Ottobre 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il passato del buco in cui è atterrata la perseveranza intriga gli scienziati

Sarai anche interessato


[EN VIDÉO] Perseveranza nella ricerca della vita su Marte
Perseveranza, è così che la NASA ha deciso di nominare il rover che invierà su Marte nell’estate del 2020. Il rover da cui i ricercatori si aspettano molto. Sarà il primo a raccogliere campioni di roccia per riportarli sulla Terra. Obiettivo: ricercare tracce di vita microbica.

Arrivo del risciò perseveranza su Marte, che ha integrato gli strumenti già in loco come Curiosità Rover o il Stazione sismica Insightha permesso di esplorare un nuovo ambiente su Marte: il cratere Jezero.

Le prime osservazioni hanno permesso di stabilire rapidamente che questo cratere era occupato da un vasto lago, È alimentato da un fiume che forma un delta. Il sito è quindi particolarmente adatto per lo studio della storia acquosa del Pianeta Rosso e per la ricerca di possibili tracce di vita. Tuttavia, questi argomenti richiedono uno studio approfondito geologia Luogo: natura rupestre, mineralogia e architettura sedimentaria attestante episodi e condizioni lacustreE il vulcani

In attesa che i campioni tornino sulla Terra, Operazione prevista solo nel 2033tuttavia, le analisi stanno procedendo bene dai dati migrati da rover. Quattro nuovi studi sono stati pubblicati insieme e descrivono in dettaglio la natura del suolo e del sottosuolo del cratere Jezero.

Il fondo del cratere Jezero è composto da rocce ignee di origine profonda

Durante il suo viaggio nel cuore dell’antico lago, il carro della perseveranza aveva già condotto molte analisi delle rocce che compongono il fondo del cratere. Quando tutti si aspettano di trovare rocce sedimentarie deposizione sul fondo del lago o rocce vulcanichecome i vecchi ruscelli Produzionei dati hanno rivelato che il cratere in effetti È spesso formato dall’accumulo di roccia fusa. Cerca questo tipo di rocciacolpo È incredibile, perché queste rocce si chiamano sotterraneoil che significa che di solito si forma in profondità, generalmente nel nucleo camere magmatiche O sul fondo dei laghi di lava. In realtà deriva dal lento raffreddamento di magma. I cristalli che si formano al diminuire della temperatura si depositeranno gradualmente sul fondo del serbatoio di magma e si accumuleranno per formare roccia stratificata.

READ  Come aumenti le tue possibilità di vincere il jackpot? Lo statistico ti dà il suo consiglio

Ad ogni modo, la presenza di questo tipo di roccia affiorante sul fondo del cratere può significare solo una cosa: tutto il materiale che lo ricopriva è stato asportato dal lento processo di erosione nel corso degli anni. miliardi di anni. Parliamo ancora di una roccia spessa diverse centinaia di metri! Questi risultati sono stati pubblicati sulla rivista Scienze sotto il titolo Una sporgenza di olivina si è accumulata sul fondo del cratere Jezeropianeta Marte E anche nell’articolo Composizione: Topografia vulcanica stratiforme e densità del cratere Jezero, Marte presenti in progresso della scienza.

questo è stratificazione Dal basamento del cratere Jezero è stato confermato dalle immagini radar realizzate da Perseverance. Lo strumento portato dal rover ha già permesso di riprendere l’interno della Terra a una profondità di circa 15 m, rivelando una struttura altamente stratificata, spiegabile dall’origine litica delle rocce, ma anche dalla presenza di depositi sedimentari lacustri. Questi risultati sono presentati nell’articolo Osservazioni radar a penetrazione del suolo di strutture sotterranee nel fondo del cratere Jezero, MartePubblicato sulla rivista progresso della scienza.

Una cosa è certa, le rocce analizzate dal rover attestano un anello roccioso prima della formazione del delta di Jezero. Quindi possono consentire di dare un limite inferiore all’età di questa formazione sedimentaria.

Vari effetti dei fattori meteorologici nell’acqua

La loro scoperta è doppiamente interessante perché queste rocce sopportano anche gli agenti atmosferici dell’acqua. Il rocce ignee Poiché la data è particolarmente facile da determinare, i campioni prelevati con perseveranza possono consentire di stabilire una cronologia accurata dei vari eventi acquatici del sito e in particolare per la storia della formazione del lago. Questi dati sono uno degli elementi chiave che consentono una migliore comprensione dell’evoluzione del clima Marziano. Quindi lo studio di queste rocce potrebbe permetterci di sapere esattamente quando il clima del pianeta ha permesso la creazione di un sistema idrico in superficie e quando la situazione è cambiata drasticamente verso le condizioni fredde e secche che osserviamo oggi.

READ  Richard Stanwyck, in pensione dopo 26 anni dal servizio sanitario pubblico della Columbia Britannica.

La perseveranza, tuttavia, non è in grado di eseguire tali date. Quindi dovremo aspettare pazientemente che i campioni tornino sulla Terra. Grazie agli strumenti a bordo del rover è possibile uno studio dettagliato degli accumuli sul fondo del cratere. La loro analisi minerale mostra che è composto da piccoli cristalli complessi diolivina e pirosseno, indicando una lenta cristallizzazione. Ma ciò che interessa agli specialisti sono gli effetti degli agenti atmosferici dell’acqua. Sembra che i diversi campioni prelevati dalla perseveranza in diversi punti del cratere siano stati effettivamente modificati in modi diversi.

Le rocce del sito di Moaz contengono nei loro pori metallo che potrebbe essere costituito da a Acqua salataTroppo salato. Al contrario, le rocce del sito di Sitah mostrano tracce di interazione con acque ricche di carbonati. Pertanto, i due campioni attestano un cambiamento delle condizioni del lago nel tempo, che potrebbe essere correlato ad esso Cambiamento climatico. Ancora una volta, dovremo aspettare che i campioni tornino sulla Terra in modo da poter datare con precisione queste diverse fasi e stabilirne la cronologia. I dettagli dell’analisi sono disponibili nell’articolo Campioni di roccia ignea modificata idrolitica sul fondo del cratere Jezero, Martepubblicato in Scienze.

Tuttavia, la mancanza di minerali dall’erosione delle rocce ignee indica che il periodo di esistenza del lago era relativamente breve.

campioni preziosi

A parte il caso molto locale di Jezero, uno studio più dettagliato dei depositi ricchi di olivina potrebbe aiutare a comprendere meglio l’attività magmatica di Marte. Combinati con le immagini satellitari, i dati riportati da Perseverance possono aiutare a dipingere un quadro più ampio della storia vulcanica del pianeta.

READ  Blue Origin e Sierra Space vogliono costruire un'enorme stazione spaziale commerciale ad "uso misto"

Comprendiamo meglio il valore dei campioni prelevati dalla perseveranza e dalle precauzioni che gli scienziati incaricati della missione prendono per garantire supportare E il loro arrivo sulla Terra 11 anni dopo. In ciascuno dei quattro siti studiati, i campioni prelevati sono stati ripetuti. Questi duplicati verranno archiviati in una posizione di backup vicino al delta nel caso in cui i campioni trattenuti dalla persistenza non possano essere recuperati, ad esempio a causa di un guasto meccanico. In questo sito saranno conservati anche campioni di rocce sedimentarie recentemente raccolti dal rover di livello delta. Nuovi campioni dovrebbero anche fornirci preziose informazioni sul passato di Marte.

Interessato a quello che hai appena letto?