Febbraio 25, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Recensione: PlayStation Portal – Il lussuoso compagno per la tua PS5

Recensione: PlayStation Portal – Il lussuoso compagno per la tua PS5

Chiunque sperasse in un successore di nuova generazione di PlayStation Portable (PSP) o Vita rimarrà deluso. Il nuovo Portale non è in realtà una console di gioco portatile autonoma, ma un partner della PS5. Pratico quando la TV è “occupata” o quando vuoi semplicemente giocare sul tuo comodo divano, ma in questo caso vale la pena pagare 220 euro?

Sony Interactive Entertainment descrive il Portale come un “trigger remoto” per la console PS5. Tuttavia, questo tipo di dispositivo non è nuovo: con Applicazione o software personalizzato (Per PC e Mac), puoi facilmente trasformare il tuo smartphone, tablet o computer (e ora anche Android TV) in un “PlayStation Remote”. È addirittura gratuito e con questo tipo di accordo puoi semplicemente continuare a utilizzare la tua console PlayStation. Ma che vantaggio porta il portale?

spensierato

La migliore risposta che possiamo immaginare a questa domanda è: questa è una soluzione completa che è particolarmente interessante perché non crea problemi. In termini di facilità d’uso e affidabilità, il gateway supera facilmente le suddette soluzioni di “operatore remoto”, poiché a volte è necessario armeggiare un po’ per farlo funzionare (e mantenerlo) correttamente e senza ritardi. . Il suo vantaggio principale risiede nella combinazione di un eccellente display LCD da 8 pollici e del familiare controller PS5, che è completato da un feedback tattile e da una funzione di trigger adattivo (Adaptive Trigger) che genera resistenza dinamica sui grilletti. Tuttavia, il Portal è molto più grande e un po’ più pesante del controller “classico”, il che richiede sicuramente un periodo di adattamento, soprattutto all’inizio.

Potremmo rammaricarci che il Portale non sia dotato di uno schermo OLED, come nel caso del recente Nintendo Switch. Tuttavia, questo probabilmente farà aumentare ulteriormente il prezzo, mentre la qualità dell’immagine del display LED IPS è più che adeguata: nitida, ricca di contrasto e dotata di una risoluzione Full HD 1080p con – in condizioni ideali – frame rate fino a 60 fps ( fps), a seconda della velocità di connessione (vedi sotto).

READ  I turisti giapponesi tornano sulla Terra dopo 12 giorni sulla Stazione Spaziale Internazionale

Touchpad virtuale

A casa, sul nostro wifi, il gateway funziona meglio. Il dispositivo stabilisce una connessione alla PlayStation 5 molto rapidamente, una volta configurato per supportare la riproduzione remota. Quindi non c’è quasi nessun fastidioso ritardo durante la lettura. Sullo schermo da 8 pollici vediamo esattamente le stesse cose che sulla TV, tranne qualche piccola icona in più. Possiamo vedere in alto e a destra sul gateway gli indicatori del segnale wireless, dello stato della batteria, un piccolo orologio ed un pulsante che permette di accedere velocemente ai parametri principali.

Ciò che sorprende è che, a differenza del normale controller PS5, il Portale non ha un touchpad fisico. Invece, nell’interfaccia sono integrati speciali touchpad, che fluttuano come un sottile strato aggiuntivo sopra i giochi (e rimangono invisibili finché non vengono toccati). Perché sì, il Portale è dotato di un touchscreen completo, che in linea di principio consente anche di controllare l’intera PlayStation.

Per il resto avremo pochi pareri negativi sull’hardware, tranne che Sony ha una fiducia “cieca” nella “memoria dei pulsanti” dei suoi fan. I numerosi pulsanti disponibili sopra e attorno al cancello sono in realtà realizzati in plastica nera, il che li rende difficili da riconoscere (al buio) su uno sfondo altrettanto scuro. Ciò include, tra le altre cose, i pulsanti del volume, i pulsanti di accoppiamento per le cuffie wireless e il pulsante di attivazione/disattivazione del microfono. Ma ehi, dopo un po’ ti abituerai.

E fuori casa?

Tuttavia, solo perché il Gateway stesso non ha giochi “integrati”, non significa che sarai condannato a rimanere vicino alla tua rete domestica. Qualsiasi infrastruttura sufficientemente veloce sarà in linea di principio sufficiente per connettere il dispositivo da remoto a una PS5 a casa tua. Il produttore dichiara un minimo di 5 Mbps, ma consiglia una connessione internet più veloce di almeno 15 Mbps per una buona esperienza.

READ  La NASA mantiene il suo massiccio decollo del razzo per la luna mercoledì

Al momento questo non dovrebbe essere un problema (con amici, familiari, ecc.), ma noterai in queste circostanze che può volerci molto più tempo prima che i dispositivi si riconoscano, a volte anche pochi minuti. (Alcuni tester arrivano al punto di dire dieci minuti, ma durante i test siamo riusciti a evitare quel tempo di attesa.) Non è disastroso, ma non è nemmeno divertente. La cosa più fastidiosa è che non sai mai esattamente quanto tempo ci vorrà. La prima volta la comunicazione avviene immediatamente e la volta successiva avrete tutto il tempo per un rinfresco. Si spera che Sony Interactive Entertainment rilasci un aggiornamento per mettere le cose a posto.

©Sony

Sparatutto contro Sackboy

Per quanto riguarda il lag, anche a distanze maggiori va tutto bene. Anche se questo dipende ovviamente anche dal tipo di gioco: nel caso di un gioco di corse o di sparatutto, la differenza in millisecondi è più significativa che in un gioco Unravel o Sackboy. Pertanto, se si verifica un errore improvviso… ti ritroverai a configurarti più rapidamente o a risorgere prima rispetto a una normale sessione PS5.

Punti deboli? Probabilmente speravamo in una risposta PlayStation completa su Nintendo Switch, così da poter giocare ai nostri giochi preferiti ovunque. Ma Sony ha deciso diversamente. Il portale è in realtà un compromesso. Uno strumento che può essere utilizzato (rapidamente) ovunque per giocare su PS5, ma anche a casa d’altri, senza essere in definitiva equivalente a Switch.

A livello tecnico è anche possibile connettere la console tramite hotspot wifi al proprio smartphone e creare così una connessione 4G o 5G per connettersi con la propria PlayStation 5. E alla velocità del 5G, ovviamente, ciò è del tutto possibile, sempre con una piccola svolta unica. Resta da vedere quanti possessori di PlayStation Portal – ovvero un vasto pubblico giovane – avranno uno smartphone 5G, per non parlare dell’enorme quantità di dati necessaria per poter trasmettere i giochi via etere al gadget per un mese. A nostro avviso non è questo lo scopo per cui il portale è stato progettato.

READ  I segreti scientifici delle opere d'arte

Conclusione

Qualunque approccio tu adotti, possiamo dire con certezza che Portal è prima di tutto un lussuoso compagno per la tua PlayStation 5. Ma serve davvero questo strumento? La risposta dipende principalmente da quanto sei soddisfatto delle attuali soluzioni di riproduzione remota. In termini di facilità d’uso il portale ha sicuramente un punteggio superiore: basta attivarlo e giocare, sia a casa che altrove. Il suo prezzo non è certo esorbitante, ma sappiate che acquistando il Gateway potrete risparmiare sull’acquisto di una seconda console PS5 (del valore di circa 70 euro).

In breve, questo è un ottimo prodotto per il quale esiste sicuramente un mercato. Ma per circa 220 euro riceverai tre o anche quattro nuovi giochi molto interessanti. Sta a te decidere quali sono le tue priorità!

©Sony