Marzo 2, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Questa indagine rivela le circostanze delle riprese del documentario diretto da Yann Mouix con Depardieu

Questa indagine rivela le circostanze delle riprese del documentario diretto da Yann Mouix con Depardieu
Chiusa in prescrizione la causa di Hélène Darras contro Gérard Depardieu

Tuttavia, nel tentativo di ottenere un visto, Yann Mouix ha deciso di fondare un'associazione per fare amicizia con scrittori franco-coreani e riunire diverse personalità potenzialmente attraenti per il regime nordcoreano.

Un'indagine della rivista Le Monde ha rivelato che inizialmente la produzione sarebbe stata basata su Jean-Claude Van Damme. Questa persona, che sarebbe molto stimata da Kim Jong Un, ha smentito questa informazione dichiarando di non essere mai stata contattata dalla produzione. Yann Mouix, infatti, ha raccontato a France Inter di essersi poi recato da Gérard Depardieu per offrirgli come scusa un film biografico: “Ho detto: Gerard, ti piacerebbe andare in Corea del Nord? Aprì il suo taccuino e disse: Che data? Il regista poi afferma di averlo filmato senza troppi permessi perché stava girando un documentario: “ “Ho avuto l'idea di filmare Gérard, in realtà l'ho fatto implicitamente. Non gli ho chiesto il permesso perché stavo per finire un documentario lì. Lui non ha detto né sì né no, l'ho filmato e lui non ha detto non dire nulla.”

Le “ulteriori indagini” su Gérard Depardieu saranno analizzate dalla Procura di Parigi

Di ritorno in Francia c'è delusione: il documentario non fa nulla. Un montatore ne ha creato una versione di due ore e mezza che non verrà mai pubblicata e rimarrà sui dischi rigidi dei produttori. Le uniche foto che verranno rilasciate saranno quelle delle ulteriori indagini. Il giornalista investigativo, dopo aver visto l'intero documentario, conferma che probabilmente era meglio così.