze di salute pubblica”, ha affermato il dottor Matshidiso Moeti, direttore regionale dell’OMS per l’Africa.

Vi è una crescente consapevolezza della crescente minaccia che le emergenze sanitarie rappresentano per le economie e le società del mondo. Ciò evidenzia la necessità di un approccio One Health e di investimenti nella prevenzione e preparazione a queste emergenze. Investendo ora, possiamo prevenire il futuro collasso economico e sociale.

READ  5 Casi d'uso per il test dello spazio di dati sanitari europeo

L’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che ogni anno siano necessari fino a 4 miliardi di dollari, provenienti da fonti nazionali e internazionali, per finanziare completamente le capacità di sicurezza sanitaria essenziali nella regione e prepararsi meglio alla prossima pandemia. Ciò rappresenta circa $ 3 a persona all’anno.

La nuova strategia include meccanismi per rafforzare i partenariati e la cooperazione multisettoriali e garantire investimenti e riallocazione continui e prevedibili delle risorse per eradicare la polio e il COVID-19, al fine di sostenere gli investimenti strategici nei sistemi e negli strumenti di emergenza sanitaria pubblica.

Adottando questa strategia, gli Stati membri hanno convenuto di raggiungere 12 obiettivi entro il 2030 che rafforzerebbero le loro capacità di prevenire, prepararsi, individuare e rispondere alle emergenze sanitarie. Pertanto, l’80% degli Stati membri deve disporre di finanziamenti prevedibili e sostenibili per la sicurezza sanitaria, il 90% deve mobilitare una risposta efficace alle emergenze di salute pubblica entro 24 ore dal rilevamento e tutti i paesi devono disporre dell’80% dei propri distretti sanitari Programmi di erogazione di servizi funzionali e programmi di miglioramento della qualità.

Il dott. ha aggiunto.

Con il loro sostegno e la loro cooperazione, questo può aiutare a garantire che l’Africa sia in prima linea nella protezione del mondo da future pandemie.

Gli Stati membri hanno convenuto di dimostrare volontà politica e fornire leadership tecnica, mobilitare risorse interne ed esterne, fornire risorse umane e logistiche adeguate per attuare la strategia, nonché migliorare il coordinamento e la capacità per One Health a livello nazionale e decentralizzato.

L’OMS ha recentemente lanciato un’iniziativa pilota per aiutare i paesi a rendere operativa la strategia appena adottata ed è attualmente in fase di attuazione in cinque paesi della regione africana: Botswana, Mauritania, Niger, Nigeria e Togo. Entro la fine dell’anno si prevede di raggiungere più paesi e di ampliare i programmi a livello regionale nei prossimi cinque anni.

READ  Sviluppare il pensiero clinico con la prossima generazione di professionisti sanitari - College of Medicine